​Il 29 e 30 novembre u.s. il Corpo delle Capitanerie di porto – Guardia Costiera ha partecipato alla UfM Stakeholder Conference on the Blue Economy, una conferenza regionale, tenutasi a Napoli, promossa dall'Unione per il Mediterraneo e dalla Commissione Europea (DG MARE) al fine di creare una fruttuosa occasione di scambio di idee tra i maggiori stakeholder della Blue Economy nel Mediterraneo, discutendo in termini di opportunità e sfide.

Oltre ad autorità di spicco quali il Commissario UE dell'ambiente, affari marittimi e la pesca, Karmenu Vella, e il Segretario Generale dell'Unione per il Mediterraneo, Fathallah Sijilmassi, la conferenza ha visto la presenza di centinaia di rappresentanti, da 30 Paesi, di istituzioni pubbliche, autorità locali, rappresentanti del mondo imprenditoriale e accademico, organizzazioni internazionali e della società civile, tutti accomunati dall'interesse verso lo sviluppo sostenibile della Blue Economy nel Mediterraneo.

La conferenza è stata strutturata attorno a 12 workshop tematici sull'ampio spettro dei settori della Blue Economy (tra i quali ricerca e innovazione, protezione dell'ambiente marino, energia pulita, turismo marittimo, pesca ed acquacoltura). In particolare, il Corpo si è fatto promotore di un workshop sulla c.d. Coast Guard Cooperation nel settore della protezione dell'ambiente marino, che ha avuto il merito di porre l'accento sulla cooperazione tra i Paesi del Mediterraneo nelle funzioni di guardia costiera e di inserire quest'importante tematica tra le conclusioni della Conferenza. In occasione di tale workshop si è parlato di Multifunction Multiagency Operations, Mediterranean Coast Guard Functions Forum, Capacity Building, Data Sharing e Maritime Surveillance, nell'ottica di una sempre maggiore tutela della sicurezza dei trasporti marittimi e dell'ambiente marino. Gli speakers invitati a portare i propri contributi sono stati l'Amm. Patrick Augier (Vice Segretario Generale del Mare francese), l'Ing. Mohammad Ben Romdhane (Direttore Generale dei Trasporti Marittimi e dei Porti tunisino), il Dott. Armando Graziano (EMSA), il Dott. Mohammad Salman (Jordan Maritime Commission), il Prof. Giovanni Caprino (Soc. CETENA - Fincantieri) ed il Capitano di Corvetta Fabio Borriello (Comando Generale CP).

Al termine della sessione plenaria della conferenza, il Segretariato dell'Unione per il Mediterraneo e la Commissione generale per la pesca nel Mediterraneo (GFCM-FAO) hanno firmato un memorandum d'intesa sulla pesca sostenibile.

Parallelamente, la mattina del 30 Novembre si è svolta la riunione informale dei 10 ministri dei Paesi partecipanti alla Westmed Initiative (Algeria, Francia, Italia, Libia, Malta, Mauritania, Marocco, Portogallo, Spagna e Tunisia) per l'adozione di una dichiarazione congiunta contenente una serie di azioni comuni con l'obiettivo di rendere lo spazio marittimo comune più sicuro, pulito e più produttivo. Per l'Italia era presente il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Graziano Delrio, accompagnato dal Comandante Generale del Corpo delle Capitanerie di porto – Guardia Costiera, Ammiraglio Ispettore Capo Vincenzo Melone.


05/12/2017 Napoli Attività Eventi

​Il 29 e 30 novembre u.s. il Corpo delle Capitanerie di porto – Guardia Costiera ha partecipato alla UfM Stakeholder Conference on the Blue Economy, una conferenza regionale, tenutasi a Napoli, promossa dall'Unione per il Mediterraneo e dalla Commissione Europea (DG MARE) al fine di creare una fruttuosa occasione di scambio di idee tra i maggiori stakeholder della Blue Economy nel Mediterraneo, discutendo in termini di opportunità e sfide.

