Nella giornata di oggi, venerdì 3 novembre, una delegazione del Ministero dell'Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, accompagnata dal Contrammiraglio Aurelio Caligiore, Capo Reparto Ambiente Marino, ha fatto visita al Comando Generale del Corpo delle Capitanerie di Porto – Guardia Costiera.

La delegazione, composta dal Segretario Generale, Cons. Antonio Caponetto, e dal Direttore Generale per la Protezione della Natura e del Mare, Dott.ssa Maria Carmela Giarratano, è stata accolta dal Comandante Generale del Corpo, Ammiraglio Ispettore Capo Vincenzo Melone, il quale ha espresso il proprio apprezzamento per un incontro che conferma i già ottimi rapporti tra le due istituzioni, nel comune obiettivo di proteggere e salvaguardare al meglio l'ambiente marino e costiero.

La visita è proseguita con un briefing tecnico aperto dall'Ammiraglio Caligiore, che ha illustrato i molteplici compiti della Guardia Costiera a tutela dell'ecosistema marino.

A seguire, a cura del Capitano di Vascello Rodolfo Giovannini - Ufficiale del Corpo attualmente presso l'EMSA (European Maritime Safety Agency) – sono state descritte le best practice adottate dal Corpo, nelle attività legate al recupero della nave Costa Concordia.

Sono intervenuti, inoltre, il Capo del VII Reparto – Informatica, sistemi di monitoraggio del traffico e comunicazioni, Contrammiraglio Piero Pellizzari, che ha illustrato i sistemi di monitoraggio del traffico marittimo, utilizzati anche per la tracciabilità dei rifiuti prodotti a bordo delle navi e delle merci pericolose trasportate dalle stesse; il Capitano di Vascello Daniele Giannelli, del III Reparto – Piani e Operazioni, che ha descritto le componenti specialistiche del Corpo in prima linea in materia ambientale; il Capitano di Vascello Giuseppe Famà del VI Reparto – Sicurezza della Navigazione, che ha spiegato le attività condotte in materia di safety e la loro diretta incidenza nella prevenzione degli inquinamenti marini da navi. Sono state inoltre descritte le recenti, brillanti operazioni del Nucleo Speciale di Intervento, in materia di polizia giudiziaria ambientale da parte del vice Capo Nucleo CC(CP) Alessandro Guerri. A conclusione degli interventi di taglio tecnico operativo, il Capitano di Vascello Edoardo Balestra, assistente del Comandante Generale, ha, quindi, delineato in forma sintetica le future linee di sviluppo dell'attività della Guardia Costiera in campo ambientale.

Al termine del briefing è stato, infine, presentato un breve filmato, inedito, realizzato dall'Ufficio Relazioni Esterne, sulle attività dalla Guardia Costiera in difesa dell'ambiente.

L'Ammiraglio Nicola Carlone, Capo del III Reparto - Piani e Operazioni, ha illustrato agli ospiti la Centrale Operativa e il Laboratorio Mobile Ambientale della Guardia Costiera, dove la delegazione si è intrattenuta con i biologi e i tecnici del Corpo per conoscere le attività specialistiche del L.A.M..

A conclusione dell'incontro, sono state espresse da parte del Cons. Caponetto parole di vivo apprezzamento all'Ammiraglio Melone e al personale delle Capitanerie di porto per l'ospitalità e per l'elevato e continuo impegno del Corpo in campo ambientale marino.


03/11/2017 Roma Eventi Attività

Nella giornata di oggi, venerdì 3 novembre, una delegazione del Ministero dell'Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, accompagnata dal Contrammiraglio Aurelio Caligiore, Capo Reparto Ambiente Marino, ha fatto visita al Comando Generale del Corpo delle Capitanerie di Porto – Guardia Costiera.

