Sono quasi 500 i migranti tratti in salvo oggi nel Mediterraneo Centrale, in 3 distinte operazioni di soccorso, coordinate dalla Centrale Operativa della Guardia Costiera a Roma, del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti.

I migranti si trovavano a bordo di 3 gommoni. Hanno preso parte alle operazioni di soccorso un'unità del dispositivo Eunavformed e un'unità dell'ONG Sea Watch. Dopo aver portato a termine i soccorsi, la nave Sea Watch 3 ha dichiarato di non riuscire a raggiungere un porto italiano, a causa del peggioramento delle condizioni meteomarine, del numero di migranti presenti a bordo e dell'assenza di una quantità sufficiente di acqua e cibo. La Centrale Operativa della Guardia Costiera (IMRCC), allo scopo di mettere in sicurezza i migranti, sta individuando il miglior assetto navale presente in area.

13/04/2018 Roma

Sono quasi 500 i migranti tratti in salvo oggi nel Mediterraneo Centrale, in 3 distinte operazioni di soccorso, coordinate dalla Centrale Operativa della Guardia Costiera a Roma, del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti.

I migranti si trovavano a bordo di 3 gommoni. Hanno preso parte alle operazioni di soccorso un'unità del dispositivo Eunavformed e un'unità dell'ONG Sea Watch. Dopo aver portato a termine i soccorsi, la nave Sea Watch 3 ha dichiarato di non riuscire a raggiungere un porto italiano, a causa del peggioramento delle condizioni meteomarine, del numero di migranti presenti a bordo e dell'assenza di una quantità sufficiente di acqua e cibo. La Centrale Operativa della Guardia Costiera (IMRCC), allo scopo di mettere in sicurezza i migranti, sta individuando il miglior assetto navale presente in area.

Roma

Immagine segnaposto

Al Comando Generale il meeting annuale con l’armamento nazionale

Immagine segnaposto

2° Workshop del Forum Europeo delle Funzioni di Guardia Costiera “Maritime Security in the framework of Coast Guard Functions (Sicurezza Marittima nell’ambito delle funzioni di Guardia Costiera)”

Immagine segnaposto

Primo incontro sul tema: policy di sviluppo della componente ambientale del Corpo

Immagine segnaposto

Comunicato stampa del 2 aprile 2019