​Si è tenuta questa mattina, venerdì 9 febbraio, la cerimonia del passaggio di consegne al vertice del Corpo delle Capitanerie di porto – Guardia Costiera, tra l'Ammiraglio Ispettore Capo Vincenzo Melone, cedente, e l'Ammiraglio Ispettore Capo Giovanni Pettorino, accettante.

All'evento ha preso parte il Sig. Ministro delle Infrastrutture e Trasporti, Graziano Delrio, il Capo di Stato Maggiore della Difesa, Generale Claudio Graziano e il Capo di Stato Maggiore della Marina, Ammiraglio di Squadra Valter Girardelli. Presenti nella platea, tra le numerose autorità, anche i Vertici delle Forze Armate, Forze di Polizia e degli altri Corpi dello Stato.

La cerimonia, aperta sulle note dell'inno della Guardia Costiera "Angeli del Mare", dopo la consueta rassegna dei reparti, è stata suggellata dalla rituale formula di riconoscimento pronunciata dall'Ammiraglio Melone.

Questi, nel suo intervento di commiato, ha ripercorso il periodo trascorso alla guida del Corpo: «La parola "incontro" – ha affermato l'Ammiraglio Melone - rappresenta la sintesi, la cartina di tornasole di un periodo che trova qui il suo coronamento. Dall'aprirsi all'incontro con gli altri, Istituzioni, società civile, operatori del settore e personale della Guardia Costiera, sono nate le cose migliori, alla base dei risultati raggiunti in questo intenso periodo in cui ho avuto il privilegio e l'onore di guidare il Corpo».

Suggestivo, poi, il momento in cui, dopo l'ammaina del vessillo dell'Ammiraglio Melone, è stato issato quello dell'Ammiraglio Pettorino, che, rivolgendosi alla platea, ha affermato: «È con grande e profonda ammirazione che oggi ricevo il delicato incarico che il Governo italiano ha voluto affidarmi. Ringrazio pertanto il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, il Ministro della Difesa e i vertici militari che hanno voluto concedermi questo alto onore e il privilegio di servire il nostro Paese a Capo di un Corpo, come quello delle Capitanerie di porto, da oltre un secolo e mezzo al servizio di tutti coloro che ogni giorno vivono e lavorano nei nostri mari e lungo le nostre coste.»

Sono successivamente intervenuti il Capo di Stato Maggiore della Marina Militare, Ammiraglio Valter Girardelli e il Capo di Stato Maggiore della Difesa, Generale Claudio Graziano, che hanno sottolineato come la Guardia Costiera sia efficacemente inserita nel Sistema-Paese, sostanziando un binomio di colleganza e di approccio integrato alle attività tese al bene comune, nel segno della più versatile interoperabilità.

La cerimonia si è conclusa con l'intervento del Ministro Delrio, che ha voluto ricordare alcuni degli episodi più significativi dell'operato dell'Ammiraglio Melone alla guida di un Corpo che si è distinto perché "attento all'umanità, ma fermo nel rispetto della legalità nell'operare per il bene del mare". Il Ministro, nel congratularsi con l'Ammiraglio Melone per i risultati raggiunti, ha augurato un "sincero auspicio di buon vento" all'Ammiraglio Pettorino.


È possibile rivivere la cerimonia attraverso le immagini della diretta, realizzate dall'Ufficio Relazioni Esterne del Comando Generale.



09/02/2018 Roma Attività Eventi

​Si è tenuta questa mattina, venerdì 9 febbraio, la cerimonia del passaggio di consegne al vertice del Corpo delle Capitanerie di porto – Guardia Costiera, tra l'Ammiraglio Ispettore Capo Vincenzo Melone, cedente, e l'Ammiraglio Ispettore Capo Giovanni Pettorino, accettante.

