La Guardia Cositera di Bosa nel pomeriggio odierno, alle ore 16.30 circa, in servizio di regolare pattugliamento terrestre del litorale di giurisdizione, in località Porto Alabe (Comune di Tresnuraghes) si accorgeva di n. due bagnanti in difficoltà, una bambina di dieci anni e il suo papà Francesco Sanna di 68 anni, cagliaritano residente a Scanu di Monteferru, nello specchio acqueo antistante la spiaggia di Porto Alabe.

Nell’ immediatezza veniva disposto l’intervento del battello veloce Hurricane G.C. A63 che giunto sul posto, provvedeva a trarre in salvo il padre della bambina che nel frattempo era stato recuperato a bordo di una tavola da surf per opera di due surfisti presenti in zona, Pier Massimo Bellizia e Stefano Mecca, i quali precedentemente provvedevano a trarre in salvo la bambina, mettendola in sicurezza e portandola a riva in buono stato di salute e affidandola alle cure del personale medico del 118 di Bosa.

Il sig. Francesco Sanna, anch’esso in buono stato di salute, veniva trasferito tramite il dipendente battello G.C. A63 presso la banchina commerciale del porto di Bosa e affidato alle cure del personale medico del 118 di Bosa.

 

“Esprimo un particolare plauso ai due surfisti, Pier Massimo Bellizia e Stefano Mecca, per l’immediato pronto primo intervento che ha scongiurato il peggio in attesa dei soccorsi via mare, rimarcando di evitare di entrare in acqua in presenza delle bandiere rosse issate”.


IL COMANDANTE

Capitano di Corvetta (CP) Guido AVALLONE

21/08/2017 Bosa Eventi

La Guardia Cositera di Bosa nel pomeriggio odierno, alle ore 16.30 circa, in servizio di regolare pattugliamento terrestre del litorale di giurisdizione, in località Porto Alabe (Comune di Tresnuraghes) si accorgeva di n. due bagnanti in difficoltà, una bambina di dieci anni e il suo papà Francesco Sanna di 68 anni, cagliaritano residente a Scanu di Monteferru, nello specchio acqueo antistante la spiaggia di Porto Alabe.

Nell’ immediatezza veniva disposto l’intervento del battello veloce Hurricane G.C. A63 che giunto sul posto, provvedeva a trarre in salvo il padre della bambina che nel frattempo era stato recuperato a bordo di una tavola da surf per opera di due surfisti presenti in zona, Pier Massimo Bellizia e Stefano Mecca, i quali precedentemente provvedevano a trarre in salvo la bambina, mettendola in sicurezza e portandola a riva in buono stato di salute e affidandola alle cure del personale medico del 118 di Bosa.

Il sig. Francesco Sanna, anch’esso in buono stato di salute, veniva trasferito tramite il dipendente battello G.C. A63 presso la banchina commerciale del porto di Bosa e affidato alle cure del personale medico del 118 di Bosa.

 

“Esprimo un particolare plauso ai due surfisti, Pier Massimo Bellizia e Stefano Mecca, per l’immediato pronto primo intervento che ha scongiurato il peggio in attesa dei soccorsi via mare, rimarcando di evitare di entrare in acqua in presenza delle bandiere rosse issate”.


IL COMANDANTE

Capitano di Corvetta (CP) Guido AVALLONE

Eventi

Immagine segnaposto

DOPPIO INTERVENTO NELLA PRIMA DOMENICA D'ESTATE 2019

Immagine segnaposto

BOSA, TRASPORTO PASSEGGERI ABUSIVO IN MARE

Immagine segnaposto

CAMBIO AL VERTICE DELL’ UFFICIO CIRCONDARIALE MARITTIMO – GUARDIA COSTIERA DI BOSA

Immagine segnaposto

GUARDIA COSTIERA DI BOSA E CROCE ROSSA RECUPERANO UN INFORTUNATO A CALA CUMPULTITTU

Bosa

Immagine segnaposto

DOPPIO INTERVENTO NELLA PRIMA DOMENICA D'ESTATE 2019

Immagine segnaposto

BOSA, TRASPORTO PASSEGGERI ABUSIVO IN MARE

Immagine segnaposto

CAMBIO AL VERTICE DELL’ UFFICIO CIRCONDARIALE MARITTIMO – GUARDIA COSTIERA DI BOSA

Immagine segnaposto

GUARDIA COSTIERA DI BOSA E CROCE ROSSA RECUPERANO UN INFORTUNATO A CALA CUMPULTITTU