Si è conclusa nella mattinata odierna l’attività di monitoraggio ambientale nell’Area Marina Protetta “Santa Maria di Castellabate” a cura del L.A.M. “Laboratorio Ambientale Mobile” del Comando Generale del Corpo delle Capitanerie di Porto – Guardia Costiera.

L’attività è inserita in una più generale pianificazione di intervento nazionale nelle Aree Marine Protette istituite. A tal proposito, è stata formalizzata una specifica convenzione tra il Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare ed il Comando Generale del Corpo delle Capitanerie di Porto – Guardia Costiera. L’impiego dei L.A.M. permette l’accertamento di violazioni che possano causare danni o situazioni di pericolo per l’ambiente marino e costiero, attività inserita tra i compiti istituzionali del Corpo delle Capitanerie di Porto. I L.A.M. sono coordinati dal 3° Reparto del Comando Generale e vengono impiegati sull’intero territorio nazionale su richiesta dei comandi periferici della Guardia Costiera. Grazie alla possibilità di raggiungere in maniera rapida la zona interessata e di ottenere i risultati delle analisi di laboratorio in tempi molto brevi, i L.A.M. risultano adeguati per fornire risposte immediate sullo stato delle acque analizzate. Essi permettono di individuare, in acqua, la presenza di eventuali inquinamenti provenienti da sostanze chimiche, organiche e di tipo fecale.

L’attività di vigilanza e monitoraggio nell’Area Marina Protetta di Santa Maria di Castellabate è stata condotta da una biologa ed un tecnico di laboratorio del L.A.M., unitamente al personale dell’Ufficio circondariale marittimo di Agropoli diretto dal Tenente di Vascello (CP) Gianluca Scuccimarri, in mare a bordo delle unità navali della Guardia Costiera e, via terra, lungo i tratti di costa praticabili.

Al termine, è seguito un incontro con il Direttore dell’Area Marina Protetta a cui sono stati partecipati i risultati delle analisi che non hanno evidenziato alcun tipo di criticità.

L’impegno dell’Ufficio circondariale marittimo di Agropoli sarà quello di continuare la propria attività di vigilanza e di contrasto ai crimini ambientali ed all’inquinamento, anche al fine di preservare il delicato e prezioso ecosistema marino dell’Area Marina Protetta “Santa Maria di Castellabate”.

 

09/02/2017 Agropoli

Si è conclusa nella mattinata odierna l’attività di monitoraggio ambientale nell’Area Marina Protetta “Santa Maria di Castellabate” a cura del L.A.M. “Laboratorio Ambientale Mobile” del Comando Generale del Corpo delle Capitanerie di Porto – Guardia Costiera.

L’attività è inserita in una più generale pianificazione di intervento nazionale nelle Aree Marine Protette istituite. A tal proposito, è stata formalizzata una specifica convenzione tra il Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare ed il Comando Generale del Corpo delle Capitanerie di Porto – Guardia Costiera. L’impiego dei L.A.M. permette l’accertamento di violazioni che possano causare danni o situazioni di pericolo per l’ambiente marino e costiero, attività inserita tra i compiti istituzionali del Corpo delle Capitanerie di Porto. I L.A.M. sono coordinati dal 3° Reparto del Comando Generale e vengono impiegati sull’intero territorio nazionale su richiesta dei comandi periferici della Guardia Costiera. Grazie alla possibilità di raggiungere in maniera rapida la zona interessata e di ottenere i risultati delle analisi di laboratorio in tempi molto brevi, i L.A.M. risultano adeguati per fornire risposte immediate sullo stato delle acque analizzate. Essi permettono di individuare, in acqua, la presenza di eventuali inquinamenti provenienti da sostanze chimiche, organiche e di tipo fecale.

L’attività di vigilanza e monitoraggio nell’Area Marina Protetta di Santa Maria di Castellabate è stata condotta da una biologa ed un tecnico di laboratorio del L.A.M., unitamente al personale dell’Ufficio circondariale marittimo di Agropoli diretto dal Tenente di Vascello (CP) Gianluca Scuccimarri, in mare a bordo delle unità navali della Guardia Costiera e, via terra, lungo i tratti di costa praticabili.

Al termine, è seguito un incontro con il Direttore dell’Area Marina Protetta a cui sono stati partecipati i risultati delle analisi che non hanno evidenziato alcun tipo di criticità.

L’impegno dell’Ufficio circondariale marittimo di Agropoli sarà quello di continuare la propria attività di vigilanza e di contrasto ai crimini ambientali ed all’inquinamento, anche al fine di preservare il delicato e prezioso ecosistema marino dell’Area Marina Protetta “Santa Maria di Castellabate”.

 

Agropoli

Immagine segnaposto

Visita ufficiale del Cappelano Militare Capo Don Caludio Mancuso alla Guardia Costiera di Agropoli

Immagine segnaposto

Agropoli. Sversamenti fiume Solofrone

Immagine segnaposto

sotto sequestro strutture turistico ricettive e centri sportivi che non rispettano la normativa ambientale

Immagine segnaposto

"Costa del Cilento: sotto sequestro strutture alberghiere, villaggi e piscine che non rispettano la normativa ambientale"