Oltre ad autorità di spicco quali il Commissario UE dell'ambiente, affari marittimi e la pesca, Karmenu Vella, e il Segretario Generale dell'Unione per il Mediterraneo, Fathallah Sijilmassi, la conferenza ha visto la presenza di centinaia di rappresentanti, da 30 Paesi, di istituzioni pubbliche, autorità locali, rappresentanti del mondo imprenditoriale e accademico, organizzazioni internazionali e della società civile, tutti accomunati dall'interesse verso lo sviluppo sostenibile della Blue Economy nel Mediterraneo.

La conferenza è stata strutturata attorno a 12 workshop tematici sull'ampio spettro dei settori della Blue Economy (tra i quali ricerca e innovazione, protezione dell'ambiente marino, energia pulita, turismo marittimo, pesca ed acquacoltura). In particolare, il Corpo si è fatto promotore di un workshop sulla c.d. Coast Guard Cooperation nel settore della protezione dell'ambiente marino, che ha avuto il merito di porre l'accento sulla cooperazione tra i Paesi del Mediterraneo nelle funzioni di guardia costiera e di inserire quest'importante tematica tra le conclusioni della Conferenza. In occasione di tale workshop si è parlato di Multifunction Multiagency Operations, Mediterranean Coast Guard Functions Forum, Capacity Building, Data Sharing e Maritime Surveillance, nell'ottica di una sempre maggiore tutela della sicurezza dei trasporti marittimi e dell'ambiente marino. Gli speakers invitati a portare i propri contributi sono stati l'Amm. Patrick Augier (Vice Segretario Generale del Mare francese), l'Ing. Mohammad Ben Romdhane (Direttore Generale dei Trasporti Marittimi e dei Porti tunisino), il Dott. Armando Graziano (EMSA), il Dott. Mohammad Salman (Jordan Maritime Commission), il Prof. Giovanni Caprino (Soc. CETENA - Fincantieri) ed il Capitano di Corvetta Fabio Borriello (Comando Generale CP).

Al termine della sessione plenaria della conferenza, il Segretariato dell'Unione per il Mediterraneo e la Commissione generale per la pesca nel Mediterraneo (GFCM-FAO) hanno firmato un memorandum d'intesa sulla pesca sostenibile.

Parallelamente, la mattina del 30 Novembre si è svolta la riunione informale dei 10 ministri dei Paesi partecipanti alla Westmed Initiative (Algeria, Francia, Italia, Libia, Malta, Mauritania, Marocco, Portogallo, Spagna e Tunisia) per l'adozione di una dichiarazione congiunta contenente una serie di azioni comuni con l'obiettivo di rendere lo spazio marittimo comune più sicuro, pulito e più produttivo. Per l'Italia era presente il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Graziano Delrio, accompagnato dal Comandante Generale del Corpo delle Capitanerie di porto – Guardia Costiera, Ammiraglio Ispettore Capo Vincenzo Melone.


Eventi

Immagine segnaposto

La Guardia Costiera al 58^ Salone Nautico di Genova

Immagine segnaposto

L’Italia assume la Presidenza del European Coast Guard Functions Forum

Immagine segnaposto

Il mare di Jesolo più sicuro grazie al mezzo nautico acquistato dalla città per la Guardia Costiera

Immagine segnaposto

Il Ministro dell’Ambiente in visita alla Direzione Marittima di Olbia

Napoli

Immagine segnaposto

FEAMP 2014-2020, tavola rotonda a Napoli sui temi della pesca marittima

Immagine segnaposto

Il Direttore Generale per la vigilanza sulle Autorità portuali visita la Direzione Marittima di Napoli

Immagine segnaposto

Il Comandante Generale della Guardia Costiera a Napoli per il convegno di ANGOPI

Immagine segnaposto

Commissione Ambasciatori Paesi ASEAN in visita al porto di Napoli