Nella mattinata del 15 marzo 2016, a seguito di segnalazione riguardante la presenza  di due pescatori subacquei all' interno dell' A.M.P. "Capo Caccia – Isola Piana" pervenuta presso la Sala Operativa dell' Ufficio Circondariale Marittimo di Alghero, personale militare dipendente si recava in località Porto Agra ed intercettava due persone con al seguito una cesta colma di ricci di mare (Paracentrotus lividus), nonché attrezzatura da sub utilizzata presumibilmente per la raccolta della predetta specie ittica.

Accertato che si trattasse effettivamente delle persone oggetto della segnalazione, si iniziavano le procedure di rito. Alla richiesta di consegna, al fine di procedere con il previsto sequestro penale, del prodotto ittico illecitamente catturato, uno degli interessati poneva in essere una condotta oltraggiosa nei confronti dei militari operanti e successivamente, rifiutatosi più volte di consegnare l' oggetto del reato, fuggiva a gran velocità a bordo della propria autovettura, effettuando brusche manovre (anche invadendo la corsia di marcia opposta) che mettevano seriamente a repentaglio l' incolumità propria, dei militari che intanto tentavano di inseguirlo e di quanti si trovavano a transitare in quei frangenti.

Iniziate le attività di indagine tese ad accertare le generalità del trasgressore, i militari in parola venivano a conoscenza dell' esistenza di un' ordinanza per la concessione della detenzione domiciliare nei suoi confronti emessa dal Tribunale di Sorveglianza di Sassari. Si prendevano, quindi, contatti con l' Autorità Giudiziaria che, alla luce dei fatti, disponeva l' arresto per evasione e resistenza ad un Pubblico Ufficiale a carico del pescatore di frodo,  delegando  per l' esecuzione gli Ufficiali/Agenti di Polizia Giudiziaria dell' Ufficio Circondariale Marittimo di Alghero.

16/03/2016 Alghero Eventi

Nella mattinata del 15 marzo 2016, a seguito di segnalazione riguardante la presenza  di due pescatori subacquei all' interno dell' A.M.P. "Capo Caccia – Isola Piana" pervenuta presso la Sala Operativa dell' Ufficio Circondariale Marittimo di Alghero, personale militare dipendente si recava in località Porto Agra ed intercettava due persone con al seguito una cesta colma di ricci di mare (Paracentrotus lividus), nonché attrezzatura da sub utilizzata presumibilmente per la raccolta della predetta specie ittica.

Accertato che si trattasse effettivamente delle persone oggetto della segnalazione, si iniziavano le procedure di rito. Alla richiesta di consegna, al fine di procedere con il previsto sequestro penale, del prodotto ittico illecitamente catturato, uno degli interessati poneva in essere una condotta oltraggiosa nei confronti dei militari operanti e successivamente, rifiutatosi più volte di consegnare l' oggetto del reato, fuggiva a gran velocità a bordo della propria autovettura, effettuando brusche manovre (anche invadendo la corsia di marcia opposta) che mettevano seriamente a repentaglio l' incolumità propria, dei militari che intanto tentavano di inseguirlo e di quanti si trovavano a transitare in quei frangenti.

Iniziate le attività di indagine tese ad accertare le generalità del trasgressore, i militari in parola venivano a conoscenza dell' esistenza di un' ordinanza per la concessione della detenzione domiciliare nei suoi confronti emessa dal Tribunale di Sorveglianza di Sassari. Si prendevano, quindi, contatti con l' Autorità Giudiziaria che, alla luce dei fatti, disponeva l' arresto per evasione e resistenza ad un Pubblico Ufficiale a carico del pescatore di frodo,  delegando  per l' esecuzione gli Ufficiali/Agenti di Polizia Giudiziaria dell' Ufficio Circondariale Marittimo di Alghero.

Eventi

Immagine segnaposto

Guardia Costiera di Alghero sanzioni e sequestri al termine di una serie di controlli inerenti il settore della pesca

Immagine segnaposto

Blitz della Guardia Costiera di Alghero - Sequestri e denunce per il contrasto dell’occupazione abusiva degli arenili

Immagine segnaposto

Soccorso un catamarano incagliato

Immagine segnaposto

La Guardia Costiera sequestra una rete da posta abusiva all’interno dell’Area Marina Protetta di Capo Caccia – Isola Piana

Alghero

Immagine segnaposto

Sospensione temporanea dell'Ordinanza 13 del 03.05.2021

Immagine segnaposto

Sanzioni e sequestri al termine di una serie di controlli inerenti il settore della pesca

Immagine segnaposto

Palangaro con circa 2000 ami illegalmente posizionato nella "Zona A" dell'Area Marina Protetta

Immagine segnaposto

Rete da pesca illegale nella laguna del Calich