E' terminata con la firma del libro d'onore della Capitaneria di Porto la visita del Comandante Generale del Corpo delle Capitanerie di Porto - Guardia Costiera, Ammiraglio Ispettore Capo Vincenzo Melone, alla Direzione Marittima di Napoli nei giorni 29 e 30 Novembre.

Durante la visita il Comandante Generale, accolto dal Direttore Marittimo, Contrammiraglio Arturo Faraone, ha voluto incontrare i Capi dei Compartimenti e dei Circondari marittimi della Campania per un cordiale colloquio. Nel corso dell'incontro avuto con tutto il personale della Capitaneria di Porto partenopea, l'Ammiraglio Melone ha inoltre espresso parole di vivo e sincero compiacimento per le importanti e concrete attività svolte dagli uomini e dalle donne della Direzione marittima di Napoli ed ha illustrato le linee di indirizzo del Corpo per il prossimo futuro, volte ad affermare l'unicità del ruolo svolto dalla Guardia Costiera nell'ordinamento nazionale e comunitario.

Nella giornata del 30 Novembre il Comandante Generale è stato accompagnato dal Direttore Marittimo della Campania, nella splendida location del Castel dell'Ovo nel cuore di Napoli, dove si è tenuta la "Regional Stakeholder Conference on Blue Economy", evento collegato alla "West Med Conference" cui ha preso parte anche il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Graziano Delrio.

In occasione di tali eventi ha fatto visita alla Capitaneria di porto di Napoli il Direttore Bernhard Friess, responsabile del Directorate for Maritime Policy and Blue economy della Direzione Generale Mare della Commissione Europea, il quale ha avuto modo di conoscere la realtà portuale napoletana, quale paradigma di riferimento dei porti mediterranei.


01/12/2017 Napoli Eventi

E' terminata con la firma del libro d'onore della Capitaneria di Porto la visita del Comandante Generale del Corpo delle Capitanerie di Porto - Guardia Costiera, Ammiraglio Ispettore Capo Vincenzo Melone, alla Direzione Marittima di Napoli nei giorni 29 e 30 Novembre.

Durante la visita il Comandante Generale, accolto dal Direttore Marittimo, Contrammiraglio Arturo Faraone, ha voluto incontrare i Capi dei Compartimenti e dei Circondari marittimi della Campania per un cordiale colloquio. Nel corso dell'incontro avuto con tutto il personale della Capitaneria di Porto partenopea, l'Ammiraglio Melone ha inoltre espresso parole di vivo e sincero compiacimento per le importanti e concrete attività svolte dagli uomini e dalle donne della Direzione marittima di Napoli ed ha illustrato le linee di indirizzo del Corpo per il prossimo futuro, volte ad affermare l'unicità del ruolo svolto dalla Guardia Costiera nell'ordinamento nazionale e comunitario.

Nella giornata del 30 Novembre il Comandante Generale è stato accompagnato dal Direttore Marittimo della Campania, nella splendida location del Castel dell'Ovo nel cuore di Napoli, dove si è tenuta la "Regional Stakeholder Conference on Blue Economy", evento collegato alla "West Med Conference" cui ha preso parte anche il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Graziano Delrio.

In occasione di tali eventi ha fatto visita alla Capitaneria di porto di Napoli il Direttore Bernhard Friess, responsabile del Directorate for Maritime Policy and Blue economy della Direzione Generale Mare della Commissione Europea, il quale ha avuto modo di conoscere la realtà portuale napoletana, quale paradigma di riferimento dei porti mediterranei.


Eventi

Immagine segnaposto

“Filmare il mare”: al Comando Generale, il secondo corso di formazione professionale per giornalisti

Immagine segnaposto

14^ riunione del Mediterranean Expert Working Group

Immagine segnaposto

La Guardia Costiera partecipa alla UfM Stakeholder Conference on Blue Economy

Immagine segnaposto

La Guardia Costiera al Photolux Festival 2017

Napoli

Immagine segnaposto

La Guardia Costiera partecipa alla UfM Stakeholder Conference on Blue Economy

Immagine segnaposto

“A’ Voce d’é creature”: a Napoli, consegnato un premio internazionale alla Guardia Costiera per l’attività di soccorso in mare

Immagine segnaposto

La Capitaneria di porto di Napoli e l’I.T.I. Fermi Gadda per lo sviluppo del laboratorio sperimentale dronico