Oggi, mercoledì 13 dicembre, una delegazione della Marina Militare libanese, composta dal Comandante Houssam Chmayssani e dal Comandante Antoine Kmeid, ha fatto visita al Comando Generale del Corpo delle Capitanerie di porto – Guardia Costiera.

La visita, che si inserisce nell'ambito dell'attuazione del Piano di Cooperazione militare bilaterale Italia-Libano 2017, è stata finalizzata a un "Expert meeting on Coast Guard field and Maritime S.A.R. operation capabilities", ossia un incontro tecnico incentrato su una delle principali funzioni di Guardia Costiera, l'attività di ricerca e soccorso in mare (SAR).

La delegazione è stata accolta dal Capitano di Fregata Giulio Piroddi, dell'Ufficio Affari Internazionali, e dal Capitano di Corvetta Tommaso Pisino, del 3° Reparto – Piani e operazioni del Comando Generale, i quali hanno illustrato agli ospiti i principali compiti e funzioni del Corpo, con particolare riguardo all'attività di ricerca e soccorso in mare e ai programmi di formazione e capacity building finanziati dall'Unione Europea. I militari libanesi, a loro volta, hanno descritto la struttura della propria Marina Militare (che svolge anche le funzioni di Guardia Costiera), le basi navali e i relativi assetti in forza presso le stesse, le caratteristiche della propria organizzazione e le procedure messe in campo nell'espletamento dell'attività SAR.

L'incontro è proseguito con la visita della Centrale Operativa, dove la delegazione libanese, accompagnata dal Capitano di Fregata Marco Patrick Mincio, ha potuto apprezzare i principali sistemi di controllo e monitoraggio del traffico marittimo e le moderne tecnologie di cui si avvale il Corpo.



13/12/2017 Roma Eventi

Oggi, mercoledì 13 dicembre, una delegazione della Marina Militare libanese, composta dal Comandante Houssam Chmayssani e dal Comandante Antoine Kmeid, ha fatto visita al Comando Generale del Corpo delle Capitanerie di porto – Guardia Costiera.

La visita, che si inserisce nell'ambito dell'attuazione del Piano di Cooperazione militare bilaterale Italia-Libano 2017, è stata finalizzata a un "Expert meeting on Coast Guard field and Maritime S.A.R. operation capabilities", ossia un incontro tecnico incentrato su una delle principali funzioni di Guardia Costiera, l'attività di ricerca e soccorso in mare (SAR).

La delegazione è stata accolta dal Capitano di Fregata Giulio Piroddi, dell'Ufficio Affari Internazionali, e dal Capitano di Corvetta Tommaso Pisino, del 3° Reparto – Piani e operazioni del Comando Generale, i quali hanno illustrato agli ospiti i principali compiti e funzioni del Corpo, con particolare riguardo all'attività di ricerca e soccorso in mare e ai programmi di formazione e capacity building finanziati dall'Unione Europea. I militari libanesi, a loro volta, hanno descritto la struttura della propria Marina Militare (che svolge anche le funzioni di Guardia Costiera), le basi navali e i relativi assetti in forza presso le stesse, le caratteristiche della propria organizzazione e le procedure messe in campo nell'espletamento dell'attività SAR.

L'incontro è proseguito con la visita della Centrale Operativa, dove la delegazione libanese, accompagnata dal Capitano di Fregata Marco Patrick Mincio, ha potuto apprezzare i principali sistemi di controllo e monitoraggio del traffico marittimo e le moderne tecnologie di cui si avvale il Corpo.



Eventi

Immagine segnaposto

Il Patriarca di Venezia Mons. Francesco Moraglia ospite a bordo delle unità della Guardia Costiera di Venezia

Immagine segnaposto

50*BARCOLANA, LA GUARDIA COSTIERA PRESENTE A TRIESTE CON NAVE GREGORETTI E UNO SPAZIO DEDICATO AI VISITATORI

Immagine segnaposto

L’Ammiraglio Pettorino in visita a Trieste: professionalità, qualità del lavoro e presenza sul territorio

Immagine segnaposto

Napoli: 3^ edizione della Naples Shipping Week 2018

Roma

Immagine segnaposto

Il Comandante Generale in visita dal Presidente della Commissione Difesa

Immagine segnaposto

Comunicato stampa 15 ottobre 2018 - aggiornamento nr. 7

Immagine segnaposto

Comunicato Stampa 13 ottobre 2018

Immagine segnaposto

comunicato stampa 13 ottobre 2018 - aggiornamento