Nelle corso delle settimane passate, personale della Capitaneria di porto di Crotone e del Nucleo Carabinieri Ispettorato del Lavoro, ha effettuato controlli congiunti in materia ambientale e di sicurezza sui luoghi di lavoro nei cantieri del porto cittadino.

In generale, la situazione rilevata non è risultata delle migliori, con situazioni tali da integrare gli estremi di infrazioni a norme di legge e regolamentari.

In particolare, nei tre cantieri ispezionati è stata accertata la mancanza di un adeguato sistema di raccolta di acque di prima pioggia e di lavaggio delle aree esterne, col rischio concreto, pertanto, che sostanze inquinanti derivanti dalle lavorazioni finiscano, attraverso la rete delle acque meteoriche, in mare con evidente pregiudizio per l'ambiente marino costiero.

In alcuni dei suddetti cantieri, è stata riscontrata anche la presenza di consistenti accumuli di rifiuti di vario genere in abbandono, anche pericolosi ed anche in prossimità della banchina, con potenziale nocumento per l'ambiente marino costiero. In un caso particolare, data la pericolosità e la quantità dei rifiuti, si è proceduto al loro sequestro preventivo, facendoli stoccare in una specifica area del cantiere al riparo dalle intemperie, e il titolare deferito all'Autorità Giudiziaria competente in ordine alle ipotesi di reato previste dal "Codice dell'ambiente" (Decreto Legislativo 3 aprile 2006 nr. 152), oltre a ricevere una sanzione amministrativa pecuniaria per non aveva annotato regolarmente il carico dei rifiuti pericolosi sul relativo formulario.

Di fronte a tali circostanze, che integrano illeciti di natura contravvenzionale, è stato prescritto l'immediato adeguamento alle normative vigenti e, qualora, all'esito delle verifiche, le prescrizioni impartite non dovessero aver trovato ottemperanza, saranno applicate le discendenti - e pesanti - sanzioni pecuniarie.

Sono altresì state elevate dai Carabinieri del Nucleo Ispettorato del Lavoro ulteriori sanzioni amministrative pecuniarie, per violazioni in materia di sicurezza sui luoghi di lavoro.

11/06/2021 Crotone

Nelle corso delle settimane passate, personale della Capitaneria di porto di Crotone e del Nucleo Carabinieri Ispettorato del Lavoro, ha effettuato controlli congiunti in materia ambientale e di sicurezza sui luoghi di lavoro nei cantieri del porto cittadino.

In generale, la situazione rilevata non è risultata delle migliori, con situazioni tali da integrare gli estremi di infrazioni a norme di legge e regolamentari.

In particolare, nei tre cantieri ispezionati è stata accertata la mancanza di un adeguato sistema di raccolta di acque di prima pioggia e di lavaggio delle aree esterne, col rischio concreto, pertanto, che sostanze inquinanti derivanti dalle lavorazioni finiscano, attraverso la rete delle acque meteoriche, in mare con evidente pregiudizio per l'ambiente marino costiero.

In alcuni dei suddetti cantieri, è stata riscontrata anche la presenza di consistenti accumuli di rifiuti di vario genere in abbandono, anche pericolosi ed anche in prossimità della banchina, con potenziale nocumento per l'ambiente marino costiero. In un caso particolare, data la pericolosità e la quantità dei rifiuti, si è proceduto al loro sequestro preventivo, facendoli stoccare in una specifica area del cantiere al riparo dalle intemperie, e il titolare deferito all'Autorità Giudiziaria competente in ordine alle ipotesi di reato previste dal "Codice dell'ambiente" (Decreto Legislativo 3 aprile 2006 nr. 152), oltre a ricevere una sanzione amministrativa pecuniaria per non aveva annotato regolarmente il carico dei rifiuti pericolosi sul relativo formulario.

Di fronte a tali circostanze, che integrano illeciti di natura contravvenzionale, è stato prescritto l'immediato adeguamento alle normative vigenti e, qualora, all'esito delle verifiche, le prescrizioni impartite non dovessero aver trovato ottemperanza, saranno applicate le discendenti - e pesanti - sanzioni pecuniarie.

Sono altresì state elevate dai Carabinieri del Nucleo Ispettorato del Lavoro ulteriori sanzioni amministrative pecuniarie, per violazioni in materia di sicurezza sui luoghi di lavoro.

Crotone

Immagine segnaposto

La Guardia Costiera trova il corpo dell'apneista disperso in mare a Capo Colonna

Immagine segnaposto

Esercitazione antinquinamento e antincendio in porto 2021

Immagine segnaposto

10 Giugno 2021 – Giornata della Marina Militare – 160° Anniversario dalla nascita