POLIZIA DI STATO

UFFICIO DI POLIZIA DI FRONTIERA

SCALO MARITTIMO ED AEREO

BRINDISI

 

CAPITANERIA DI PORTO

GUARDIA COSTIERA

BRINDISI

 

 

COMUNICATO STAMPA

 

Nella nottata tra l' 1 e 2 c.m., è giunta sul numero blu per le emergenze in mare "1530" presso la sala operativa della Capitaneria di Porto di Brindisi, una telefonata anonima, con la quale si segnalava la mancanza di notizie di un natante di circa 7 metri, con due persone a bordo il quale, verosimilmente partito da Durazzo e diretto a Brindisi, non aveva fatto in realtà rientro nel porto. La Guardia Costiera ha attivato le procedure di emergenza del caso e, stante l'incertezza dell'informazione, la Centrale Operativa del Comando Generale delle Capitanerie di Porto a Roma, ha attivato la corrispondente organizzazione albanese, oltre che disporre l'intervento di mezzi aerei per la ricerca. Durante la mattinata i militari della Capitaneria di Brindisi avevano continuato a raccogliere informazioni e dettagli da parte dei familiari di uno delle due persone ottenendo dettagli circa il natante.

Nel primo pomeriggio del giorno 2, l'elicottero AW139 "NEMO" della Guardia Costiera del 3° Nucleo Aereo di Catania, distaccato temporaneamente presso l'aeroporto militare di Gioia del Colle (BA) su disposizione della Centrale Operativa della Guardia Costiera in Roma, ha individuato l'imbarcazione con i due naufraghi a circa 38 miglia nautiche dal porto di Brindisi, provvedendo immediatamente a recuperarli tramite verricello ed a metterli in sicurezza.

Si otteneva immediatamente il riscontro che uno dei due era il naufrago di cui i familiari ne avevano denunciato la scomparsa.

Gli stessi, dopo il recupero, venivano condotti presso l'aeroporto di Brindisi, ove ad attenderli vi erano il personale dell'Ufficio di Polizia di Frontiera, i militari della Guardia Costiera ed il personale sanitario del presidio dell'aeroporto. Subito sottoposti a primi accertamenti sullo stato di salute, veniva accertato che entrambi erano buone condizioni fisiche e che non necessitavano di cure mediche.

Prima dell'arrivo dell'elicottero in aeroporto, veniva allertato per gli adempimenti di competenza il personale della Polizia di Frontiera,  il quale  provvedeva  ad  identificare i naufraghi risultati essere E.C. e M.A. entrambi brindisini.

Dai successivi accertamenti, gli operatori di polizia rilevavano che entrambi erano gravati da numerosi pregiudizi di polizia, nonché sottoposti alla misura di prevenzione della sorveglianza speciale di pubblica sicurezza con obbligo di soggiorno nel comune di Brindisi, comminata dal Tribunale di Brindisi.

Alla luce di quanto accertato,  personale della Polizia di Frontiera di Brindisi, unitamente a militari della Guardia Costiera di Brindisi procedevano all'arresto dei predetti, poiché violavano le prescrizioni delle misure di prevenzione  a cui erano sottoposti.

 

 

Ufficio  Polizia di Frontiera di Brindisi - Il Dirigente : Vice Questore Aggiunto  Marcone  Dr. Mario 

Capitaneria di Porto di Brindisi – Il Comandante: C.V.(CP) Salvatore MINERVINO

03/11/2016 Brindisi Eventi

 

POLIZIA DI STATO

UFFICIO DI POLIZIA DI FRONTIERA

SCALO MARITTIMO ED AEREO

BRINDISI

 

CAPITANERIA DI PORTO

GUARDIA COSTIERA

BRINDISI

 

 

COMUNICATO STAMPA

 

