Nella mattinata di ieri, i militari della Sezione Polizia Marittima della Capitaneria di Porto - Guardia Costiera di Brindisi, al comando del Capitano di Vascello (CP) Salvatore MINERVINO, hanno individuato, in località Lendinuso del comune di Torchiarolo (BR), un pescatore sportivo che deteneva, a bordo della propria imbarcazione, una consistente quantità di prodotto ittico di varie specie, superiore a quello previsto dalla normativa vigente che fissa il limite massimo di cattura giornaliera, per la pesca sportiva, a 5 kg.
Al trasgressore, è stata comminata una sanzione amministrativa per un importo massimo di € 3.000 euro in applicazione Decreto L.vo n. 04 del 09 gennaio 2012, così come modificato dalla Legge 154/2016 del 28 luglio 2016, oltre al sequestro amministrativo del pescato e di circa 1000 metri di rete da posta tipo tramaglio, attrezzo la cui detenzione e utilizzo è consentito unicamente ai pescatori professionali. 
Il prodotto ittico oggetto del sequestro, è stato devoluto in beneficienza alla Cooperativa Onlus ERIDANO di Brindisi, a seguito dell’intervento del personale medico veterinario del Dipartimento di Prevenzione dell’A.S.L. di Brindisi ai fini dell’identificazione della specie e della verifica della sussistenza di tutti i requisiti igienico-sanitari di legge per il consumo umano.
Il C.V.(CP) Salvatore MINERVINO, Comandante della Capitaneria di Porto di Brindisi, informa che, a tutela dei consumatori e di tutti gli onesti operatori del settore, i controlli proseguiranno senza soluzione di continuità con speciale riguardo al contrasto della pesca abusiva di prodotti ittici. 
Nel rinnovare l’invito a tutti affinché segnalino comportamenti illeciti o situazioni dubbie, ricorda che sono attivi 24 ore su 24, 7 giorni su 7 il numero di centralino della Sala Operativa 0831521022 e la casella di posta elettronica cpbrindisi@mit.gov.it mentre, per le sole emergenze in mare, il numero blu 1530.
Segui la Guardia Costiera anche su Twitter, Facebook e Youtube

Brindisi, 23 marzo 2017



23/03/2017 Brindisi Eventi

Nella mattinata di ieri, i militari della Sezione Polizia Marittima della Capitaneria di Porto - Guardia Costiera di Brindisi, al comando del Capitano di Vascello (CP) Salvatore MINERVINO, hanno individuato, in località Lendinuso del comune di Torchiarolo (BR), un pescatore sportivo che deteneva, a bordo della propria imbarcazione, una consistente quantità di prodotto ittico di varie specie, superiore a quello previsto dalla normativa vigente che fissa il limite massimo di cattura giornaliera, per la pesca sportiva, a 5 kg.
Al trasgressore, è stata comminata una sanzione amministrativa per un importo massimo di € 3.000 euro in applicazione Decreto L.vo n. 04 del 09 gennaio 2012, così come modificato dalla Legge 154/2016 del 28 luglio 2016, oltre al sequestro amministrativo del pescato e di circa 1000 metri di rete da posta tipo tramaglio, attrezzo la cui detenzione e utilizzo è consentito unicamente ai pescatori professionali. 
Il prodotto ittico oggetto del sequestro, è stato devoluto in beneficienza alla Cooperativa Onlus ERIDANO di Brindisi, a seguito dell’intervento del personale medico veterinario del Dipartimento di Prevenzione dell’A.S.L. di Brindisi ai fini dell’identificazione della specie e della verifica della sussistenza di tutti i requisiti igienico-sanitari di legge per il consumo umano.
Il C.V.(CP) Salvatore MINERVINO, Comandante della Capitaneria di Porto di Brindisi, informa che, a tutela dei consumatori e di tutti gli onesti operatori del settore, i controlli proseguiranno senza soluzione di continuità con speciale riguardo al contrasto della pesca abusiva di prodotti ittici. 
Nel rinnovare l’invito a tutti affinché segnalino comportamenti illeciti o situazioni dubbie, ricorda che sono attivi 24 ore su 24, 7 giorni su 7 il numero di centralino della Sala Operativa 0831521022 e la casella di posta elettronica cpbrindisi@mit.gov.it mentre, per le sole emergenze in mare, il numero blu 1530.
Segui la Guardia Costiera anche su Twitter, Facebook e Youtube

Brindisi, 23 marzo 2017



Eventi

Immagine segnaposto

SEQUESTRATE NEL PORTO DI BRINDISI 80 KG. DI COZZE NERE SGUSCIATE, PROVENIENTE DELLA GRECIA.-

Immagine segnaposto

SEQUESTRATA AREA DEMANIALE MARITTIMA DI 1.500 METRI QUADRATI ALL’INTERNO DELLA RISERVA NATURALE DI TORRE GUACETO

Immagine segnaposto

Recuperata esemplare di tartaruga marina in difficoltà

Immagine segnaposto

CONTINUA LA CAMPAGNA NAZIONALE "RETI FANTASMA"

Brindisi

Immagine segnaposto

GUARDIA COSTIERA SEQUESTRA OLTRE UN QUINTALE E MEZZO DI PRODOTTI ITTICI

Immagine segnaposto

ESERCITAZIONE ANTINCENDIO

Immagine segnaposto

Comunicato stampa Mare Sicuro

Immagine segnaposto

CONTROLLI DI POLIZIA DEMANIALE MARITTIMA E AMBIENTALE PORTO DI VILLANOVA DI OSTUNI