Il porto di Cesenatico è la location scelta dalla Direzione Marittima dell'Emilia Romagna, per festeggiare i 150 anni di vita delle Capitanerie di Porto, importante istituzione militare al servizio del Paese per la sicurezza e la legalità nelle coste e nei mari.

Sarà infatti piazza Spose dei Marinari, con le sue suggestioni e lo sfondo delle vele storiche (per l'occasione tutte schierate nel tratto di porto adiacente la piazza) e dei capanni da pesca sul molo di ponente, ad ospitare il grande evento. L'appuntamento è il 20 luglio, a partire dalle 19.30, per una serata in grande stile, in cui la Capitaneria di Porto presenterà tutti i suoi uomini ed i mezzi migliori, ospitando le massime autorità regionali e, ovviamente, tutti gli operatori marittimi, balneari e portuali.

La manifestazione è stata anticipata dal comandante dell'Ufficio Circondariale Marittimo di Cesenatico, il tenente di vascello Stefano Luciani, il quale ha tenuto a battesimo un'altra iniziativa che lega la marineria storica e la Guardia costiera.

L'imbarcazione "Asso" del pescatore in pensione Italo Bartolini, è infatti armata con una vela che ricorda proprio il 150° delle Capitanerie di Porto, fondate con Regio Decreto proprio il 20 luglio 1865. La dedica è il frutto di un lavoro congiunto, ideato dall'artista Berico, al secolo Enrico Bartolini, figlio di Italo, il quale ha disegnato e colorato il logo istituzionale stampato anche grazie al contributo della ditta Adria Bandiere. Così ogni giorno su "Asso" si potrà ammirare un'opera che ne affianca già un'altra di Berico, l'asso di bastoni, disegnato e dipinto sulla vecchia vela al terzo, in segno di goliardia per ricordare il gioco delle carte ed in particolare il maraffone.

Italo oggi ha 91 anni, è un pescatore in pensione, ma marinaio attivissimo, e quindici anni fa ha deciso di restaurare una vecchia lancia lunga sei metri, costruita nel 1950 in un cantiere di Cattolica. Da quello che era un mucchio di assi tutte da sistemare, assieme al noto cantiere "Marconi" di Cesenatico, l'anziano marinaio ha ricavato "Asso", che fa bella mostra sul porto canale di fronte al palazzo municipale di via Moretti, assieme agli altri barchini storici restaurati e tuttora naviganti, di proprietà di altri pescatori e appassionati in pensione.

"Sono contento che il Comandante abbia proposto di inalberare la vela dedicata alle Capitanerie proprio nella mia barca_dice Italo_. Il mare resta per me una delle più grandi passioni: poter vivere la mia vecchiaia in mare è una grande gioia, ed al mattino, quando guardo il tempo, la mia preoccupazione è quella di riuscire a trovare condizioni meteo buone per mettermi al timone della mia barca, "Asso", e navigare al largo di Cesenatico".

Il comandante Stefano Luciani sottolinea lo spirito di collaborazione che, da sempre, caratterizza i rapporti fra l'Ufficio Circondariale Marittimo e tutti gli operatori marittimi e portuali presenti in Città, ivi compreso il Museo della Marineria, che pure ha da subito caldeggiato l'iniziativa: "La gente di mare tutta, a Cesenatico, ha un grande rispetto per l'Autorità Marittima, da sempre percepita come un'istituzione al servizio della collettività, uno sportello sempre a disposizione dei cittadini, siano essi operatori portuali alle prese con le attività della pesca e cantieristiche, marittimi alle prese con le difficoltà del lavoro in mare, operatori balneari, diportisti, o anche – in questo periodo soprattutto - semplici turisti. Tale spirito è testimoniato dalla forte partecipazione che c'è stata anche per realizzare la vela a ricordo del 150° delle Capitanerie di Porto, per la quale il mio ringraziamento va all'artista Berico, all'Adria Bandiere, oltre che, ovviamente, a Italo che, con entusiasmo ed orgoglio, ha deciso di inalberare le nostra vela nella sua imbarcazione: alla sua età, con il sorriso sempre stampato sul volto, rappresenta un punto di riferimento per i giovani marinai e pescatori di oggi, e vederlo navigare, al mattino presto, con tanta passione, a bordo della sua barca storica, è davvero un'emozione unica".

Nella giornata del 20 luglio, nell'ambito delle celebrazioni per il 150°, gli amministratori di Cesenatico e le autorità presenti sveleranno anche l'intitolazione di un piazzale, sul molo di levante, adiacente la piazza degli Archi, alle Capitanerie di Porto: segno di riconoscimento da parte di tutta l'Amministrazione comunale di Cesenatico, alla quale vanno i più sentiti ringraziamenti del Comandante Luciani per via della disponibilità e collaborazione dimostrata anche nell'organizzazione dell'evento.

22/07/2015 Cesenatico Eventi

Il porto di Cesenatico è la location scelta dalla Direzione Marittima dell'Emilia Romagna, per festeggiare i 150 anni di vita delle Capitanerie di Porto, importante istituzione militare al servizio del Paese per la sicurezza e la legalità nelle coste e nei mari.

