logoscritta_per comunicati.png

Ancona: La Guardia Costiera sequestra 2 tonnellate di cozze.

 

 

Alle prime ore di oggi lunedì 4 giugno 2018, nell'ambito portuale di Ancona, la Guardia Costiera ha proceduto al sequestro di circa 2 tonnellate di mitili Mytilus Galloprovincialis (comunemente chiamate "cozze") prive di controlli sanitari e pronte per essere commercializzate.

Il sequestro, frutto di una folta attività di controllo ed intelligence sul territorio ed in particolare nell'ambito portuale, ha portato al ritrovamento del prodotto ittico già insacchettato e stoccato su pancali, pronto per essere immesso in commercio, ma privo di qualsivoglia etichettatura e bollo sanitario, con possibili conseguenze per il consumo umano.

La mancanza di indicazioni relative alla provenienza nonché delle informazioni previste dalla normativa vigente in materia di tutela del consumatore a garanzia della salute umana e della sicurezza alimentare, ha comportato l'immediata attivazione  dei sanitari dell'Azienda Sanitaria Regionale (ASUR), i quali hanno dichiarato il  prodotto ittico vivo e vitale, pertanto idoneo al rigetto in mare, successivamente avvenuto  mediante la motovedetta CP 2098 della locale Guardia Costiera.

Proseguiranno le indagini al fine di individuare gli autori dell'illecito, nonché per assicurare il rispetto delle norme in materia di rintracciabilità del prodotto ittico, nonché il corretto esercizio delle attività di pesca, garantendo, al contempo, la salvaguardia della salute pubblica e la tutela delle risorse biologiche.


1_1.jpg 2_2.jpg


3_3.jpg

 

04/06/2018 Scelta n. 1
 

logoscritta_per comunicati.png

Ancona: La Guardia Costiera sequestra 2 tonnellate di cozze.

 

 

Alle prime ore di oggi lunedì 4 giugno 2018, nell'ambito portuale di Ancona, la Guardia Costiera ha proceduto al sequestro di circa 2 tonnellate di mitili Mytilus Galloprovincialis (comunemente chiamate "cozze") prive di controlli sanitari e pronte per essere commercializzate.

Il sequestro, frutto di una folta attività di controllo ed intelligence sul territorio ed in particolare nell'ambito portuale, ha portato al ritrovamento del prodotto ittico già insacchettato e stoccato su pancali, pronto per essere immesso in commercio, ma privo di qualsivoglia etichettatura e bollo sanitario, con possibili conseguenze per il consumo umano.

La mancanza di indicazioni relative alla provenienza nonché delle informazioni previste dalla normativa vigente in materia di tutela del consumatore a garanzia della salute umana e della sicurezza alimentare, ha comportato l'immediata attivazione  dei sanitari dell'Azienda Sanitaria Regionale (ASUR), i quali hanno dichiarato il  prodotto ittico vivo e vitale, pertanto idoneo al rigetto in mare, successivamente avvenuto  mediante la motovedetta CP 2098 della locale Guardia Costiera.

Proseguiranno le indagini al fine di individuare gli autori dell'illecito, nonché per assicurare il rispetto delle norme in materia di rintracciabilità del prodotto ittico, nonché il corretto esercizio delle attività di pesca, garantendo, al contempo, la salvaguardia della salute pubblica e la tutela delle risorse biologiche.


1_1.jpg 2_2.jpg


3_3.jpg

 

Scelta n. 1

Immagine segnaposto

CP 2086- lavori di ripristino efficienza motore sinistro

Immagine segnaposto

CP 843- esecuzione di verifiche per la valutazione dei danni invertitore

Immagine segnaposto

CP 843- lavori di riparazione invertitore

Immagine segnaposto

Servizio di manutenzione degli impianti e delle attrezzature antincendio ubicati negli Uffici marittimi della Direzione Marittima di Ancona