Nell’ambito delle attività ordinarie finalizzate alla tutela del consumatore di prodotti ittici somministrati dai ristoranti,  nella giornata di ieri 3 ottobre 2017, i militari della sezione Polizia Marittima della Capitaneria di Porto di Brindisi, con la preziosa e sinergica collaborazione del Servizio Veterinario dell’Azienda Sanitaria provinciale “Siav B”, hanno deferito all’Autorità Giudiziaria il legale rappresentante e il responsabile di un ristorante orientale del capoluogo brindisino in quanto, detenevano per la successiva somministrazione,  dei prodotti alimentari in cattivo stato di conservazione . 
Durante il controllo, all’interno di due congelatori posti in un locale adiacente la cucina del ristorante, si rinveniva prodotto ittico e carne per un totale di kg. 106  in evidente cattivo stato di conservazione. In particolare, si rinvenivano  otto confezioni  per un totale di 25 kg di filoni di tonno pinna gialla, in confezione originale acquistato decongelato/preparato e successivamente ricongelato dal ristoratore, inoltre 13 kg. contenuti in quattro confezioni risultavano scadute. Il tonno pinna gialla appartenente alla famiglia del pesce azzurro se conservato male, senza mantenere la catena del freddo o consumato dopo la data di scadenza, può sviluppare una concentrazione elevata di istamina. Ad una concentrazione superiore ai limiti di legge previsti, l’istamina può avere effetti tossici per l’uomo ed è la causa delle più comuni intossicazioni da ingestione di pesce che possono provocare: nausea, mal di testa, rossore della pelle su viso e collo, nei casi più gravi anche edema della glottide con rischio di soffocamento.
 L’intero prodotto alimentare sentito il Sostituto Procuratore della Repubblica di turno, veniva sottoposto a sequestro penale d’urgenza ed il responsabile dell’attività commerciale e l’amministratore della società, deferiti all’Autorità Giudiziaria per il reato di detenzione finalizzata alla somministrazione per il consumo di sostanze alimentari in cattivo stato di conservazione in violazione all’articolo 5 lettera “b” della Legge 283/62. 
 “Le attività di vigilanza sulla somministrazione al pubblico di prodotti ittici, rientra nelle attività condotte dalla Guardia Costiera, in dipendenza funzionale dal Ministero delle Politiche Agricole e Forestali, al fine di  garantire ed assicurare ai consumatori la qualità dei prodotti immessi sul mercato nonché la regolare commercializzazione. Tali attività di controllo e repressione, proseguiranno nei prossimi giorni.”
Segui la Guardia Costiera anche su Twitter, Facebook e Youtube.




03/10/2017 Brindisi Eventi

 

Nell’ambito delle attività ordinarie finalizzate alla tutela del consumatore di prodotti ittici somministrati dai ristoranti,  nella giornata di ieri 3 ottobre 2017, i militari della sezione Polizia Marittima della Capitaneria di Porto di Brindisi, con la preziosa e sinergica collaborazione del Servizio Veterinario dell’Azienda Sanitaria provinciale “Siav B”, hanno deferito all’Autorità Giudiziaria il legale rappresentante e il responsabile di un ristorante orientale del capoluogo brindisino in quanto, detenevano per la successiva somministrazione,  dei prodotti alimentari in cattivo stato di conservazione . 
Durante il controllo, all’interno di due congelatori posti in un locale adiacente la cucina del ristorante, si rinveniva prodotto ittico e carne per un totale di kg. 106  in evidente cattivo stato di conservazione. In particolare, si rinvenivano  otto confezioni  per un totale di 25 kg di filoni di tonno pinna gialla, in confezione originale acquistato decongelato/preparato e successivamente ricongelato dal ristoratore, inoltre 13 kg. contenuti in quattro confezioni risultavano scadute. Il tonno pinna gialla appartenente alla famiglia del pesce azzurro se conservato male, senza mantenere la catena del freddo o consumato dopo la data di scadenza, può sviluppare una concentrazione elevata di istamina. Ad una concentrazione superiore ai limiti di legge previsti, l’istamina può avere effetti tossici per l’uomo ed è la causa delle più comuni intossicazioni da ingestione di pesce che possono provocare: nausea, mal di testa, rossore della pelle su viso e collo, nei casi più gravi anche edema della glottide con rischio di soffocamento.
 L’intero prodotto alimentare sentito il Sostituto Procuratore della Repubblica di turno, veniva sottoposto a sequestro penale d’urgenza ed il responsabile dell’attività commerciale e l’amministratore della società, deferiti all’Autorità Giudiziaria per il reato di detenzione finalizzata alla somministrazione per il consumo di sostanze alimentari in cattivo stato di conservazione in violazione all’articolo 5 lettera “b” della Legge 283/62. 
 “Le attività di vigilanza sulla somministrazione al pubblico di prodotti ittici, rientra nelle attività condotte dalla Guardia Costiera, in dipendenza funzionale dal Ministero delle Politiche Agricole e Forestali, al fine di  garantire ed assicurare ai consumatori la qualità dei prodotti immessi sul mercato nonché la regolare commercializzazione. Tali attività di controllo e repressione, proseguiranno nei prossimi giorni.”
Segui la Guardia Costiera anche su Twitter, Facebook e Youtube.




Eventi

Immagine segnaposto

SEQUESTRATE NEL PORTO DI BRINDISI 80 KG. DI COZZE NERE SGUSCIATE, PROVENIENTE DELLA GRECIA.-

Immagine segnaposto

SEQUESTRATA AREA DEMANIALE MARITTIMA DI 1.500 METRI QUADRATI ALL’INTERNO DELLA RISERVA NATURALE DI TORRE GUACETO

Immagine segnaposto

Recuperata esemplare di tartaruga marina in difficoltà

Immagine segnaposto

CONTINUA LA CAMPAGNA NAZIONALE "RETI FANTASMA"

Brindisi

Immagine segnaposto

GUARDIA COSTIERA SEQUESTRA OLTRE UN QUINTALE E MEZZO DI PRODOTTI ITTICI

Immagine segnaposto

ESERCITAZIONE ANTINCENDIO

Immagine segnaposto

Comunicato stampa Mare Sicuro

Immagine segnaposto

CONTROLLI DI POLIZIA DEMANIALE MARITTIMA E AMBIENTALE PORTO DI VILLANOVA DI OSTUNI