Sarà infatti piazza Spose dei Marinari, con le sue suggestioni e lo sfondo delle vele storiche (per l'occasione tutte schierate nel tratto di porto adiacente la piazza) e dei capanni da pesca sul molo di ponente, ad ospitare il grande evento. L'appuntamento è il 20 luglio, a partire dalle 19.30, per una serata in grande stile, in cui la Capitaneria di Porto presenterà tutti i suoi uomini ed i mezzi migliori, ospitando le massime autorità regionali e, ovviamente, tutti gli operatori marittimi, balneari e portuali.

La manifestazione è stata anticipata dal comandante dell'Ufficio Circondariale Marittimo di Cesenatico, il tenente di vascello Stefano Luciani, il quale ha tenuto a battesimo un'altra iniziativa che lega la marineria storica e la Guardia costiera.

L'imbarcazione "Asso" del pescatore in pensione Italo Bartolini, è infatti armata con una vela che ricorda proprio il 150° delle Capitanerie di Porto, fondate con Regio Decreto proprio il 20 luglio 1865. La dedica è il frutto di un lavoro congiunto, ideato dall'artista Berico, al secolo Enrico Bartolini, figlio di Italo, il quale ha disegnato e colorato il logo istituzionale stampato anche grazie al contributo della ditta Adria Bandiere. Così ogni giorno su "Asso" si potrà ammirare un'opera che ne affianca già un'altra di Berico, l'asso di bastoni, disegnato e dipinto sulla vecchia vela al terzo, in segno di goliardia per ricordare il gioco delle carte ed in particolare il maraffone.

Italo oggi ha 91 anni, è un pescatore in pensione, ma marinaio attivissimo, e quindici anni fa ha deciso di restaurare una vecchia lancia lunga sei metri, costruita nel 1950 in un cantiere di Cattolica. Da quello che era un mucchio di assi tutte da sistemare, assieme al noto cantiere "Marconi" di Cesenatico, l'anziano marinaio ha ricavato "Asso", che fa bella mostra sul porto canale di fronte al palazzo municipale di via Moretti, assieme agli altri barchini storici restaurati e tuttora naviganti, di proprietà di altri pescatori e appassionati in pensione.

"Sono contento che il Comandante abbia proposto di inalberare la vela dedicata alle Capitanerie proprio nella mia barca_dice Italo_. Il mare resta per me una delle più grandi passioni: poter vivere la mia vecchiaia in mare è una grande gioia, ed al mattino, quando guardo il tempo, la mia preoccupazione è quella di riuscire a trovare condizioni meteo buone per mettermi al timone della mia barca, "Asso", e navigare al largo di Cesenatico".

Il comandante Stefano Luciani sottolinea lo spirito di collaborazione che, da sempre, caratterizza i rapporti fra l'Ufficio Circondariale Marittimo e tutti gli operatori marittimi e portuali presenti in Città, ivi compreso il Museo della Marineria, che pure ha da subito caldeggiato l'iniziativa: "La gente di mare tutta, a Cesenatico, ha un grande rispetto per l'Autorità Marittima, da sempre percepita come un'istituzione al servizio della collettività, uno sportello sempre a disposizione dei cittadini, siano essi operatori portuali alle prese con le attività della pesca e cantieristiche, marittimi alle prese con le difficoltà del lavoro in mare, operatori balneari, diportisti, o anche – in questo periodo soprattutto - semplici turisti. Tale spirito è testimoniato dalla forte partecipazione che c'è stata anche per realizzare la vela a ricordo del 150° delle Capitanerie di Porto, per la quale il mio ringraziamento va all'artista Berico, all'Adria Bandiere, oltre che, ovviamente, a Italo che, con entusiasmo ed orgoglio, ha deciso di inalberare le nostra vela nella sua imbarcazione: alla sua età, con il sorriso sempre stampato sul volto, rappresenta un punto di riferimento per i giovani marinai e pescatori di oggi, e vederlo navigare, al mattino presto, con tanta passione, a bordo della sua barca storica, è davvero un'emozione unica".

Nella giornata del 20 luglio, nell'ambito delle celebrazioni per il 150°, gli amministratori di Cesenatico e le autorità presenti sveleranno anche l'intitolazione di un piazzale, sul molo di levante, adiacente la piazza degli Archi, alle Capitanerie di Porto: segno di riconoscimento da parte di tutta l'Amministrazione comunale di Cesenatico, alla quale vanno i più sentiti ringraziamenti del Comandante Luciani per via della disponibilità e collaborazione dimostrata anche nell'organizzazione dell'evento.

Eventi

Immagine segnaposto

Porto di Cesenatico via il nuovo regolamento. Riordino degli ormeggi e nomi storici alle banchine

Immagine segnaposto

Progetti per l'area portuale

Immagine segnaposto

Soccorsi e controlli continua l’operazione Mare sicuro

Immagine segnaposto

CADE DALLA BARCA SALVATO DALLA CAPITANERIA

Cesenatico

Immagine segnaposto

Mare Sicuro: la sicurezza in un click !

Immagine segnaposto

Sequestro prodotto ittico sotto taglia minima

Immagine segnaposto

Pesca di frodo del tonno rosso

Immagine segnaposto

Operazione polizia complessa