​Nella giornata di ieri, 6 novembre, sono stati tratti in salvo 106 migranti e recuperati 5 corpi senza vita al largo delle coste libiche. I migranti, che si trovavano a bordo di un gommone semi affondato, sono stati soccorsi da una motovedetta della Guardia Costiera libica e da nave Sea Watch 3 della omonima ONG tedesca. La nave Sea Watch 3 ha tratto in salvo 59 dei naufraghi e recuperato il corpo senza vita di un bambino. A causa della indisponibilità di accoglienza presso l'isola di Lampedusa, che già ospita il numero limite di migranti, la Centrale Operativa della Guardia Costiera italiana aveva proposto all'equipaggio della Sea Watch 3 di far sbarcare il corpo senza vita del bambino e la madre, per poi proseguire verso Pozzallo, quale approdo più idoneo per garantire la massima assistenza ai naufraghi. Il comandante della nave ha però valutato opportuno non separare la donna dalle altre naufraghe.

07/11/2017 Roma

​Nella giornata di ieri, 6 novembre, sono stati tratti in salvo 106 migranti e recuperati 5 corpi senza vita al largo delle coste libiche. I migranti, che si trovavano a bordo di un gommone semi affondato, sono stati soccorsi da una motovedetta della Guardia Costiera libica e da nave Sea Watch 3 della omonima ONG tedesca. La nave Sea Watch 3 ha tratto in salvo 59 dei naufraghi e recuperato il corpo senza vita di un bambino. A causa della indisponibilità di accoglienza presso l'isola di Lampedusa, che già ospita il numero limite di migranti, la Centrale Operativa della Guardia Costiera italiana aveva proposto all'equipaggio della Sea Watch 3 di far sbarcare il corpo senza vita del bambino e la madre, per poi proseguire verso Pozzallo, quale approdo più idoneo per garantire la massima assistenza ai naufraghi. Il comandante della nave ha però valutato opportuno non separare la donna dalle altre naufraghe.

Roma

Immagine segnaposto

Al Comando Generale il meeting annuale con l’armamento nazionale

Immagine segnaposto

2° Workshop del Forum Europeo delle Funzioni di Guardia Costiera “Maritime Security in the framework of Coast Guard Functions (Sicurezza Marittima nell’ambito delle funzioni di Guardia Costiera)”

Immagine segnaposto

Primo incontro sul tema: policy di sviluppo della componente ambientale del Corpo

Immagine segnaposto

Comunicato stampa del 2 aprile 2019