​Il 27 settembre ultimo scorso una delegazione del Comando Generale del Corpo delle Capitanerie di porto – Guardia Costiera, composta dal Capo del 3° Reparto – Piani e Operazioni, Contrammiraglio Nicola Carlone, dal Capitano di Fregata Massimo di Marco, dal Capitano di Fregata Gianfranco Santini e dal Capo di 1a Classe Angelo Li Volsi, si è recata in Montenegro per prendere parte alla cerimonia di cessione di 2 motovedette, della Guardia Costiera italiana, al Ministero degli Interni montenegrino.

La delegazione, accompagnata dall'Ambasciatore a Podgorica, Vincenzo Del Monaco, dal Vice Presidente della 10^ commissione permanente del Senato (Industria, commercio, turismo), Sen. Aldo Di Biagio, e dall'Addetto per la difesa a Belgrado, Col. Paolo Sfarra, è stata ricevuta dal Ministro degli Interni, Mevludin Nuhodzic, per un breve incontro che ha consentito di fare un punto di situazione sulla proficua cooperazione bilaterale. Il Ministro ha ringraziato l'Italia e il Corpo per la cessione delle due unità, oltre a sottolineare la professionalità, la disponibilità e il supporto tecnico e logistico, della Guardia Costiera, in occasione del corso di familiarizzazione svolto a Bari dal 7 al 22 settembre, a favore del personale della Polizia montenegrina.

L'Ammiraglio Carlone, nel porgere al Ministro i saluti del Comandante Generale, Ammiraglio Ispettore Capo Vincenzo Melone, ha osservato come il rafforzamento delle capacità marittime del Montenegro sia un vantaggio per entrambi i paesi, uniti dalle comuni responsabilità nel Mare Adriatico, e ha confermato la disponibilità a estendere la collaborazione tecnico-operativa con la Polizia marittima montenegrina ai settori della formazione e addestramento.

Successivamente la delegazione si è trasferita nella città di Bar, nel cui porto sono state ormeggiate  le due unità - ex CP 512 e CP 514 - donate al Montenegro. Alla breve cerimonia hanno partecipato, tra gli altri, il Vice Ministro degli Interni e Direttore Generale per la collaborazione internazionale e l'integrazione europea, Tanja Ostojić, e il Vice Direttore della Polizia e responsabile della polizia di frontiera, Vesko Damjanović, che si sono intrattenuti a bordo delle due motovedette per conoscere le loro capacità, le caratteristiche tecniche e le possibilità di impiego.

Nel pomeriggio la delegazione si è recata in visita presso la sede di Bar del Dipartimento per la Sicurezza Marittima, dove è stata ricevuta dal Vice Ministro Muamer Hajdarpašić, e dal Comandante della Capitaneria di Porto di Bar, Predrag Ratkovic.

Il Vice Ministro ha anticipato l'intenzione del Ministero dei trasporti e degli affari marittimi di formalizzare al più presto, tramite l'Ambasciata italiana, la richiesta di voler valutare la possibilità di cessione al Ministero dei trasporti e degli affari marittimi di una o due unità navali della Guardia Costiera italiana, al fine di rafforzare le capacità di intervento SAR e a tutela dell'ambiente marino.

Al termine dell'incontro è stata effettuata una visita presso la centrale operativa del Maritime Rescue Coordination Centre (MRCC) di Bar, gestito dal Dipartimento per la sicurezza marittima, i cui sistemi di monitoraggio e controllo del traffico marittimo sono stati di recente ammodernati grazie all'apporto dell'industria italiana di settore (soc. ELMAN).


09/10/2017 Montenegro Attività Eventi

​Il 27 settembre ultimo scorso una delegazione del Comando Generale del Corpo delle Capitanerie di porto – Guardia Costiera, composta dal Capo del 3° Reparto – Piani e Operazioni, Contrammiraglio Nicola Carlone, dal Capitano di Fregata Massimo di Marco, dal Capitano di Fregata Gianfranco Santini e dal Capo di 1a Classe Angelo Li Volsi, si è recata in Montenegro per prendere parte alla cerimonia di cessione di 2 motovedette, della Guardia Costiera italiana, al Ministero degli Interni montenegrino.

La delegazione, accompagnata dall'Ambasciatore a Podgorica, Vincenzo Del Monaco, dal Vice Presidente della 10^ commissione permanente del Senato (Industria, commercio, turismo), Sen. Aldo Di Biagio, e dall'Addetto per la difesa a Belgrado, Col. Paolo Sfarra, è stata ricevuta dal Ministro degli Interni, Mevludin Nuhodzic, per un breve incontro che ha consentito di fare un punto di situazione sulla proficua cooperazione bilaterale. Il Ministro ha ringraziato l'Italia e il Corpo per la cessione delle due unità, oltre a sottolineare la professionalità, la disponibilità e il supporto tecnico e logistico, della Guardia Costiera, in occasione del corso di familiarizzazione svolto a Bari dal 7 al 22 settembre, a favore del personale della Polizia montenegrina.

L'Ammiraglio Carlone, nel porgere al Ministro i saluti del Comandante Generale, Ammiraglio Ispettore Capo Vincenzo Melone, ha osservato come il rafforzamento delle capacità marittime del Montenegro sia un vantaggio per entrambi i paesi, uniti dalle comuni responsabilità nel Mare Adriatico, e ha confermato la disponibilità a estendere la collaborazione tecnico-operativa con la Polizia marittima montenegrina ai settori della formazione e addestramento.

Successivamente la delegazione si è trasferita nella città di Bar, nel cui porto sono state ormeggiate  le due unità - ex CP 512 e CP 514 - donate al Montenegro. Alla breve cerimonia hanno partecipato, tra gli altri, il Vice Ministro degli Interni e Direttore Generale per la collaborazione internazionale e l'integrazione europea, Tanja Ostojić, e il Vice Direttore della Polizia e responsabile della polizia di frontiera, Vesko Damjanović, che si sono intrattenuti a bordo delle due motovedette per conoscere le loro capacità, le caratteristiche tecniche e le possibilità di impiego.

Nel pomeriggio la delegazione si è recata in visita presso la sede di Bar del Dipartimento per la Sicurezza Marittima, dove è stata ricevuta dal Vice Ministro Muamer Hajdarpašić, e dal Comandante della Capitaneria di Porto di Bar, Predrag Ratkovic.

Il Vice Ministro ha anticipato l'intenzione del Ministero dei trasporti e degli affari marittimi di formalizzare al più presto, tramite l'Ambasciata italiana, la richiesta di voler valutare la possibilità di cessione al Ministero dei trasporti e degli affari marittimi di una o due unità navali della Guardia Costiera italiana, al fine di rafforzare le capacità di intervento SAR e a tutela dell'ambiente marino.

Al termine dell'incontro è stata effettuata una visita presso la centrale operativa del Maritime Rescue Coordination Centre (MRCC) di Bar, gestito dal Dipartimento per la sicurezza marittima, i cui sistemi di monitoraggio e controllo del traffico marittimo sono stati di recente ammodernati grazie all'apporto dell'industria italiana di settore (soc. ELMAN).


Eventi

Immagine segnaposto

Il ricordo dell’Ammiraglio Pollastrini in un quadro donato al Comando Generale

Immagine segnaposto

Sardegna: a Decimomannu potenziato il servizio di Ricerca e Soccorso

Immagine segnaposto

Il Comandante Generale della Guardia Costiera visita la penisola sorrentina

Immagine segnaposto

FEAMP 2014-2020, tavola rotonda a Napoli sui temi della pesca marittima