In esecuzione di un decreto di sequestro preventivo, a firma del Giudice per le Indagini Preliminari del Tribunale di Brindisi, su richiesta del Pubblico Ministero procedente, nella mattinata di ieri (6 marzo) i militari della Guardia Costiera - Nucleo Operativo di Polizia Ambientale della Direzione Marittima di Bari - Sezione di Brindisi hanno posto i sigilli ad un terreno agricolo di oltre 40.000 metri quadri, sito in Località Apani, a ridosso della Riserva Naturale dello Stato ed Area Marina Protetta di Torre Guaceto, zona di particolare pregio ambientale e paesaggistico e luogo di migrazione di specie faunistiche protette.
L’area rurale in questione, con specifica destinazione urbanistica agricola, dichiarata di notevole interesse pubblico e sottoposta a speciale tutela ambientale, paesaggistica ed idrogeologica, è risultata interessata da una intensa attività di trasformazione allo scopo di realizzare una struttura turistico balneare interamente ricadente su proprietà privata.
Il sequestro preventivo fa seguito all’attività di indagine espletata dai militari della Guardia Costiera che, il 29 gennaio scorso, avevano individuato un sistema di scarico del tutto abusivo, consistente in un tubo in pvc del diametro di circa 15 cm, con il quale la palude naturale presente sul terreno veniva svuotata illecitamente nel mare all’interno dell’Area Marina Protetta di Torre Guaceto. 



07/03/2019 Brindisi Eventi

In esecuzione di un decreto di sequestro preventivo, a firma del Giudice per le Indagini Preliminari del Tribunale di Brindisi, su richiesta del Pubblico Ministero procedente, nella mattinata di ieri (6 marzo) i militari della Guardia Costiera - Nucleo Operativo di Polizia Ambientale della Direzione Marittima di Bari - Sezione di Brindisi hanno posto i sigilli ad un terreno agricolo di oltre 40.000 metri quadri, sito in Località Apani, a ridosso della Riserva Naturale dello Stato ed Area Marina Protetta di Torre Guaceto, zona di particolare pregio ambientale e paesaggistico e luogo di migrazione di specie faunistiche protette.
L’area rurale in questione, con specifica destinazione urbanistica agricola, dichiarata di notevole interesse pubblico e sottoposta a speciale tutela ambientale, paesaggistica ed idrogeologica, è risultata interessata da una intensa attività di trasformazione allo scopo di realizzare una struttura turistico balneare interamente ricadente su proprietà privata.
Il sequestro preventivo fa seguito all’attività di indagine espletata dai militari della Guardia Costiera che, il 29 gennaio scorso, avevano individuato un sistema di scarico del tutto abusivo, consistente in un tubo in pvc del diametro di circa 15 cm, con il quale la palude naturale presente sul terreno veniva svuotata illecitamente nel mare all’interno dell’Area Marina Protetta di Torre Guaceto. 



Eventi

Immagine segnaposto

SEQUESTRATE NEL PORTO DI BRINDISI 80 KG. DI COZZE NERE SGUSCIATE, PROVENIENTE DELLA GRECIA.-

Immagine segnaposto

SEQUESTRATA AREA DEMANIALE MARITTIMA DI 1.500 METRI QUADRATI ALL’INTERNO DELLA RISERVA NATURALE DI TORRE GUACETO

Immagine segnaposto

Recuperata esemplare di tartaruga marina in difficoltà

Immagine segnaposto

CONTINUA LA CAMPAGNA NAZIONALE "RETI FANTASMA"

Brindisi

Immagine segnaposto

GUARDIA COSTIERA SEQUESTRA OLTRE UN QUINTALE E MEZZO DI PRODOTTI ITTICI

Immagine segnaposto

ESERCITAZIONE ANTINCENDIO

Immagine segnaposto

Comunicato stampa Mare Sicuro

Immagine segnaposto

CONTROLLI DI POLIZIA DEMANIALE MARITTIMA E AMBIENTALE PORTO DI VILLANOVA DI OSTUNI