Nella nottata tra l' 1 e 2 c.m., è giunta sul numero blu per le emergenze in mare "1530" presso la sala operativa della Capitaneria di Porto di Brindisi, una telefonata anonima, con la quale si segnalava la mancanza di notizie di un natante di circa 7 metri, con due persone a bordo il quale, verosimilmente partito da Durazzo e diretto a Brindisi, non aveva fatto in realtà rientro nel porto. La Guardia Costiera ha attivato le procedure di emergenza del caso e, stante l'incertezza dell'informazione, la Centrale Operativa del Comando Generale delle Capitanerie di Porto a Roma, ha attivato la corrispondente organizzazione albanese, oltre che disporre l'intervento di mezzi aerei per la ricerca. Durante la mattinata i militari della Capitaneria di Brindisi avevano continuato a raccogliere informazioni e dettagli da parte dei familiari di uno delle due persone ottenendo dettagli circa il natante.

Nel primo pomeriggio del giorno 2, l'elicottero AW139 "NEMO" della Guardia Costiera del 3° Nucleo Aereo di Catania, distaccato temporaneamente presso l'aeroporto militare di Gioia del Colle (BA) su disposizione della Centrale Operativa della Guardia Costiera in Roma, ha individuato l'imbarcazione con i due naufraghi a circa 38 miglia nautiche dal porto di Brindisi, provvedendo immediatamente a recuperarli tramite verricello ed a metterli in sicurezza.

Si otteneva immediatamente il riscontro che uno dei due era il naufrago di cui i familiari ne avevano denunciato la scomparsa.

Gli stessi, dopo il recupero, venivano condotti presso l'aeroporto di Brindisi, ove ad attenderli vi erano il personale dell'Ufficio di Polizia di Frontiera, i militari della Guardia Costiera ed il personale sanitario del presidio dell'aeroporto. Subito sottoposti a primi accertamenti sullo stato di salute, veniva accertato che entrambi erano buone condizioni fisiche e che non necessitavano di cure mediche.

Prima dell'arrivo dell'elicottero in aeroporto, veniva allertato per gli adempimenti di competenza il personale della Polizia di Frontiera,  il quale  provvedeva  ad  identificare i naufraghi risultati essere E.C. e M.A. entrambi brindisini.

Dai successivi accertamenti, gli operatori di polizia rilevavano che entrambi erano gravati da numerosi pregiudizi di polizia, nonché sottoposti alla misura di prevenzione della sorveglianza speciale di pubblica sicurezza con obbligo di soggiorno nel comune di Brindisi, comminata dal Tribunale di Brindisi.

Alla luce di quanto accertato,  personale della Polizia di Frontiera di Brindisi, unitamente a militari della Guardia Costiera di Brindisi procedevano all'arresto dei predetti, poiché violavano le prescrizioni delle misure di prevenzione  a cui erano sottoposti.

 

 

Ufficio  Polizia di Frontiera di Brindisi - Il Dirigente : Vice Questore Aggiunto  Marcone  Dr. Mario 

Capitaneria di Porto di Brindisi – Il Comandante: C.V.(CP) Salvatore MINERVINO

Eventi

Immagine segnaposto

SEQUESTRATE NEL PORTO DI BRINDISI 80 KG. DI COZZE NERE SGUSCIATE, PROVENIENTE DELLA GRECIA.-

Immagine segnaposto

SEQUESTRATA AREA DEMANIALE MARITTIMA DI 1.500 METRI QUADRATI ALL’INTERNO DELLA RISERVA NATURALE DI TORRE GUACETO

Immagine segnaposto

Recuperata esemplare di tartaruga marina in difficoltà

Immagine segnaposto

CONTINUA LA CAMPAGNA NAZIONALE "RETI FANTASMA"

Brindisi

Immagine segnaposto

GUARDIA COSTIERA SEQUESTRA OLTRE UN QUINTALE E MEZZO DI PRODOTTI ITTICI

Immagine segnaposto

ESERCITAZIONE ANTINCENDIO

Immagine segnaposto

Comunicato stampa Mare Sicuro

Immagine segnaposto

CONTROLLI DI POLIZIA DEMANIALE MARITTIMA E AMBIENTALE PORTO DI VILLANOVA DI OSTUNI