L' Ufficio Circondariale Marittimo di Alghero, in ottemperanza a quanto disposto dall'art. 5 del D.Lgs. 182/2003, recante "Attuazione della direttiva 2000/59/CE", ha redatto l'aggiornamento del Piano di raccolta e gestione dei rifiuti prodotti dalle navi e dei residui del carico per i porti di Alghero e Fertilia, ivi compresi gli approdi di Tramariglio e Porto Conte, per il triennio 2016/2018. Il documento in parola è stato approvato dalla Regione Sardegna con Deliberazione n° 20/11 in data 12 Aprile 2016 e pubblicato sul BURAS, supplemento ordinario n. 25 del 19.05.2016, a seguito dell'espressione dell' intesa con questa Autorità Marittima.

Con Ordinanza n° 12/2016 datata 12 Maggio u.s., a firma del Comandante del porto di Alghero, Tenente di Vascello (CP) Paola PIRODDI è stato adottato, con particolare soddisfazione, il succitato provvedimento che assume una notevole importanza per la risoluzione di problematiche quali il monitoraggio degli scarichi a mare e l'abbandono di rifiuti in ambito portuale.

Nella redazione del piano si è tenuto conto delle funzioni portuali e della tipologia di traffico consolidatosi negli ultimi anni, riconducibile in gran parte alla raccolta ed alla gestione dei rifiuti provenienti dalle unità da diporto e dalle unità da pesca.

In tal senso, nel porto di Alghero e Fertilia, così come negli approdi di Porto Conte e Tramariglio verrà attivata la raccolta differenziata dei rifiuti con il posizionamento di idonee aree attrezzate disposte equamente su tutte le aree portuali.

Infine, si rappresenta che l'esecutività del suddetto piano è subordinata allo svolgimento delle procedure di affidamento dei servizi di gestione e raccolta dei rifiuti prodotti dalle navi e dei residui del carico di competenza del Comune di Alghero, così come disposto dall'art. 18 comma 16, lettera c, punto 2 della Legge Regionale del 30.06.2011, n° 12.

24/05/2016 Alghero

L' Ufficio Circondariale Marittimo di Alghero, in ottemperanza a quanto disposto dall'art. 5 del D.Lgs. 182/2003, recante "Attuazione della direttiva 2000/59/CE", ha redatto l'aggiornamento del Piano di raccolta e gestione dei rifiuti prodotti dalle navi e dei residui del carico per i porti di Alghero e Fertilia, ivi compresi gli approdi di Tramariglio e Porto Conte, per il triennio 2016/2018. Il documento in parola è stato approvato dalla Regione Sardegna con Deliberazione n° 20/11 in data 12 Aprile 2016 e pubblicato sul BURAS, supplemento ordinario n. 25 del 19.05.2016, a seguito dell'espressione dell' intesa con questa Autorità Marittima.

Con Ordinanza n° 12/2016 datata 12 Maggio u.s., a firma del Comandante del porto di Alghero, Tenente di Vascello (CP) Paola PIRODDI è stato adottato, con particolare soddisfazione, il succitato provvedimento che assume una notevole importanza per la risoluzione di problematiche quali il monitoraggio degli scarichi a mare e l'abbandono di rifiuti in ambito portuale.

Nella redazione del piano si è tenuto conto delle funzioni portuali e della tipologia di traffico consolidatosi negli ultimi anni, riconducibile in gran parte alla raccolta ed alla gestione dei rifiuti provenienti dalle unità da diporto e dalle unità da pesca.

In tal senso, nel porto di Alghero e Fertilia, così come negli approdi di Porto Conte e Tramariglio verrà attivata la raccolta differenziata dei rifiuti con il posizionamento di idonee aree attrezzate disposte equamente su tutte le aree portuali.

Infine, si rappresenta che l'esecutività del suddetto piano è subordinata allo svolgimento delle procedure di affidamento dei servizi di gestione e raccolta dei rifiuti prodotti dalle navi e dei residui del carico di competenza del Comune di Alghero, così come disposto dall'art. 18 comma 16, lettera c, punto 2 della Legge Regionale del 30.06.2011, n° 12.

Alghero

Immagine segnaposto

Sospensione temporanea dell'Ordinanza 13 del 03.05.2021

Immagine segnaposto

Sanzioni e sequestri al termine di una serie di controlli inerenti il settore della pesca

Immagine segnaposto

Palangaro con circa 2000 ami illegalmente posizionato nella "Zona A" dell'Area Marina Protetta

Immagine segnaposto

Rete da pesca illegale nella laguna del Calich