Si è svolto oggi, presso la sede del Reparto Ambientale Marino della Guardia Costiera, un workshop dal titolo "Siti di Interesse Nazionale (S.I.N.) in ambito marino/costiero - Il ruolo della Guardia Costiera", incentrato sulle attività di controllo e monitoraggio poste in essere dai Comandi territoriali della Guardia Costiera sui S.I.N., in esecuzione degli accordi convenzionali stipulati tra la Direzione Generale per la salvaguardia del territorio e delle acque (Ministero dell'Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare) e il Comando Generale del Corpo delle Capitanerie di porto – Guardia Costiera. 

L'evento, aperto dai saluti del Dott. Raffaele Tiscar, Capo Ufficio di Gabinetto del Ministero dell'Ambiente, e del Comandante Generale del Corpo, Ammiraglio Ispettore Capo Vincenzo Melone, ha visto la partecipazione di diversi relatori, tra i quali il Capo Reparto Ambientale Marino, Contrammiraglio Aurelio Caligiore, che ha aperto i lavori, il Segretario Generale del Ministero, consigliere Antonio Caponetto, e la Direttrice della Direzione Generale per la salvaguardia del territorio e delle acque, Dottoressa Gaia Checcucci.

Il personale della Guardia Costiera, a cui è affidato il compito di polizia ambientale nel settore dei S.I.N., ha, negli anni, effettuato attività di monitoraggio, sia con mezzi navali e terrestri, sia con le componenti specialistiche del Corpo (gli aeromobili per il telerilevamento ambientale, il Laboratorio Ambientale Mobile per le attività di campionamento e i Nuclei subacquei per le ispezioni in mare). Dal 2009 a oggi, in virtù di 8 accordi convenzionali che negli anni hanno impegnato diverse Capitanerie di porto in tali attività, sono stati effettuati circa 3.000 controlli, sono state trasmesse circa 90 notizie di reato e sono stati effettuati oltre 40 sequestri. Al fine di rendere ancora più efficace l'azione di tutela del Corpo, sono stati attivati, negli anni, diversi corsi di formazione per l'addestramento e l'aggiornamento del personale militare chiamato ad operare nell'ambito dei S.I.N.



31/01/2018 Roma Attività Eventi



Si è svolto oggi, presso la sede del Reparto Ambientale Marino della Guardia Costiera, un workshop dal titolo "Siti di Interesse Nazionale (S.I.N.) in ambito marino/costiero - Il ruolo della Guardia Costiera", incentrato sulle attività di controllo e monitoraggio poste in essere dai Comandi territoriali della Guardia Costiera sui S.I.N., in esecuzione degli accordi convenzionali stipulati tra la Direzione Generale per la salvaguardia del territorio e delle acque (Ministero dell'Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare) e il Comando Generale del Corpo delle Capitanerie di porto – Guardia Costiera. 

L'evento, aperto dai saluti del Dott. Raffaele Tiscar, Capo Ufficio di Gabinetto del Ministero dell'Ambiente, e del Comandante Generale del Corpo, Ammiraglio Ispettore Capo Vincenzo Melone, ha visto la partecipazione di diversi relatori, tra i quali il Capo Reparto Ambientale Marino, Contrammiraglio Aurelio Caligiore, che ha aperto i lavori, il Segretario Generale del Ministero, consigliere Antonio Caponetto, e la Direttrice della Direzione Generale per la salvaguardia del territorio e delle acque, Dottoressa Gaia Checcucci.

Il personale della Guardia Costiera, a cui è affidato il compito di polizia ambientale nel settore dei S.I.N., ha, negli anni, effettuato attività di monitoraggio, sia con mezzi navali e terrestri, sia con le componenti specialistiche del Corpo (gli aeromobili per il telerilevamento ambientale, il Laboratorio Ambientale Mobile per le attività di campionamento e i Nuclei subacquei per le ispezioni in mare). Dal 2009 a oggi, in virtù di 8 accordi convenzionali che negli anni hanno impegnato diverse Capitanerie di porto in tali attività, sono stati effettuati circa 3.000 controlli, sono state trasmesse circa 90 notizie di reato e sono stati effettuati oltre 40 sequestri. Al fine di rendere ancora più efficace l'azione di tutela del Corpo, sono stati attivati, negli anni, diversi corsi di formazione per l'addestramento e l'aggiornamento del personale militare chiamato ad operare nell'ambito dei S.I.N.



Eventi

Immagine segnaposto

Pantelleria e Lampedusa: visita del Comandante Generale

Immagine segnaposto

Operazione "Spiagge libere": oltre 5 mila controlli nell'ultima settimana di luglio

Immagine segnaposto

Il Presidente ed il Direttore Generale dell’ISPRA in visita al Laboratorio Ambientale della Guardia Costiera

Immagine segnaposto

Il ricordo dell’Ammiraglio Pollastrini in un quadro donato al Comando Generale

Roma

Immagine segnaposto

Il Capo di Gabinetto del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti in visita al Comando Generale

Immagine segnaposto

Il Comandante Generale incontra gli equipaggi della Capitaneria di porto di Roma

Immagine segnaposto

Il Presidente ed il Direttore Generale dell’ISPRA in visita al Laboratorio Ambientale della Guardia Costiera

Immagine segnaposto

Il Comandante Generale incontra il Presidente della Camera dei Deputati