All'evento ha preso parte il Sig. Ministro delle Infrastrutture e Trasporti, Graziano Delrio, il Capo di Stato Maggiore della Difesa, Generale Claudio Graziano e il Capo di Stato Maggiore della Marina, Ammiraglio di Squadra Valter Girardelli. Presenti nella platea, tra le numerose autorità, anche i Vertici delle Forze Armate, Forze di Polizia e degli altri Corpi dello Stato.

La cerimonia, aperta sulle note dell'inno della Guardia Costiera "Angeli del Mare", dopo la consueta rassegna dei reparti, è stata suggellata dalla rituale formula di riconoscimento pronunciata dall'Ammiraglio Melone.

Questi, nel suo intervento di commiato, ha ripercorso il periodo trascorso alla guida del Corpo: «La parola "incontro" – ha affermato l'Ammiraglio Melone - rappresenta la sintesi, la cartina di tornasole di un periodo che trova qui il suo coronamento. Dall'aprirsi all'incontro con gli altri, Istituzioni, società civile, operatori del settore e personale della Guardia Costiera, sono nate le cose migliori, alla base dei risultati raggiunti in questo intenso periodo in cui ho avuto il privilegio e l'onore di guidare il Corpo».

Suggestivo, poi, il momento in cui, dopo l'ammaina del vessillo dell'Ammiraglio Melone, è stato issato quello dell'Ammiraglio Pettorino, che, rivolgendosi alla platea, ha affermato: «È con grande e profonda ammirazione che oggi ricevo il delicato incarico che il Governo italiano ha voluto affidarmi. Ringrazio pertanto il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, il Ministro della Difesa e i vertici militari che hanno voluto concedermi questo alto onore e il privilegio di servire il nostro Paese a Capo di un Corpo, come quello delle Capitanerie di porto, da oltre un secolo e mezzo al servizio di tutti coloro che ogni giorno vivono e lavorano nei nostri mari e lungo le nostre coste.»

Sono successivamente intervenuti il Capo di Stato Maggiore della Marina Militare, Ammiraglio Valter Girardelli e il Capo di Stato Maggiore della Difesa, Generale Claudio Graziano, che hanno sottolineato come la Guardia Costiera sia efficacemente inserita nel Sistema-Paese, sostanziando un binomio di colleganza e di approccio integrato alle attività tese al bene comune, nel segno della più versatile interoperabilità.

La cerimonia si è conclusa con l'intervento del Ministro Delrio, che ha voluto ricordare alcuni degli episodi più significativi dell'operato dell'Ammiraglio Melone alla guida di un Corpo che si è distinto perché "attento all'umanità, ma fermo nel rispetto della legalità nell'operare per il bene del mare". Il Ministro, nel congratularsi con l'Ammiraglio Melone per i risultati raggiunti, ha augurato un "sincero auspicio di buon vento" all'Ammiraglio Pettorino.


È possibile rivivere la cerimonia attraverso le immagini della diretta, realizzate dall'Ufficio Relazioni Esterne del Comando Generale.



Eventi

Immagine segnaposto

Il Comandante Generale in visita alla Capitaneria di porto di San Benedetto del Tronto e all’Ufficio Circondariale Marittimo di Porto San Giorgio

Immagine segnaposto

Il Comandante Generale visita i Comandi territoriali del Compartimento Marittimo di Ortona

Immagine segnaposto

Il Comandante Generale in visita alla Direzione Marittima di Venezia

Immagine segnaposto

Il Comandante Generale in visita alla Direzione Marittima della Toscana

Roma

Immagine segnaposto

“Green Pride del mare”: riconosciuto l’impegno della Guardia Costiera per il recupero e la difesa di ecosistemi marini e fluviali

Immagine segnaposto

Il Comandante Generale della Guardia Costiera in visita al Presidente del Senato

Immagine segnaposto

Comunicato stampa 17 novembre 2018

Immagine segnaposto

Assegnato al Comandante Generale il premio “Nassiriya per la Pace”