​Si è svolta ieri, a bordo di Nave Gregoretti nel porto di Civitavecchia ed alla presenza del Ministro delle Politiche Agricole Alimentari, Forestali e del Turismo, Senatore Gian Marco Centinaio e del Comandante Generale del Corpo delle Capitanerie di porto - Guardia Costiera, Ammiraglio Ispettore Capo Giovanni Pettorino, la conferenza stampa della Guardia Costiera sull'importante attività di polizia giudiziaria svolta su tutto il territorio nazionale a tutela del Made in Italy.

Come ogni anno la tradizione delle festività natalizie richiama sulle tavole degli italiani molti piatti a base di pesce, sinonimo di convivialità e di proprietà nutrizionali.

Aumenta di conseguenza il rischio da parte del consumatore di comperare prodotti ittici non sicuri o qualitativamente non aderenti alle sue aspettative o, ancora peggio, non perfettamente idonei al consumo umano, fino a imbattersi in vere e proprie frodi commerciali.

Per questo motivo, in un periodo in cui è massima la commercializzazione di prodotti originati dall'attività di pesca, il Ministro delle Politiche Agricole Alimentari, Forestali e del Turismo, Senatore Gian Marco Centinaio, ha chiesto uno sforzo supplementare agli uomini e donne della Guardia costiera, disponendo l'operazione "Confine illegale", a tutela dei consumatori, degli onesti operatori del settore e del made in Italy.

Un'operazione, iniziata a fine novembre e tutt'ora in corso, fortemente voluta per garantire il rispetto delle vigenti disposizioni sugli scambi commerciali nazionali e soprattutto internazionali, a tutela degli stock ittici e dell'ecosistema, con il coinvolgimento di oltre 5 mila tra uomini e donne della Guardia Costiera e con l'impiego di mezzi aeronavali come Nave Gregoretti, specializzata nell'attività di contrasto alla pesca illegale.

Il dispositivo operativo messo in campo a livello nazionale dal Comando Generale del Corpo delle Capitanerie di porto – Guardia Costiera - che si articola attraverso i Centri di Controllo Area Pesca distribuiti capillarmente nei 15 Comandi regionali - ha permesso nel solo periodo dell'operazione, la contestazione di oltre 700 sanzioni penali e amministrative, il sequestro di oltre 80 tonnellate di prodotto ittico non conforme per un importo delle sanzioni di circa 1,5 milione di euro, nonché l'esecuzione di 7 ordinanze di custodia cautelare.



21/12/2018 Roma Attività

​Si è svolta ieri, a bordo di Nave Gregoretti nel porto di Civitavecchia ed alla presenza del Ministro delle Politiche Agricole Alimentari, Forestali e del Turismo, Senatore Gian Marco Centinaio e del Comandante Generale del Corpo delle Capitanerie di porto - Guardia Costiera, Ammiraglio Ispettore Capo Giovanni Pettorino, la conferenza stampa della Guardia Costiera sull'importante attività di polizia giudiziaria svolta su tutto il territorio nazionale a tutela del Made in Italy.

Come ogni anno la tradizione delle festività natalizie richiama sulle tavole degli italiani molti piatti a base di pesce, sinonimo di convivialità e di proprietà nutrizionali.

Aumenta di conseguenza il rischio da parte del consumatore di comperare prodotti ittici non sicuri o qualitativamente non aderenti alle sue aspettative o, ancora peggio, non perfettamente idonei al consumo umano, fino a imbattersi in vere e proprie frodi commerciali.

Per questo motivo, in un periodo in cui è massima la commercializzazione di prodotti originati dall'attività di pesca, il Ministro delle Politiche Agricole Alimentari, Forestali e del Turismo, Senatore Gian Marco Centinaio, ha chiesto uno sforzo supplementare agli uomini e donne della Guardia costiera, disponendo l'operazione "Confine illegale", a tutela dei consumatori, degli onesti operatori del settore e del made in Italy.

Un'operazione, iniziata a fine novembre e tutt'ora in corso, fortemente voluta per garantire il rispetto delle vigenti disposizioni sugli scambi commerciali nazionali e soprattutto internazionali, a tutela degli stock ittici e dell'ecosistema, con il coinvolgimento di oltre 5 mila tra uomini e donne della Guardia Costiera e con l'impiego di mezzi aeronavali come Nave Gregoretti, specializzata nell'attività di contrasto alla pesca illegale.

Il dispositivo operativo messo in campo a livello nazionale dal Comando Generale del Corpo delle Capitanerie di porto – Guardia Costiera - che si articola attraverso i Centri di Controllo Area Pesca distribuiti capillarmente nei 15 Comandi regionali - ha permesso nel solo periodo dell'operazione, la contestazione di oltre 700 sanzioni penali e amministrative, il sequestro di oltre 80 tonnellate di prodotto ittico non conforme per un importo delle sanzioni di circa 1,5 milione di euro, nonché l'esecuzione di 7 ordinanze di custodia cautelare.



Attività

Immagine segnaposto

Il Porto di Napoli ispezionato dalla Commissione Europea

Immagine segnaposto

Il Comandante Generale in visita a Lampedusa

Immagine segnaposto

La Sindaca Virginia Raggi in visita al Comando Generale delle Capitanerie di porto

Immagine segnaposto

A Parigi la 68° sessione del Consiglio della IALA

Roma

Immagine segnaposto

La Sindaca Virginia Raggi in visita al Comando Generale delle Capitanerie di porto

Immagine segnaposto

Comunicato stampa 20.12.2018

Immagine segnaposto

Inaugurazione della Biblioteca del Settore Marittimo del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti