Nei giorni 22 e 23 settembre 2016, si è svolta a Venezia la Conferenza finale del progetto EASYCONNECTING (Europe Adriatic Sea-Way Freight; www.easyconnectingproject.eu), che si prefigge di rafforzare la cooperazione transfrontaliera nel bacino del Mar Adriatico, individuando soluzioni comuni e innovative volte al miglioramento dei servizi e delle infrastrutture a supporto del trasporto marittimo.

Partendo dalle nuove politiche europee dei trasporti, il progetto ha inteso mettere in atto l'implementazione di soluzioni più efficienti e sostenibili, con un focus particolare sui principali corridoi di trasporto delle merci, incentivando il ruolo dei porti e delle piattaforme logistiche. Le attività del progetto hanno inoltre rappresentato uno strumento sperimentale a sostegno della Macroregione Adriatico-Ionica, stimolando la discussione e fornendo raccomandazioni sulle priorità logistiche e di trasporto da perseguire nel prossimo periodo di programmazione.

Al meeting, aperto dal saluto del Direttore dell'Unità Logistica della Regione Veneto, ha partecipato, per il Comando Generale delle Capitanerie di porto – Guardia Costiera, l'Ammiraglio Piero PELLIZZARI, Capo del 7° Reparto Informatica, sistemi di monitoraggio del traffico e comunicazioni.

Oltre alla Guardia Costiera, il progetto vede coinvolti 17 partner di sette Paesi affacciati sull'Adriatico (Italia, Slovenia, Croazia, Montenegro, Bosnia-Erzegovina, Serbia e Grecia). Gli altri partner italiani sono: le Regioni Abruzzo e delle Marche, le Autorità portuali di Venezia, Ravenna e del Levante, l'Istituto sui Trasporti e la Logistica e la Camera di Commercio del Molise.


                         

23/09/2016 Venezia Eventi

Nei giorni 22 e 23 settembre 2016, si è svolta a Venezia la Conferenza finale del progetto EASYCONNECTING (Europe Adriatic Sea-Way Freight; www.easyconnectingproject.eu), che si prefigge di rafforzare la cooperazione transfrontaliera nel bacino del Mar Adriatico, individuando soluzioni comuni e innovative volte al miglioramento dei servizi e delle infrastrutture a supporto del trasporto marittimo.

Partendo dalle nuove politiche europee dei trasporti, il progetto ha inteso mettere in atto l'implementazione di soluzioni più efficienti e sostenibili, con un focus particolare sui principali corridoi di trasporto delle merci, incentivando il ruolo dei porti e delle piattaforme logistiche. Le attività del progetto hanno inoltre rappresentato uno strumento sperimentale a sostegno della Macroregione Adriatico-Ionica, stimolando la discussione e fornendo raccomandazioni sulle priorità logistiche e di trasporto da perseguire nel prossimo periodo di programmazione.

Al meeting, aperto dal saluto del Direttore dell'Unità Logistica della Regione Veneto, ha partecipato, per il Comando Generale delle Capitanerie di porto – Guardia Costiera, l'Ammiraglio Piero PELLIZZARI, Capo del 7° Reparto Informatica, sistemi di monitoraggio del traffico e comunicazioni.

Oltre alla Guardia Costiera, il progetto vede coinvolti 17 partner di sette Paesi affacciati sull'Adriatico (Italia, Slovenia, Croazia, Montenegro, Bosnia-Erzegovina, Serbia e Grecia). Gli altri partner italiani sono: le Regioni Abruzzo e delle Marche, le Autorità portuali di Venezia, Ravenna e del Levante, l'Istituto sui Trasporti e la Logistica e la Camera di Commercio del Molise.


                         

Eventi

Immagine segnaposto

Direzione Marittima e ANCI Lazio: presentato a Roma il progetto mappatura della costa

Immagine segnaposto

Trieste: firmata la convenzione tra Direzione Marittima e Comune per attività congiunte sul litorale

Immagine segnaposto

La Capitaneria di porto consegna all’ARPA Puglia la nuova sede del Centro Regionale Mare

Immagine segnaposto

La Guardia Costiera di Napoli al 45° NauticSud

Venezia

Immagine segnaposto

Progetto EUREKA: un gruppo di lavoro per il monitoraggio e la gestione del trasporto marittimo