​Nella giornata odierna, la Guardia Costiera di Bosa e il locale comitato della Croce Rossa – Nucleo O.P.S.A., hanno installato lungo la banchina fluviale del porto di Bosa, ben visibile alle unità in transito in ingresso e uscita dal porto, un banner della Fondazione DAN Europe contenente un messaggio informativo per prevenire gli infortuni arrecati a persone in attività subacquea.

La Fondazione DAN Europe è impegnata da tempo in una campagna di sicurezza per prevenire gli infortuni provocati dai natanti e dalle eliche, distribuendo gratuitamente materiale educativo come adesivi, locandine e depliant, coinvolgendo partner istituzionali ed ora anche installando maxi banner nei principali porti italiani. Gli striscioni, lunghi oltre 4 metri, ricordano ai guidatori di natanti che la bandiera rossa con banda bianca segnala la presenza di sub in immersione e richiamano l'attenzione sulla regola che impone di tenersi ad almeno 100 metri di distanza.

Il progetto, nato dalla collaborazione con Guardia Costiera, Croce Rossa Italiana e Nucleo OPSA, si è dapprima concentrato sulle località portuali di Marche, Abruzzo e Molise per poi allargarsi ad altre Regioni italiane grazie anche alla sensibilità degli iscritti DAN Europe che si adoperano costantemente per la riuscita dell'iniziativa.

Il banner ha l'obiettivo di educare i diportisti al riconoscimento della bandiera segna sub e al rispetto delle regole di navigazione. La mission del DAN è quella di assistere i subacquei in difficoltà, ma anche di prevenire queste stesse difficoltà divulgando messaggi di consapevolezza e di educazione.


Bosa, 07 agosto 2015

IL COMANDANTE
Tenente di Vascello (CP) Guido AVALLONE

07/08/2015 Bosa Eventi

​Nella giornata odierna, la Guardia Costiera di Bosa e il locale comitato della Croce Rossa – Nucleo O.P.S.A., hanno installato lungo la banchina fluviale del porto di Bosa, ben visibile alle unità in transito in ingresso e uscita dal porto, un banner della Fondazione DAN Europe contenente un messaggio informativo per prevenire gli infortuni arrecati a persone in attività subacquea.

La Fondazione DAN Europe è impegnata da tempo in una campagna di sicurezza per prevenire gli infortuni provocati dai natanti e dalle eliche, distribuendo gratuitamente materiale educativo come adesivi, locandine e depliant, coinvolgendo partner istituzionali ed ora anche installando maxi banner nei principali porti italiani. Gli striscioni, lunghi oltre 4 metri, ricordano ai guidatori di natanti che la bandiera rossa con banda bianca segnala la presenza di sub in immersione e richiamano l'attenzione sulla regola che impone di tenersi ad almeno 100 metri di distanza.

Il progetto, nato dalla collaborazione con Guardia Costiera, Croce Rossa Italiana e Nucleo OPSA, si è dapprima concentrato sulle località portuali di Marche, Abruzzo e Molise per poi allargarsi ad altre Regioni italiane grazie anche alla sensibilità degli iscritti DAN Europe che si adoperano costantemente per la riuscita dell'iniziativa.

Il banner ha l'obiettivo di educare i diportisti al riconoscimento della bandiera segna sub e al rispetto delle regole di navigazione. La mission del DAN è quella di assistere i subacquei in difficoltà, ma anche di prevenire queste stesse difficoltà divulgando messaggi di consapevolezza e di educazione.


Bosa, 07 agosto 2015

IL COMANDANTE
Tenente di Vascello (CP) Guido AVALLONE

Eventi

Immagine segnaposto

DOPPIO INTERVENTO NELLA PRIMA DOMENICA D'ESTATE 2019

Immagine segnaposto

BOSA, TRASPORTO PASSEGGERI ABUSIVO IN MARE

Immagine segnaposto

CAMBIO AL VERTICE DELL’ UFFICIO CIRCONDARIALE MARITTIMO – GUARDIA COSTIERA DI BOSA

Immagine segnaposto

GUARDIA COSTIERA DI BOSA E CROCE ROSSA RECUPERANO UN INFORTUNATO A CALA CUMPULTITTU

Bosa

Immagine segnaposto

DOPPIO INTERVENTO NELLA PRIMA DOMENICA D'ESTATE 2019

Immagine segnaposto

BOSA, TRASPORTO PASSEGGERI ABUSIVO IN MARE

Immagine segnaposto

CAMBIO AL VERTICE DELL’ UFFICIO CIRCONDARIALE MARITTIMO – GUARDIA COSTIERA DI BOSA

Immagine segnaposto

GUARDIA COSTIERA DI BOSA E CROCE ROSSA RECUPERANO UN INFORTUNATO A CALA CUMPULTITTU