​​​Il giorno 07 Settembre 2015 alle ore 19.20 il personale della Sala Operativa della Capitaneria di Porto di Civitavecchia, durante la regolare attività di monitoraggio delle navi, rilevava un'eccessiva quantità di fumi di scarico emessi da una nave di linea della Compagnia Majesty Trading, battente bandiera maltese, in sosta all'interno del porto.

Contattata più volte dal personale della Sala Operativa attraverso i canali VHF, la nave non cessava le emissioni che venivano intensificate nel corso della successiva manovra di disormeggio.

Si è proceduto quindi a denunciare il Comandante della nave in questione ai sensi degli artt.650 e 674 del codice di procedura penale (che punisce emissioni moleste di gas, vapori o fumo nell'aria), ed a redigere una notizia di reato a suo carico, che sarà successivamente trasmessa alla competente Procura della Repubblica.

Con l'aumento dei traffici nel porto di Civitavecchia viene maggiormente valorizzato il ruolo e la funzione del controllo per garantire quella sostenibilità e compatibilità ai principi di tutela ambientale scanditi dalle norme di riferimento. 

Questo è, infatti, un altro provvedimento posto in essere dalla Capitaneria,  nel corso della corrente stagione estiva, a carico di quelle navi che hanno prodotto una fumata eccessiva nel cielo della città.

14/09/2015 Civitavecchia

​​​Il giorno 07 Settembre 2015 alle ore 19.20 il personale della Sala Operativa della Capitaneria di Porto di Civitavecchia, durante la regolare attività di monitoraggio delle navi, rilevava un'eccessiva quantità di fumi di scarico emessi da una nave di linea della Compagnia Majesty Trading, battente bandiera maltese, in sosta all'interno del porto.

Contattata più volte dal personale della Sala Operativa attraverso i canali VHF, la nave non cessava le emissioni che venivano intensificate nel corso della successiva manovra di disormeggio.

Si è proceduto quindi a denunciare il Comandante della nave in questione ai sensi degli artt.650 e 674 del codice di procedura penale (che punisce emissioni moleste di gas, vapori o fumo nell'aria), ed a redigere una notizia di reato a suo carico, che sarà successivamente trasmessa alla competente Procura della Repubblica.

Con l'aumento dei traffici nel porto di Civitavecchia viene maggiormente valorizzato il ruolo e la funzione del controllo per garantire quella sostenibilità e compatibilità ai principi di tutela ambientale scanditi dalle norme di riferimento. 

Questo è, infatti, un altro provvedimento posto in essere dalla Capitaneria,  nel corso della corrente stagione estiva, a carico di quelle navi che hanno prodotto una fumata eccessiva nel cielo della città.

Civitavecchia

Immagine segnaposto

Operazione Mare Sicuro 2021 il bilancio della Guardia Costiera nel Lazio

Immagine segnaposto

Attracco nave portacontainer banchina 25

Immagine segnaposto

Attività sul territorio controlli e sanzioni

Immagine segnaposto

Giornata europea del mare