Oggi, mercoledì 19 luglio, per la prima volta nella storia del Corpo, il Presidente della Repubblica ha fatto visita alla sede del Comando Generale delle Capitanerie di porto – Guardia Costiera, accompagnato dal Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, On. Graziano Delrio, dal Ministro della Difesa, On. Roberta Pinotti, dal Capo di Stato Maggiore della Difesa, Generale Claudio Graziano, e dal Capo di Stato Maggiore della Marina, Ammiraglio di Squadra Valter Girardelli.

Ad accoglierlo, il Comandante Generale, Ammiraglio Ispettore Capo Vincenzo Melone, insieme al Vice Comandante Generale, Ammiraglio Ispettore Giovanni de Tullio, nonché ai Direttori Marittimi, i Comandanti delle Capitanerie di porto, i Comandanti delle basi aeree e navali del Corpo, oltre ai Capi Reparto e Capi Ufficio di staff ed un'aliquota di personale del Comando Generale, ad attestare idealmente la presenza di tutti gli 11.000 uomini e donne del Corpo che operano incessantemente a favore della collettività lungo gli 8.000 km di coste e nei 500.000 km2 di area marittima di responsabilità italiana per la ricerca e il soccorso.

Dopo aver ricevuto gli onori militari, il Capo dello Stato ha firmato il libro d'onore del Comando Generale, in una sala ove è stato ricreato l'ambiente di un ufficio di porto ideale, arredato con mobilio d'epoca e cimeli della storia marittima del Paese, provenienti da diverse Capitanerie di porto.

La visita è poi proseguita nella sala congressi della sede del Comando Generale, con un indirizzo di saluto dell'Ammiraglio Melone, che ha espresso al Presidente - a nome di tutto il personale del Corpo – la profonda gratitudine per aver voluto testimoniare la propria vicinanza e sensibilità alla Guardia Costiera per il suo operato. A conclusione dell'intervento, l'Ammiraglio ha presentato il nuovo cortometraggio istituzionale, dal titolo "Guardia Costiera – Soccorso, assistenza e sicurezza", che – mediante immagini di operazioni reali – racconta, nella sua interezza e complessità, l'intero "ciclo del soccorso in mare", dalle fasi iniziali di salvataggio, a quelle successive di primo screening sanitario, identificazione e assistenza, garantite a bordo delle unità navali della Guardia Costiera.

Successivamente, il Presidente Mattarella, prendendo la parola, ha rivolto alla Guardia Costiera parole di gratitudine per l'impegno quotidiano a servizio del Paese e, a proposito delle molteplici competenze del Corpo, ha evidenziato come "la dipendenza da una pluralità di Dicasteri" sia "dimostrazione della complessità dei compiti che la Repubblica" affida al Corpo.

Il Capo dello Stato ha sottolineato, inoltre, come "la profonda umanità dell'opera svolta dal Corpo costituisca il vero valore aggiunto della sua professionalità".

L'incontro si è concluso con la visita alla Centrale Operativa, ove il Presidente ha potuto "toccare con mano il complesso delle attività della Guardia Costiera", osservando in prima persona gli avanzati sistemi di controllo e monitoraggio del traffico marittimo di cui il Corpo dispone nell'espletamento delle proprie attività.



19/07/2017 Roma Eventi

Oggi, mercoledì 19 luglio, per la prima volta nella storia del Corpo, il Presidente della Repubblica ha fatto visita alla sede del Comando Generale delle Capitanerie di porto – Guardia Costiera, accompagnato dal Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, On. Graziano Delrio, dal Ministro della Difesa, On. Roberta Pinotti, dal Capo di Stato Maggiore della Difesa, Generale Claudio Graziano, e dal Capo di Stato Maggiore della Marina, Ammiraglio di Squadra Valter Girardelli.

Ad accoglierlo, il Comandante Generale, Ammiraglio Ispettore Capo Vincenzo Melone, insieme al Vice Comandante Generale, Ammiraglio Ispettore Giovanni de Tullio, nonché ai Direttori Marittimi, i Comandanti delle Capitanerie di porto, i Comandanti delle basi aeree e navali del Corpo, oltre ai Capi Reparto e Capi Ufficio di staff ed un'aliquota di personale del Comando Generale, ad attestare idealmente la presenza di tutti gli 11.000 uomini e donne del Corpo che operano incessantemente a favore della collettività lungo gli 8.000 km di coste e nei 500.000 km2 di area marittima di responsabilità italiana per la ricerca e il soccorso.

Dopo aver ricevuto gli onori militari, il Capo dello Stato ha firmato il libro d'onore del Comando Generale, in una sala ove è stato ricreato l'ambiente di un ufficio di porto ideale, arredato con mobilio d'epoca e cimeli della storia marittima del Paese, provenienti da diverse Capitanerie di porto.

La visita è poi proseguita nella sala congressi della sede del Comando Generale, con un indirizzo di saluto dell'Ammiraglio Melone, che ha espresso al Presidente - a nome di tutto il personale del Corpo – la profonda gratitudine per aver voluto testimoniare la propria vicinanza e sensibilità alla Guardia Costiera per il suo operato. A conclusione dell'intervento, l'Ammiraglio ha presentato il nuovo cortometraggio istituzionale, dal titolo "Guardia Costiera – Soccorso, assistenza e sicurezza", che – mediante immagini di operazioni reali – racconta, nella sua interezza e complessità, l'intero "ciclo del soccorso in mare", dalle fasi iniziali di salvataggio, a quelle successive di primo screening sanitario, identificazione e assistenza, garantite a bordo delle unità navali della Guardia Costiera.

Successivamente, il Presidente Mattarella, prendendo la parola, ha rivolto alla Guardia Costiera parole di gratitudine per l'impegno quotidiano a servizio del Paese e, a proposito delle molteplici competenze del Corpo, ha evidenziato come "la dipendenza da una pluralità di Dicasteri" sia "dimostrazione della complessità dei compiti che la Repubblica" affida al Corpo.

Il Capo dello Stato ha sottolineato, inoltre, come "la profonda umanità dell'opera svolta dal Corpo costituisca il vero valore aggiunto della sua professionalità".

L'incontro si è concluso con la visita alla Centrale Operativa, ove il Presidente ha potuto "toccare con mano il complesso delle attività della Guardia Costiera", osservando in prima persona gli avanzati sistemi di controllo e monitoraggio del traffico marittimo di cui il Corpo dispone nell'espletamento delle proprie attività.



Eventi

Immagine segnaposto

“La Guardia Costiera, un Corpo al servizio del mare”: al Comando Generale un corso di formazione per giornalisti

Immagine segnaposto

La Capitaneria di porto di Napoli e l’I.T.I. Fermi Gadda per lo sviluppo del laboratorio sperimentale dronico

Immagine segnaposto

Piano di cooperazione bilaterale Italia – Egitto: la Guardia Costiera italiana in Egitto per un “Expert Meeting on SAR and Coast Guard field”

Immagine segnaposto

Atene: il Comandante Generale incontra la Guardia Costiera greca

Roma

Immagine segnaposto

“La Guardia Costiera, un Corpo al servizio del mare”: al Comando Generale un corso di formazione per giornalisti

Immagine segnaposto

comunicato stampa 22 novembre 2017

Immagine segnaposto

L’Italia ai primi posti per sicurezza della navigazione e qualità della flotta mercantile

Immagine segnaposto

Bocche di Bonifacio: incontro tecnico al Comando Generale