Ancora un'importante operazione di polizia ambientale messa a segno nella mattinata odierna in un’area portuale di Brindisi, con l'intervento dei militari della sezione di Polizia Marittima e Difesa Ambientale della Capitaneria di Porto di Brindisi, che hanno posto sotto sequestro penale di circa 120 metri cubi di traversine ferroviarie in legno dismesse.
I militari, hanno proceduto al sequestro preventivo d’urgenza di oltre 400 traversine ferroviarie per un totale di circa 28 tonnellate e un Cassone contenente spezzoni di traversini ferroviari.
Le traversine ferroviarie, trattate con Creosoto notoriamente una sostanza cancerogena, estremamente volatile e diffusibile nell’ambiente sia per vaporizzazione (che aumenta col crescere delle temperature) che per percolazione (con inquinamento delle falda acquifera). A fare data dal 2002 le traversine ferroviarie, quando dimesse, vengono classificate come rifiuto pericoloso, così come successivamente definito dal DM 17/04/2003. 
Due soggetti, amministratori di due distinte società, sono stati deferiti all’Autorità Giudiziaria, individuati come responsabili per abbandono e gestione illecita di rifiuti speciali pericolosi.
Proseguono, così, in maniera serrata i controlli della Guardia Costiera, a tutela dell'ambiente al fine di prevenire e contrastare fenomeni oramai purtroppo diffusi di abbandono di rifiuti speciali e nocivi.

Per qualsiasi segnalazione si ricorda che sono attivi 24 ore su 24, 7 giorni su 7 il numero di centralino della Sala Operativa 0831521022 e la casella di posta elettronica so.cpbrindisi@mit.gov.it mentre, per le sole emergenze in mare, il numero blu 1530.
Brindisi, 17 ottobre 2017



17/10/2017 Brindisi Eventi

Ancora un'importante operazione di polizia ambientale messa a segno nella mattinata odierna in un’area portuale di Brindisi, con l'intervento dei militari della sezione di Polizia Marittima e Difesa Ambientale della Capitaneria di Porto di Brindisi, che hanno posto sotto sequestro penale di circa 120 metri cubi di traversine ferroviarie in legno dismesse.
I militari, hanno proceduto al sequestro preventivo d’urgenza di oltre 400 traversine ferroviarie per un totale di circa 28 tonnellate e un Cassone contenente spezzoni di traversini ferroviari.
Le traversine ferroviarie, trattate con Creosoto notoriamente una sostanza cancerogena, estremamente volatile e diffusibile nell’ambiente sia per vaporizzazione (che aumenta col crescere delle temperature) che per percolazione (con inquinamento delle falda acquifera). A fare data dal 2002 le traversine ferroviarie, quando dimesse, vengono classificate come rifiuto pericoloso, così come successivamente definito dal DM 17/04/2003. 
Due soggetti, amministratori di due distinte società, sono stati deferiti all’Autorità Giudiziaria, individuati come responsabili per abbandono e gestione illecita di rifiuti speciali pericolosi.
Proseguono, così, in maniera serrata i controlli della Guardia Costiera, a tutela dell'ambiente al fine di prevenire e contrastare fenomeni oramai purtroppo diffusi di abbandono di rifiuti speciali e nocivi.

Per qualsiasi segnalazione si ricorda che sono attivi 24 ore su 24, 7 giorni su 7 il numero di centralino della Sala Operativa 0831521022 e la casella di posta elettronica so.cpbrindisi@mit.gov.it mentre, per le sole emergenze in mare, il numero blu 1530.
Brindisi, 17 ottobre 2017



Eventi

Immagine segnaposto

SEQUESTRATE NEL PORTO DI BRINDISI 80 KG. DI COZZE NERE SGUSCIATE, PROVENIENTE DELLA GRECIA.-

Immagine segnaposto

SEQUESTRATA AREA DEMANIALE MARITTIMA DI 1.500 METRI QUADRATI ALL’INTERNO DELLA RISERVA NATURALE DI TORRE GUACETO

Immagine segnaposto

Recuperata esemplare di tartaruga marina in difficoltà

Immagine segnaposto

CONTINUA LA CAMPAGNA NAZIONALE "RETI FANTASMA"

Brindisi

Immagine segnaposto

GUARDIA COSTIERA SEQUESTRA OLTRE UN QUINTALE E MEZZO DI PRODOTTI ITTICI

Immagine segnaposto

ESERCITAZIONE ANTINCENDIO

Immagine segnaposto

Comunicato stampa Mare Sicuro

Immagine segnaposto

CONTROLLI DI POLIZIA DEMANIALE MARITTIMA E AMBIENTALE PORTO DI VILLANOVA DI OSTUNI