Sotto il coordinamento del 3° Centro Controllo Area Pesca della Direzione Marittima di Civitavecchia, personale specializzato delle Capitanerie di porto di Civitavecchia e Roma, nell'ambito di un'attività a tutela del consumatore finale di prodotti ittici, hanno ispezionato alcuni ristoranti di cucina etnica dei quartieri centrali della Capitale.

Nello specifico, il personale della Guardia Costiera si è concentrato su alcune strutture di ristorazione asiatica dei quartieri "Parioli" e "Centocelle", riscontrando diverse irregolarità che hanno portato all'elevazione di verbali amministrativi per un totale di 9.166 euro e al relativo sequestro di oltre 160 chili di prodotto, a causa della mancanza di tracciabilità dei prodotti ittici conservati e della detenzione, per la successiva somministrazione, di alimenti scaduti.

In particolare, in uno dei locali, a seguito di numerose e importanti irregolarità igienico-sanitarie riscontrate, si è reso necessario l'intervento della competente A.S.L. di Roma e della Polizia Locale di Roma Capitale.

Le competenti Autorità locali, di concerto con la Capitaneria di porto di Roma, hanno avviato il procedimento per la chiusura temporanea dell'esercizio commerciale, ed al titolare dell'attività sono state comminate sanzioni pecuniarie per oltre 4.000 euro.

L'attività di controllo della tracciabilità di prodotto ittico rientra nelle più ampie competenze del Corpo delle Capitanerie di porto in materia di tutela della risorsa ittica, tra i cui obiettivi, vi è senza alcun dubbio la tutela del consumatore finale, nell'interesse pubblico della sicurezza alimentare.

 

 

Civitavecchia, 31.03.2017

31/03/2017 Civitavecchia

Sotto il coordinamento del 3° Centro Controllo Area Pesca della Direzione Marittima di Civitavecchia, personale specializzato delle Capitanerie di porto di Civitavecchia e Roma, nell'ambito di un'attività a tutela del consumatore finale di prodotti ittici, hanno ispezionato alcuni ristoranti di cucina etnica dei quartieri centrali della Capitale.

Nello specifico, il personale della Guardia Costiera si è concentrato su alcune strutture di ristorazione asiatica dei quartieri "Parioli" e "Centocelle", riscontrando diverse irregolarità che hanno portato all'elevazione di verbali amministrativi per un totale di 9.166 euro e al relativo sequestro di oltre 160 chili di prodotto, a causa della mancanza di tracciabilità dei prodotti ittici conservati e della detenzione, per la successiva somministrazione, di alimenti scaduti.

In particolare, in uno dei locali, a seguito di numerose e importanti irregolarità igienico-sanitarie riscontrate, si è reso necessario l'intervento della competente A.S.L. di Roma e della Polizia Locale di Roma Capitale.

Le competenti Autorità locali, di concerto con la Capitaneria di porto di Roma, hanno avviato il procedimento per la chiusura temporanea dell'esercizio commerciale, ed al titolare dell'attività sono state comminate sanzioni pecuniarie per oltre 4.000 euro.

L'attività di controllo della tracciabilità di prodotto ittico rientra nelle più ampie competenze del Corpo delle Capitanerie di porto in materia di tutela della risorsa ittica, tra i cui obiettivi, vi è senza alcun dubbio la tutela del consumatore finale, nell'interesse pubblico della sicurezza alimentare.

 

 

Civitavecchia, 31.03.2017

Civitavecchia

Immagine segnaposto

Operazione Mare Sicuro 2021 il bilancio della Guardia Costiera nel Lazio

Immagine segnaposto

Attracco nave portacontainer banchina 25

Immagine segnaposto

Attività sul territorio controlli e sanzioni

Immagine segnaposto

Giornata europea del mare