Anche quest'anno, la Guardia Costiera ha preso parte all'EUROPEAN DIVE SHOW, la più importante manifestazione europea interamente dedicata al mondo della subacquea, giunta alla sua 27^edizione.

Nell'ambito dell'evento, che ha visto la partecipazione del Comandante Generale, Ammiraglio Ispettore Capo Giovanni Pettorino, la Guardia Costiera ha lanciato la nuova campagna di sensibilizzazione ambientale del Corpo: il progetto #PlasticFreeGC. Un piano di comunicazione e di educazione ambientale in materia di lotta alla dispersione delle microplastiche nell'ambiente marino e costiero che sarà promosso dalla Guardia Costiera su mandato del Ministero dell'Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare.

Nell'occasione, si è parlato anche di "Reti fantasma". L'intervento del Capo Nucleo Sub Guardia Costiera di Genova, Tenente di Vascello Angelo Doria, è stato incentrato sull'attività subacquea svolta da Corpo per contrastare il fenomeno delle reti abbandonate nei mari che rappresentano un reale e duraturo pericolo per l'ambiente e la fauna marina, in quanto, sono prevalentemente costituite da plastiche non degradabili che, adagiate sui fondali marini, continuano a svolgere la loro azione di pesca indiscriminata.

Sulla base dell'esperienza maturata dal Nucleo Subacqueo di Genova e delle analoghe attività svolte dagli altri nuclei subacquei della Guardia Costiera, - dislocati a San Benedetto del Tronto, Napoli, Catania e Cagliari – sono state descritte le tecniche d'intervento utilizzate durante le operazioni di recupero e gli alti standard di sicurezza cui è necessario attenersi durante le operazioni. Un'attività importante che nasce spesso, grazie alla segnalazione degli utenti del mare e, in particolar modo, da chi vive il mare in profondità.

"La Guardia Costiera opera ogni giorno per la tutela ambientale del Mediterraneo: un mare fragile, fortemente antropizzato, che necessita di un impegno costante e comune per preservarlo" dichiara l'Ammiraglio Pettorino al termine del suo intervento alla manifestazione.

02/03/2019 Bologna

Anche quest'anno, la Guardia Costiera ha preso parte all'EUROPEAN DIVE SHOW, la più importante manifestazione europea interamente dedicata al mondo della subacquea, giunta alla sua 27^edizione.

Nell'ambito dell'evento, che ha visto la partecipazione del Comandante Generale, Ammiraglio Ispettore Capo Giovanni Pettorino, la Guardia Costiera ha lanciato la nuova campagna di sensibilizzazione ambientale del Corpo: il progetto #PlasticFreeGC. Un piano di comunicazione e di educazione ambientale in materia di lotta alla dispersione delle microplastiche nell'ambiente marino e costiero che sarà promosso dalla Guardia Costiera su mandato del Ministero dell'Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare.

Nell'occasione, si è parlato anche di "Reti fantasma". L'intervento del Capo Nucleo Sub Guardia Costiera di Genova, Tenente di Vascello Angelo Doria, è stato incentrato sull'attività subacquea svolta da Corpo per contrastare il fenomeno delle reti abbandonate nei mari che rappresentano un reale e duraturo pericolo per l'ambiente e la fauna marina, in quanto, sono prevalentemente costituite da plastiche non degradabili che, adagiate sui fondali marini, continuano a svolgere la loro azione di pesca indiscriminata.

Sulla base dell'esperienza maturata dal Nucleo Subacqueo di Genova e delle analoghe attività svolte dagli altri nuclei subacquei della Guardia Costiera, - dislocati a San Benedetto del Tronto, Napoli, Catania e Cagliari – sono state descritte le tecniche d'intervento utilizzate durante le operazioni di recupero e gli alti standard di sicurezza cui è necessario attenersi durante le operazioni. Un'attività importante che nasce spesso, grazie alla segnalazione degli utenti del mare e, in particolar modo, da chi vive il mare in profondità.

"La Guardia Costiera opera ogni giorno per la tutela ambientale del Mediterraneo: un mare fragile, fortemente antropizzato, che necessita di un impegno costante e comune per preservarlo" dichiara l'Ammiraglio Pettorino al termine del suo intervento alla manifestazione.

Bologna

Immagine segnaposto

Sicurezza in mare e protezione dell'ambiente marino: la Guardia Costiera all'Eudi Show

Immagine segnaposto

La Guardia Costiera premiata alla 26ª Edizione dell'Eudi Show