​Lo scorso fine settimana si è svolta a Venezia la tradizionale Festa del Redentore. Durante l'evento il Presidente del Senato Maria Elisabetta Alberti Casellati è stata ospite a bordo della Motovedetta CP292 della Guardia Costiera, ormeggiata in Bacino San Marco presso San Zaccaria e configurata come centro operativo di coordinamento dell'imponente dispositivo di sicurezza appositamente costituito per vigilare sull'intero svolgimento della manifestazione. 

Alla Senatrice, accompagnata dal Sindaco di Venezia e dal Direttore Marittimo del Veneto, Contrammiraglio Piero Pellizzari, sono stati illustrati i sofisticati sistemi tecnici di controllo, telecomunicazione e trasmissione di dati dell'unità navale, impiegata come piattaforma di comando polifunzionale, in grado di gestire operazioni complesse e che ha permesso alla Guardia Costiera di assicurare i primari compiti di polizia marittima e sicurezza della navigazione e gestire con tempestività ogni eventuale intervento per la salvaguardia della vita umana durante l'evento. 

Il Presidente del Senato ha portato infine un saluto all'intero equipaggio delle unità navali, al personale della Guardia Costiera di Venezia e ai rappresentanti delle varie Forze di Polizia e di soccorso integrate nel dispositivo di sicurezza. Nonostante un momentaneo peggioramento delle condizioni meteo prima dell'inizio dei fuochi pirotecnici, l'afflusso ed il successivo deflusso delle centinaia di imbarcazioni presenti si è svolto regolarmente senza alcuna criticità.

16/07/2018 Venezia Attività

​Lo scorso fine settimana si è svolta a Venezia la tradizionale Festa del Redentore. Durante l'evento il Presidente del Senato Maria Elisabetta Alberti Casellati è stata ospite a bordo della Motovedetta CP292 della Guardia Costiera, ormeggiata in Bacino San Marco presso San Zaccaria e configurata come centro operativo di coordinamento dell'imponente dispositivo di sicurezza appositamente costituito per vigilare sull'intero svolgimento della manifestazione. 

Alla Senatrice, accompagnata dal Sindaco di Venezia e dal Direttore Marittimo del Veneto, Contrammiraglio Piero Pellizzari, sono stati illustrati i sofisticati sistemi tecnici di controllo, telecomunicazione e trasmissione di dati dell'unità navale, impiegata come piattaforma di comando polifunzionale, in grado di gestire operazioni complesse e che ha permesso alla Guardia Costiera di assicurare i primari compiti di polizia marittima e sicurezza della navigazione e gestire con tempestività ogni eventuale intervento per la salvaguardia della vita umana durante l'evento. 

Il Presidente del Senato ha portato infine un saluto all'intero equipaggio delle unità navali, al personale della Guardia Costiera di Venezia e ai rappresentanti delle varie Forze di Polizia e di soccorso integrate nel dispositivo di sicurezza. Nonostante un momentaneo peggioramento delle condizioni meteo prima dell'inizio dei fuochi pirotecnici, l'afflusso ed il successivo deflusso delle centinaia di imbarcazioni presenti si è svolto regolarmente senza alcuna criticità.

Attività

Immagine segnaposto

Il 1° Workshop “A new European environmental commitment” avvia i lavori della Presidenza italiana del Forum Europeo delle Funzioni di Guardia Costiera

Immagine segnaposto

Santuario Pelagos: a Sanremo firmato il protocollo d’intesa tra il Comando Generale e l’Istituto Tethys ONLUS, per la protezione dei mammiferi marini

Immagine segnaposto

Inaugurazione di un Ufficio Locale Marittimo di Meta

Immagine segnaposto

La Capitaneria di porto di Livorno riceve gli allievi della Scuola Navale Militare “F.Morosini”

Venezia

Immagine segnaposto

Il Procuratore Vicario della Procura della Repubblica di Venezia in visita alla sede della Capitaneria di porto – Guardia Costiera

Immagine segnaposto

Venezia: Tavola Rotonda sulla tutela della pesca marittima

Immagine segnaposto

Venezia: celebrata la tradizionale cerimonia in memoria dei Caduti del Mare e dei Porti d’Italia

Immagine segnaposto

Sicurezza della navigazione e monitoraggio del traffico marittimo: a Venezia la 15^ riunione del “Mediterranean Expert Working Group”