​Nella mattinata di ieri, alle ore 11.00 circa, l'unità della Guardia Costiera di Bosa G.C. A63, durante un pattugliamento delle coste di giurisdizione, ha accertato e sanzionato la detenzione non autorizzata di un apparato R.O.V. (Remotely Operated Vehicle) a bordo di un natante in violazione delle vigenti normative di settore sulla pesca del corallo nelle acque territoriali prospicienti il territorio della Regione Autonoma della Sardegna.

I militari a bordo della citata unità, dopo aver contestato l'infrazione, hanno condotto il Comandante del natante presso il Comando in modo da poter perfezionare il processo verbale di contestazione e gli ulteriori atti di rito.

La sanzione amministrativa comminata per la violazione dei Regolamenti Comunitari e della normativa Nazionale di riferimento è stata pari a 1000,00 euro e ha comportato altresì la confisca dell' apparato R.O.V..

Al comandante del natante è stata, inoltre, elevata sanzione amministrativa per inosservanza delle prescrizioni sugli estintori di bordo per unità senza marcatura CE (natanti).

L'attività sopra descritta, è chiaro indice di come l'Ufficio Circondariale marittimo di Bosa continui a dedicare particolare attenzione alla prevenzione e repressione dell'attività di pesca illecita a tutela del patrimonio ittico, con particolare riferimento alla tutela del corallo quale preziosa risorsa del mare sardo, in linea con le proprie competenze e prerogative istituzionali.

Bosa, 09/10/2014

IL COMANDANTE

T.V. (CP) Guido AVALLONE

10/10/2014 Bosa Eventi

​Nella mattinata di ieri, alle ore 11.00 circa, l'unità della Guardia Costiera di Bosa G.C. A63, durante un pattugliamento delle coste di giurisdizione, ha accertato e sanzionato la detenzione non autorizzata di un apparato R.O.V. (Remotely Operated Vehicle) a bordo di un natante in violazione delle vigenti normative di settore sulla pesca del corallo nelle acque territoriali prospicienti il territorio della Regione Autonoma della Sardegna.

I militari a bordo della citata unità, dopo aver contestato l'infrazione, hanno condotto il Comandante del natante presso il Comando in modo da poter perfezionare il processo verbale di contestazione e gli ulteriori atti di rito.

La sanzione amministrativa comminata per la violazione dei Regolamenti Comunitari e della normativa Nazionale di riferimento è stata pari a 1000,00 euro e ha comportato altresì la confisca dell' apparato R.O.V..

Al comandante del natante è stata, inoltre, elevata sanzione amministrativa per inosservanza delle prescrizioni sugli estintori di bordo per unità senza marcatura CE (natanti).

L'attività sopra descritta, è chiaro indice di come l'Ufficio Circondariale marittimo di Bosa continui a dedicare particolare attenzione alla prevenzione e repressione dell'attività di pesca illecita a tutela del patrimonio ittico, con particolare riferimento alla tutela del corallo quale preziosa risorsa del mare sardo, in linea con le proprie competenze e prerogative istituzionali.

Bosa, 09/10/2014

IL COMANDANTE

T.V. (CP) Guido AVALLONE

Eventi

Immagine segnaposto

DOPPIO INTERVENTO NELLA PRIMA DOMENICA D'ESTATE 2019

Immagine segnaposto

BOSA, TRASPORTO PASSEGGERI ABUSIVO IN MARE

Immagine segnaposto

CAMBIO AL VERTICE DELL’ UFFICIO CIRCONDARIALE MARITTIMO – GUARDIA COSTIERA DI BOSA

Immagine segnaposto

GUARDIA COSTIERA DI BOSA E CROCE ROSSA RECUPERANO UN INFORTUNATO A CALA CUMPULTITTU

Bosa

Immagine segnaposto

DOPPIO INTERVENTO NELLA PRIMA DOMENICA D'ESTATE 2019

Immagine segnaposto

BOSA, TRASPORTO PASSEGGERI ABUSIVO IN MARE

Immagine segnaposto

CAMBIO AL VERTICE DELL’ UFFICIO CIRCONDARIALE MARITTIMO – GUARDIA COSTIERA DI BOSA

Immagine segnaposto

GUARDIA COSTIERA DI BOSA E CROCE ROSSA RECUPERANO UN INFORTUNATO A CALA CUMPULTITTU