Oggi, giovedì 2 febbraio, presso il Quirinale, il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, ha consegnato le Onorificenze al Merito della Repubblica a 40 uomini e donne che si sono distinti per atti di eroismo, per l'impegno nella solidarietà, nel soccorso, per l'attività in favore dell'inclusione sociale, nella promozione della cultura e della legalità e per il contrasto alla violenza. "Vi ringrazio perché il vostro comportamento dà fiducia alla nostra vita in comune e aiuta a superare l'egoismo": queste le parole del Presidente, rivolte ai 40 "esempi civili" premiati oggi.

Tra questi, il nome di Giuseppe La Rosa, Sottocapo di III classe della Guardia Costiera, premiato con la seguente motivazione: "Per il suo prezioso e generoso servizio in soccorso di tanti migranti in mare". La Rosa presta servizio sulla nave Dattilo e fa parte di una squadra speciale della Guardia Costiera, quella dei "rescue swimmer", soccorritori navali, addestrati a raggiungere a nuoto e trarre in salvo le persone in difficoltà, anche in condizioni meteomarine particolarmente avverse. "Queste persone non devono andare giù, si devono salvare – ha affermato La Rosa – "L'unica cosa a cui penso è che in mare siamo tutti uguali".

Questa mattina, prima di recarsi al Quirinale per la premiazione, il Sottocapo è stato ricevuto dal Comandante Generale del Corpo delle Capitanerie di Porto – Guardia Costiera, Ammiraglio Ispettore Vincenzo Melone, che ha voluto congratularsi con lui, esprimendo grande apprezzamento per il lavoro svolto e per l'impegno profuso quotidianamente nel salvare vite umane.

02/02/2017 Roma Eventi

Oggi, giovedì 2 febbraio, presso il Quirinale, il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, ha consegnato le Onorificenze al Merito della Repubblica a 40 uomini e donne che si sono distinti per atti di eroismo, per l'impegno nella solidarietà, nel soccorso, per l'attività in favore dell'inclusione sociale, nella promozione della cultura e della legalità e per il contrasto alla violenza. "Vi ringrazio perché il vostro comportamento dà fiducia alla nostra vita in comune e aiuta a superare l'egoismo": queste le parole del Presidente, rivolte ai 40 "esempi civili" premiati oggi.

Tra questi, il nome di Giuseppe La Rosa, Sottocapo di III classe della Guardia Costiera, premiato con la seguente motivazione: "Per il suo prezioso e generoso servizio in soccorso di tanti migranti in mare". La Rosa presta servizio sulla nave Dattilo e fa parte di una squadra speciale della Guardia Costiera, quella dei "rescue swimmer", soccorritori navali, addestrati a raggiungere a nuoto e trarre in salvo le persone in difficoltà, anche in condizioni meteomarine particolarmente avverse. "Queste persone non devono andare giù, si devono salvare – ha affermato La Rosa – "L'unica cosa a cui penso è che in mare siamo tutti uguali".

Questa mattina, prima di recarsi al Quirinale per la premiazione, il Sottocapo è stato ricevuto dal Comandante Generale del Corpo delle Capitanerie di Porto – Guardia Costiera, Ammiraglio Ispettore Vincenzo Melone, che ha voluto congratularsi con lui, esprimendo grande apprezzamento per il lavoro svolto e per l'impegno profuso quotidianamente nel salvare vite umane.

Eventi

Immagine segnaposto

Remove Before Dive, un Convegno a Genova per parlare di sicurezza delle immersioni subacquee

Immagine segnaposto

Una delegazione del “Service national de surveillance côtière” tunisino visita il Comando Generale del Corpo

Immagine segnaposto

La Guardia Costiera di Ravenna a fianco dei velisti disabili

Immagine segnaposto

Una Rete Europea dei Centri di Formazione di Guardia Costiera

Roma

Immagine segnaposto

Comunicato Stampa 19 maggio 2017

Immagine segnaposto

Una delegazione del “Service national de surveillance côtière” tunisino visita il Comando Generale del Corpo

Immagine segnaposto

Una Rete Europea dei Centri di Formazione di Guardia Costiera

Immagine segnaposto

Una delegazione di Funzionari Libici e dell’Organizzazione Internazionale per le Migrazioni in visita al Comando Generale