​Lo scorso 12 giugno, la Capitaneria di porto della Spezia ha ospitato il decano del Corpo, l'Ammiraglio Ispettore Capo Luigi Romani, Comandante Generale dal 1982 al 1986, il quale, nel corso di una conferenza, ha toccato i passaggi più significativi della storia delle Capitanerie di porto dal secondo conflitto mondiale ad oggi.

Nel corso della conferenza, l'Ammiraglio Romani ha ripercorso tutti i momenti più importanti vissuti nel corso della propria carriera, a partire dai primi anni in Accademia Navale; la narrazione di esperienze professionali dirette è stata arricchita da aneddoti ed episodi condivisi con i presenti, che hanno avuto modo di approfondire la propria conoscenza di "pezzi di storia" delle Capitanerie di porto a partire dall'immediato dopoguerra, passando anche per i momenti che hanno segnato lo sviluppo operativo del Corpo. L'Ammiraglio, inoltre, si è focalizzato in modo particolare sulle figure del Generale di porto Michele Carnino e del Ministro della Marina Mercantile Calogero Mannino, che, per primi, hanno sostenuto la necessità di dotare il Corpo di una componente operativa: quella che è oggi conosciuta come "Guardia Costiera". Infatti, è durante il Comando dell'Ammiraglio Romani che il Corpo ha visto la nascita della componente aerea del Corpo, nonché l'invio dei primi tre ufficiali negli Stati Uniti per la frequenza dei corsi di abilitazione alla conduzione ed al comando di aeromobili militari.

La conferenza è stata seguita da tutto il personale della Capitaneria spezzina, da una nutrita rappresentanza del 1° Nucleo Aereo Guardia Costiera di Luni-Sarzana e da un gruppo di giovani studenti dell'istituto nautico della Spezia, presenti in Capitaneria per le attività promosse nell'ambito di un progetto di alternanza scuola-lavoro.

L'incontro è stato fortemente voluto dal Comandante della Capitaneria di porto Francesco Tomas, per rinsaldare il senso di appartenenza che contraddistingue l'agire del personale della Guardia Costiera, nel segno del connubio tra innovazione e tradizione dal quale il Corpo trae forza e che per esso costituisce un reale valore aggiunto.


21/06/2017 La Spezia Attività Eventi

​Lo scorso 12 giugno, la Capitaneria di porto della Spezia ha ospitato il decano del Corpo, l'Ammiraglio Ispettore Capo Luigi Romani, Comandante Generale dal 1982 al 1986, il quale, nel corso di una conferenza, ha toccato i passaggi più significativi della storia delle Capitanerie di porto dal secondo conflitto mondiale ad oggi.

Nel corso della conferenza, l'Ammiraglio Romani ha ripercorso tutti i momenti più importanti vissuti nel corso della propria carriera, a partire dai primi anni in Accademia Navale; la narrazione di esperienze professionali dirette è stata arricchita da aneddoti ed episodi condivisi con i presenti, che hanno avuto modo di approfondire la propria conoscenza di "pezzi di storia" delle Capitanerie di porto a partire dall'immediato dopoguerra, passando anche per i momenti che hanno segnato lo sviluppo operativo del Corpo. L'Ammiraglio, inoltre, si è focalizzato in modo particolare sulle figure del Generale di porto Michele Carnino e del Ministro della Marina Mercantile Calogero Mannino, che, per primi, hanno sostenuto la necessità di dotare il Corpo di una componente operativa: quella che è oggi conosciuta come "Guardia Costiera". Infatti, è durante il Comando dell'Ammiraglio Romani che il Corpo ha visto la nascita della componente aerea del Corpo, nonché l'invio dei primi tre ufficiali negli Stati Uniti per la frequenza dei corsi di abilitazione alla conduzione ed al comando di aeromobili militari.

La conferenza è stata seguita da tutto il personale della Capitaneria spezzina, da una nutrita rappresentanza del 1° Nucleo Aereo Guardia Costiera di Luni-Sarzana e da un gruppo di giovani studenti dell'istituto nautico della Spezia, presenti in Capitaneria per le attività promosse nell'ambito di un progetto di alternanza scuola-lavoro.

L'incontro è stato fortemente voluto dal Comandante della Capitaneria di porto Francesco Tomas, per rinsaldare il senso di appartenenza che contraddistingue l'agire del personale della Guardia Costiera, nel segno del connubio tra innovazione e tradizione dal quale il Corpo trae forza e che per esso costituisce un reale valore aggiunto.


Eventi

Immagine segnaposto

La Spezia: visita del Comandante Generale delle Capitanerie di porto – Guardia Costiera. Tributati due encomi solenni.

Immagine segnaposto

Il Ministro dell’Interno Finlandese Kai Mykkanen in visita al Comando Generale delle Capitanerie di porto

Immagine segnaposto

Il Ministro delle Infrastrutture e dei trasporti Senatore Danilo Toninelli in visita alla Direzione Marittima di Cagliari

Immagine segnaposto

Il Comandante Generale in visita a Lampedusa

La Spezia

Immagine segnaposto

La Spezia: visita del Comandante Generale delle Capitanerie di porto – Guardia Costiera. Tributati due encomi solenni.

Immagine segnaposto

Cambio al vertice della Capitaneria di Porto della Spezia

Immagine segnaposto

Alla Spezia una mostra videofotografica sulle Capitanerie di porto