​Il 29 e 30 novembre u.s. il Corpo delle Capitanerie di porto – Guardia Costiera ha partecipato alla UfM Stakeholder Conference on the Blue Economy, una conferenza regionale, tenutasi a Napoli, promossa dall'Unione per il Mediterraneo e dalla Commissione Europea (DG MARE) al fine di creare una fruttuosa occasione di scambio di idee tra i maggiori stakeholder della Blue Economy nel Mediterraneo, discutendo in termini di opportunità e sfide.

Oltre ad autorità di spicco quali il Commissario UE dell'ambiente, affari marittimi e la pesca, Karmenu Vella, e il Segretario Generale dell'Unione per il Mediterraneo, Fathallah Sijilmassi, la conferenza ha visto la presenza di centinaia di rappresentanti, da 30 Paesi, di istituzioni pubbliche, autorità locali, rappresentanti del mondo imprenditoriale e accademico, organizzazioni internazionali e della società civile, tutti accomunati dall'interesse verso lo sviluppo sostenibile della Blue Economy nel Mediterraneo.

La conferenza è stata strutturata attorno a 12 workshop tematici sull'ampio spettro dei settori della Blue Economy (tra i quali ricerca e innovazione, protezione dell'ambiente marino, energia pulita, turismo marittimo, pesca ed acquacoltura). In particolare, il Corpo si è fatto promotore di un workshop sulla c.d. Coast Guard Cooperation nel settore della protezione dell'ambiente marino, che ha avuto il merito di porre l'accento sulla cooperazione tra i Paesi del Mediterraneo nelle funzioni di guardia costiera e di inserire quest'importante tematica tra le conclusioni della Conferenza. In occasione di tale workshop si è parlato di Multifunction Multiagency Operations, Mediterranean Coast Guard Functions Forum, Capacity Building, Data Sharing e Maritime Surveillance, nell'ottica di una sempre maggiore tutela della sicurezza dei trasporti marittimi e dell'ambiente marino. Gli speakers invitati a portare i propri contributi sono stati l'Amm. Patrick Augier (Vice Segretario Generale del Mare francese), l'Ing. Mohammad Ben Romdhane (Direttore Generale dei Trasporti Marittimi e dei Porti tunisino), il Dott. Armando Graziano (EMSA), il Dott. Mohammad Salman (Jordan Maritime Commission), il Prof. Giovanni Caprino (Soc. CETENA - Fincantieri) ed il Capitano di Corvetta Fabio Borriello (Comando Generale CP).

Al termine della sessione plenaria della conferenza, il Segretariato dell'Unione per il Mediterraneo e la Commissione generale per la pesca nel Mediterraneo (GFCM-FAO) hanno firmato un memorandum d'intesa sulla pesca sostenibile.

Parallelamente, la mattina del 30 Novembre si è svolta la riunione informale dei 10 ministri dei Paesi partecipanti alla Westmed Initiative (Algeria, Francia, Italia, Libia, Malta, Mauritania, Marocco, Portogallo, Spagna e Tunisia) per l'adozione di una dichiarazione congiunta contenente una serie di azioni comuni con l'obiettivo di rendere lo spazio marittimo comune più sicuro, pulito e più produttivo. Per l'Italia era presente il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Graziano Delrio, accompagnato dal Comandante Generale del Corpo delle Capitanerie di porto – Guardia Costiera, Ammiraglio Ispettore Capo Vincenzo Melone.


05/12/2017 Napoli Attività Eventi

​Il 29 e 30 novembre u.s. il Corpo delle Capitanerie di porto – Guardia Costiera ha partecipato alla UfM Stakeholder Conference on the Blue Economy, una conferenza regionale, tenutasi a Napoli, promossa dall'Unione per il Mediterraneo e dalla Commissione Europea (DG MARE) al fine di creare una fruttuosa occasione di scambio di idee tra i maggiori stakeholder della Blue Economy nel Mediterraneo, discutendo in termini di opportunità e sfide.

Oltre ad autorità di spicco quali il Commissario UE dell'ambiente, affari marittimi e la pesca, Karmenu Vella, e il Segretario Generale dell'Unione per il Mediterraneo, Fathallah Sijilmassi, la conferenza ha visto la presenza di centinaia di rappresentanti, da 30 Paesi, di istituzioni pubbliche, autorità locali, rappresentanti del mondo imprenditoriale e accademico, organizzazioni internazionali e della società civile, tutti accomunati dall'interesse verso lo sviluppo sostenibile della Blue Economy nel Mediterraneo.

La conferenza è stata strutturata attorno a 12 workshop tematici sull'ampio spettro dei settori della Blue Economy (tra i quali ricerca e innovazione, protezione dell'ambiente marino, energia pulita, turismo marittimo, pesca ed acquacoltura). In particolare, il Corpo si è fatto promotore di un workshop sulla c.d. Coast Guard Cooperation nel settore della protezione dell'ambiente marino, che ha avuto il merito di porre l'accento sulla cooperazione tra i Paesi del Mediterraneo nelle funzioni di guardia costiera e di inserire quest'importante tematica tra le conclusioni della Conferenza. In occasione di tale workshop si è parlato di Multifunction Multiagency Operations, Mediterranean Coast Guard Functions Forum, Capacity Building, Data Sharing e Maritime Surveillance, nell'ottica di una sempre maggiore tutela della sicurezza dei trasporti marittimi e dell'ambiente marino. Gli speakers invitati a portare i propri contributi sono stati l'Amm. Patrick Augier (Vice Segretario Generale del Mare francese), l'Ing. Mohammad Ben Romdhane (Direttore Generale dei Trasporti Marittimi e dei Porti tunisino), il Dott. Armando Graziano (EMSA), il Dott. Mohammad Salman (Jordan Maritime Commission), il Prof. Giovanni Caprino (Soc. CETENA - Fincantieri) ed il Capitano di Corvetta Fabio Borriello (Comando Generale CP).

Al termine della sessione plenaria della conferenza, il Segretariato dell'Unione per il Mediterraneo e la Commissione generale per la pesca nel Mediterraneo (GFCM-FAO) hanno firmato un memorandum d'intesa sulla pesca sostenibile.

Parallelamente, la mattina del 30 Novembre si è svolta la riunione informale dei 10 ministri dei Paesi partecipanti alla Westmed Initiative (Algeria, Francia, Italia, Libia, Malta, Mauritania, Marocco, Portogallo, Spagna e Tunisia) per l'adozione di una dichiarazione congiunta contenente una serie di azioni comuni con l'obiettivo di rendere lo spazio marittimo comune più sicuro, pulito e più produttivo. Per l'Italia era presente il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Graziano Delrio, accompagnato dal Comandante Generale del Corpo delle Capitanerie di porto – Guardia Costiera, Ammiraglio Ispettore Capo Vincenzo Melone.


Eventi

Immagine segnaposto

“Filmare il mare”: al Comando Generale, il secondo corso di formazione professionale per giornalisti

Immagine segnaposto

14^ riunione del Mediterranean Expert Working Group

Immagine segnaposto

La Guardia Costiera al Photolux Festival 2017

Napoli

Immagine segnaposto

Terminata la due giorni di visita del Comandante Generale a Napoli

Immagine segnaposto

“A’ Voce d’é creature”: a Napoli, consegnato un premio internazionale alla Guardia Costiera per l’attività di soccorso in mare

Immagine segnaposto

La Capitaneria di porto di Napoli e l’I.T.I. Fermi Gadda per lo sviluppo del laboratorio sperimentale dronico