Nella tarda serata del 17 novembre 2016, nelle acque a nord del litorale Bosano ha avuto luogo, organizzata e coordinata dall'Ufficio Circondariale Marittimo – Guardia Costiera di Bosa, una complessa esercitazione di soccorso in mare che ha coinvolto uomini e mezzi della Guardia Costiera di Bosa e del locale Comitato di Croce Rossa.

L'esercitazione, svoltasi sotto il coordinamento dell'Ufficio Circondariale Marittimo di Bosa, quale Autorità designata per il soccorso in mare nelle acque di competenza, ha "messo in scena" una situazione emergenziale con la simulazione di una chiamata di soccorso (ricerca in mare di un natante impossibilitato a rientrare in porto e con due persone a bordo una delle quali traumatizzata a causa di una caduta), allo scopo di testare i reali tempi di intervento in mare, ottimizzare le comunicazioni radio e consolidare l'efficienza del locale dispositivo di ricerca e soccorso.

Due i mezzi navali impiegati nell’ emergenza, la dipendente Motovedetta CP 835 e il Gommone della Croce Rossa di Bosa dotato di barella, 10 uomini tra cui, oltre ai militari della Guardia Costiera di Bosa sono intervenuti anche gli operatori O.P.S.A. (Operatori Polivalenti di Salvataggio in Acqua) della locale Croce Rossa, sono questi i numeri della complessa esercitazione di ricerca e soccorso in mare.

L'esercitazione, ha confermato l'esistenza di un efficace e puntuale dispositivo di gestione e coordinamento del soccorso in mare da parte dell'Autorità Marittima e di una solida, costruttiva e concreta collaborazione, tra quest'ultima ed il locale ente di protezione civile, la Croce Rossa di Bosa, che si sono confermati una risorsa capace e solida sul territorio della Planargia, a tutela e garanzia della sicurezza e della salvaguardia degli utenti del mare.

L’esercitazione, che ha avuto un esito pienamente positivo, ha permesso così di raggiungere lo scopo di perfezionare il coordinamento e la direzione delle attività operative nonché di migliorare gli standard addestrativi degli equipaggi dei mezzi navali al fine di fornire una risposta sempre più immediata in caso di emergenza in mare.


IL COMANDANTE
Tenente di Vascello (CP) Guido AVALLONE


18/11/2016 Bosa Eventi

Nella tarda serata del 17 novembre 2016, nelle acque a nord del litorale Bosano ha avuto luogo, organizzata e coordinata dall'Ufficio Circondariale Marittimo – Guardia Costiera di Bosa, una complessa esercitazione di soccorso in mare che ha coinvolto uomini e mezzi della Guardia Costiera di Bosa e del locale Comitato di Croce Rossa.

L'esercitazione, svoltasi sotto il coordinamento dell'Ufficio Circondariale Marittimo di Bosa, quale Autorità designata per il soccorso in mare nelle acque di competenza, ha "messo in scena" una situazione emergenziale con la simulazione di una chiamata di soccorso (ricerca in mare di un natante impossibilitato a rientrare in porto e con due persone a bordo una delle quali traumatizzata a causa di una caduta), allo scopo di testare i reali tempi di intervento in mare, ottimizzare le comunicazioni radio e consolidare l'efficienza del locale dispositivo di ricerca e soccorso.

Due i mezzi navali impiegati nell’ emergenza, la dipendente Motovedetta CP 835 e il Gommone della Croce Rossa di Bosa dotato di barella, 10 uomini tra cui, oltre ai militari della Guardia Costiera di Bosa sono intervenuti anche gli operatori O.P.S.A. (Operatori Polivalenti di Salvataggio in Acqua) della locale Croce Rossa, sono questi i numeri della complessa esercitazione di ricerca e soccorso in mare.

L'esercitazione, ha confermato l'esistenza di un efficace e puntuale dispositivo di gestione e coordinamento del soccorso in mare da parte dell'Autorità Marittima e di una solida, costruttiva e concreta collaborazione, tra quest'ultima ed il locale ente di protezione civile, la Croce Rossa di Bosa, che si sono confermati una risorsa capace e solida sul territorio della Planargia, a tutela e garanzia della sicurezza e della salvaguardia degli utenti del mare.

L’esercitazione, che ha avuto un esito pienamente positivo, ha permesso così di raggiungere lo scopo di perfezionare il coordinamento e la direzione delle attività operative nonché di migliorare gli standard addestrativi degli equipaggi dei mezzi navali al fine di fornire una risposta sempre più immediata in caso di emergenza in mare.


IL COMANDANTE
Tenente di Vascello (CP) Guido AVALLONE


Eventi

Immagine segnaposto

DOPPIO INTERVENTO NELLA PRIMA DOMENICA D'ESTATE 2019

Immagine segnaposto

BOSA, TRASPORTO PASSEGGERI ABUSIVO IN MARE

Immagine segnaposto

CAMBIO AL VERTICE DELL’ UFFICIO CIRCONDARIALE MARITTIMO – GUARDIA COSTIERA DI BOSA

Immagine segnaposto

GUARDIA COSTIERA DI BOSA E CROCE ROSSA RECUPERANO UN INFORTUNATO A CALA CUMPULTITTU

Bosa

Immagine segnaposto

DOPPIO INTERVENTO NELLA PRIMA DOMENICA D'ESTATE 2019

Immagine segnaposto

BOSA, TRASPORTO PASSEGGERI ABUSIVO IN MARE

Immagine segnaposto

CAMBIO AL VERTICE DELL’ UFFICIO CIRCONDARIALE MARITTIMO – GUARDIA COSTIERA DI BOSA

Immagine segnaposto

GUARDIA COSTIERA DI BOSA E CROCE ROSSA RECUPERANO UN INFORTUNATO A CALA CUMPULTITTU