L'Agenzia Europea per la Sicurezza Marittima (EMSA), ente incaricato del supporto e del controllo sulla corretta implementazione del diritto comunitario all'interno dei singoli Stati membri in materia di sicurezza della navigazione, a seguito di una specifica richiesta da parte della Commissione Europea, ha stabilito di effettuare un ciclo di visite per verificare il recepimento della Direttiva 2014/90/EU sugli equipaggiamenti marittimi. A tale scopo, l'Agenzia ha organizzato, giovedì 18 maggio, presso la propria sede di Lisbona, un workshop, al quale hanno preso parte rappresentanti degli Stati membri e della Commissione Europea, finalizzato ad illustrare scopi ed obiettivi delle attività previste dalla Direttiva.

Durante il workshop, l'Agenzia ha illustrato i principi fondamentali della Direttiva, che dovranno essere recepiti dalla normativa nazionale, soffermandosi in modo particolare sulle funzioni di Flag State Control, sulla designazione degli Enti di Certificazione, che si occupano di valutare la conformità degli equipaggiamenti marittimi alla Direttiva stessa, e sulle funzioni di Market Surveillance, volte ad assicurare la qualità degli stessi equipaggiamenti sul mercato nazionale. Su quest'ultimo tema, l'EMSA ha richiesto all'Amministrazione italiana uno specifico contributo, anche alla luce dell'attuale presidenza del Gruppo di Sorveglianza sul Mercato (AdCo), incarico ricoperto dall'Italia. Pertanto, il delegato italiano, il Capitano di Fregata Pierluigi Milella, del 6° Reparto – Sicurezza della Navigazione del Comando Generale, ha illustrato, in uno specifico contributo, funzioni, ruoli e responsabilità dell'Autorità Nazionale di Sorveglianza sul Mercato e le relative attività proattive e reattive di controllo del mercato.

Al termine della presentazione del Comandante Milella, alcuni rappresentanti degli Stati membri presenti hanno richiesto di proseguire la condivisione e il confronto con l'Italia per quanto riguarda le attività di sorveglianza sul mercato illustrate, riscontrando un particolare interesse per i potenziali risvolti transnazionali che assumerebbero le verifiche congiunte tra diverse amministrazioni di bandiera su determinati equipaggiamenti marittimi installati a bordo delle unità navali.



07/06/2017 Lisbona Attività Eventi

L'Agenzia Europea per la Sicurezza Marittima (EMSA), ente incaricato del supporto e del controllo sulla corretta implementazione del diritto comunitario all'interno dei singoli Stati membri in materia di sicurezza della navigazione, a seguito di una specifica richiesta da parte della Commissione Europea, ha stabilito di effettuare un ciclo di visite per verificare il recepimento della Direttiva 2014/90/EU sugli equipaggiamenti marittimi. A tale scopo, l'Agenzia ha organizzato, giovedì 18 maggio, presso la propria sede di Lisbona, un workshop, al quale hanno preso parte rappresentanti degli Stati membri e della Commissione Europea, finalizzato ad illustrare scopi ed obiettivi delle attività previste dalla Direttiva.

Durante il workshop, l'Agenzia ha illustrato i principi fondamentali della Direttiva, che dovranno essere recepiti dalla normativa nazionale, soffermandosi in modo particolare sulle funzioni di Flag State Control, sulla designazione degli Enti di Certificazione, che si occupano di valutare la conformità degli equipaggiamenti marittimi alla Direttiva stessa, e sulle funzioni di Market Surveillance, volte ad assicurare la qualità degli stessi equipaggiamenti sul mercato nazionale. Su quest'ultimo tema, l'EMSA ha richiesto all'Amministrazione italiana uno specifico contributo, anche alla luce dell'attuale presidenza del Gruppo di Sorveglianza sul Mercato (AdCo), incarico ricoperto dall'Italia. Pertanto, il delegato italiano, il Capitano di Fregata Pierluigi Milella, del 6° Reparto – Sicurezza della Navigazione del Comando Generale, ha illustrato, in uno specifico contributo, funzioni, ruoli e responsabilità dell'Autorità Nazionale di Sorveglianza sul Mercato e le relative attività proattive e reattive di controllo del mercato.

Al termine della presentazione del Comandante Milella, alcuni rappresentanti degli Stati membri presenti hanno richiesto di proseguire la condivisione e il confronto con l'Italia per quanto riguarda le attività di sorveglianza sul mercato illustrate, riscontrando un particolare interesse per i potenziali risvolti transnazionali che assumerebbero le verifiche congiunte tra diverse amministrazioni di bandiera su determinati equipaggiamenti marittimi installati a bordo delle unità navali.



Eventi

Immagine segnaposto

Il 1° Workshop “A new European environmental commitment” avvia i lavori della Presidenza italiana del Forum Europeo delle Funzioni di Guardia Costiera

Immagine segnaposto

Santuario Pelagos: a Sanremo firmato il protocollo d’intesa tra il Comando Generale e l’Istituto Tethys ONLUS, per la protezione dei mammiferi marini

Immagine segnaposto

Inaugurazione di un Ufficio Locale Marittimo di Meta

Immagine segnaposto

La Spezia: visita del Comandante Generale delle Capitanerie di porto – Guardia Costiera. Tributati due encomi solenni.

Lisbona

Immagine segnaposto

Il 1° Workshop “A new European environmental commitment” avvia i lavori della Presidenza italiana del Forum Europeo delle Funzioni di Guardia Costiera

Immagine segnaposto

L’Ammiraglio Carlone eletto Vice Chairman dell’Administrative Board dell’EMSA

Immagine segnaposto

Il Comandante Generale alla 9a Conferenza Plenaria del Forum Europeo delle Funzioni di Guardia Costiera