Nel pomeriggio del 21 ottobre, alle ore 14.30 è giunta nel porto di Castellammare di Stabia la Nave della Carità. È un'unità veloce messa gentilmente a disposizione dalla società armatrice Alilauro GRU.SO.N. di Sorrento, con a bordo i bambini e i ragazzi dei Centri Educativi del Santuario mariano che, dopo aver raggiunto il porto stabiese, accolti dal Comandante della Capitaneria di Porto di Castellammare di Stabia Guglielmo CASSONE, ha solcato il breve tratto di mare che costeggia la nostra terra per giungere ed ormeggiare nel porto di Sorrento, dove, ad attenderla, vi erano i sindaci dei comuni della Penisola.

 

Obiettivo della visita pastorale è stata la diffusione del valore della solidarietà. L'evento di cui sopra rientra nelle celebrazioni del 35mo anniversario della beatificazione di Bartolo Longo avvenuta il 26 ottobre 1980 e vuole essere un segno forte di amore del Santuario di Pompei, che promuove l'accoglienza nel segno della carità verso i bambini, i ragazzi, i giovani e gli immigrati, che per un giorno, nonostante le avverse condizioni meteorologiche, si sono scoperti dei veri marinai navigando su una rotta caratterizzata da armonia e solidarietà, testimoniando in modo concreto la vera essenza della carità cristiana.

 

Alla cerimonia ed alla traversata a bordo del "Super Flyte" comandato dal Capitano di lungo corso Antonino Russo, hanno partecipato l'arcivescovo della diocesi di Pompei, Tommaso Caputo, il direttore del Pontificio Istituto Bartolo Longo fratel Filippo Rizzo, il sindaco di Sorrento, di Massa Lubrense, di S. Maria La Carità, di Pompei, di Lettere, insieme ad altri delegati dai primi cittadini della penisola sorrentina e del comprensorio stabiese ed il comandante Guglielmo CASSONE, che insieme  all'equipaggio delle Capitanerie di Porto di Castellammare, Torre Annunziata, Sorrento, Piano di Sorrento e Massa Lubrense,  ha fatto sì che la manifestazione si svolgesse in sicurezza.

IMG-20151021-WA0006.jpg IMG-20151021-WA0006.jpg