Secondo accosto di una nave portacontainer da 330 metri nel porto di Civitavecchia

 

Nel rispetto delle cautele adottate dall'Autorità marittima e sotto l'occhio vigile del nucleo nostromi della Capitaneria di porto di Civitavecchia, è stato registrato stamani il secondo accosto alla banchina 25 di una nave portacontainer di grandi dimensioni, 330 metri di lunghezza e 48 di larghezza.

La delicata manovra di ormeggio e soprattutto la complessa evoluzione avvenuta in concomitanza con la presenza di unità da crociera presso l'antemurale e di navi da carico alla banchina 23, si è svolta in assoluta sicurezza nel bacino portuale con due piloti a bordo della portacontenitori e l'ausilio di tre rimorchiatori portuali con i cavi che hanno lavorato a pieno regime.

Per consentire le fasi di manovra la Capitaneria di porto, d'intesa con l'Autorità di Sistema portuale del Mar Tirreno centro settentrionale e la collaborazione dei servizi tecnico-nautici, aveva approvato lo scorso 5 luglio il provvedimento dispositivo (ordinanza n. 51/2021) che dettava regole e prescrizioni a tutela e garanzia della sicurezza della navigazione. Nonostante i ridotti spazi di manovra, in particolare quelli necessari per l'evoluzione del mercantile, grazie alla sinergica azione di AdSP e Capitaneria di porto, è stato possibile consentire sperimentalmente l'accosto di una seconda "grande nave". L'auspicio è che, sulla scorta della positiva esperienza maturata, il traffico di tali unità possa consolidarsi su base settimanale, permettendo allo scalo civitavecchiese di ampliare le proprie performance e migliorare le prospettive di sviluppo.


16/07/2021 Civitavecchia Eventi

Secondo accosto di una nave portacontainer da 330 metri nel porto di Civitavecchia

 

Nel rispetto delle cautele adottate dall'Autorità marittima e sotto l'occhio vigile del nucleo nostromi della Capitaneria di porto di Civitavecchia, è stato registrato stamani il secondo accosto alla banchina 25 di una nave portacontainer di grandi dimensioni, 330 metri di lunghezza e 48 di larghezza.

La delicata manovra di ormeggio e soprattutto la complessa evoluzione avvenuta in concomitanza con la presenza di unità da crociera presso l'antemurale e di navi da carico alla banchina 23, si è svolta in assoluta sicurezza nel bacino portuale con due piloti a bordo della portacontenitori e l'ausilio di tre rimorchiatori portuali con i cavi che hanno lavorato a pieno regime.

Per consentire le fasi di manovra la Capitaneria di porto, d'intesa con l'Autorità di Sistema portuale del Mar Tirreno centro settentrionale e la collaborazione dei servizi tecnico-nautici, aveva approvato lo scorso 5 luglio il provvedimento dispositivo (ordinanza n. 51/2021) che dettava regole e prescrizioni a tutela e garanzia della sicurezza della navigazione. Nonostante i ridotti spazi di manovra, in particolare quelli necessari per l'evoluzione del mercantile, grazie alla sinergica azione di AdSP e Capitaneria di porto, è stato possibile consentire sperimentalmente l'accosto di una seconda "grande nave". L'auspicio è che, sulla scorta della positiva esperienza maturata, il traffico di tali unità possa consolidarsi su base settimanale, permettendo allo scalo civitavecchiese di ampliare le proprie performance e migliorare le prospettive di sviluppo.


Eventi

Immagine segnaposto

Operazione Onda BLU contrasto illeciti ambientali

Immagine segnaposto

Corso formazione BLSD militari Guardia Costiera Civitavecchia

Immagine segnaposto

Il Direttore marittimo del Lazio in visita dal Procuratore di Cassino

Civitavecchia

Immagine segnaposto

Operazione Mare Sicuro 2021 il bilancio della Guardia Costiera nel Lazio

Immagine segnaposto

Attività sul territorio controlli e sanzioni

Immagine segnaposto

Giornata europea del mare