La delegazione, composta dal Segretario Generale, Cons. Antonio Caponetto, e dal Direttore Generale per la Protezione della Natura e del Mare, Dott.ssa Maria Carmela Giarratano, è stata accolta dal Comandante Generale del Corpo, Ammiraglio Ispettore Capo Vincenzo Melone, il quale ha espresso il proprio apprezzamento per un incontro che conferma i già ottimi rapporti tra le due istituzioni, nel comune obiettivo di proteggere e salvaguardare al meglio l'ambiente marino e costiero.

La visita è proseguita con un briefing tecnico aperto dall'Ammiraglio Caligiore, che ha illustrato i molteplici compiti della Guardia Costiera a tutela dell'ecosistema marino.

A seguire, a cura del Capitano di Vascello Rodolfo Giovannini - Ufficiale del Corpo attualmente presso l'EMSA (European Maritime Safety Agency) – sono state descritte le best practice adottate dal Corpo, nelle attività legate al recupero della nave Costa Concordia.

Sono intervenuti, inoltre, il Capo del VII Reparto – Informatica, sistemi di monitoraggio del traffico e comunicazioni, Contrammiraglio Piero Pellizzari, che ha illustrato i sistemi di monitoraggio del traffico marittimo, utilizzati anche per la tracciabilità dei rifiuti prodotti a bordo delle navi e delle merci pericolose trasportate dalle stesse; il Capitano di Vascello Daniele Giannelli, del III Reparto – Piani e Operazioni, che ha descritto le componenti specialistiche del Corpo in prima linea in materia ambientale; il Capitano di Vascello Giuseppe Famà del VI Reparto – Sicurezza della Navigazione, che ha spiegato le attività condotte in materia di safety e la loro diretta incidenza nella prevenzione degli inquinamenti marini da navi. Sono state inoltre descritte le recenti, brillanti operazioni del Nucleo Speciale di Intervento, in materia di polizia giudiziaria ambientale da parte del vice Capo Nucleo CC(CP) Alessandro Guerri. A conclusione degli interventi di taglio tecnico operativo, il Capitano di Vascello Edoardo Balestra, assistente del Comandante Generale, ha, quindi, delineato in forma sintetica le future linee di sviluppo dell'attività della Guardia Costiera in campo ambientale.

Al termine del briefing è stato, infine, presentato un breve filmato, inedito, realizzato dall'Ufficio Relazioni Esterne, sulle attività dalla Guardia Costiera in difesa dell'ambiente.

L'Ammiraglio Nicola Carlone, Capo del III Reparto - Piani e Operazioni, ha illustrato agli ospiti la Centrale Operativa e il Laboratorio Mobile Ambientale della Guardia Costiera, dove la delegazione si è intrattenuta con i biologi e i tecnici del Corpo per conoscere le attività specialistiche del L.A.M..

A conclusione dell'incontro, sono state espresse da parte del Cons. Caponetto parole di vivo apprezzamento all'Ammiraglio Melone e al personale delle Capitanerie di porto per l'ospitalità e per l'elevato e continuo impegno del Corpo in campo ambientale marino.


Attività

Immagine segnaposto

“La Guardia Costiera, un Corpo al servizio del mare”: al Comando Generale un corso di formazione per giornalisti

Immagine segnaposto

La Capitaneria di porto di Napoli e l’I.T.I. Fermi Gadda per lo sviluppo del laboratorio sperimentale dronico

Immagine segnaposto

Piano di cooperazione bilaterale Italia – Egitto: la Guardia Costiera italiana in Egitto per un “Expert Meeting on SAR and Coast Guard field”

Immagine segnaposto

Atene: il Comandante Generale incontra la Guardia Costiera greca

Roma

Immagine segnaposto

“La Guardia Costiera, un Corpo al servizio del mare”: al Comando Generale un corso di formazione per giornalisti

Immagine segnaposto

comunicato stampa 22 novembre 2017

Immagine segnaposto

L’Italia ai primi posti per sicurezza della navigazione e qualità della flotta mercantile

Immagine segnaposto

Bocche di Bonifacio: incontro tecnico al Comando Generale