Sono circa 3.324 i migranti tratti in salvo nella giornata di oggi, nel corso di 26 distinte operazioni di soccorso coordinate dalla Centrale operativa della Guardia costiera a Roma del Ministero delle Infrastrutture e dei trasporti. I migranti si trovavano a bordo di 25 gommoni e 1 barcone, nello specchio acqueo 35 miglia a nord dalle coste della Libia, sulla direttrice di Sabratha. Hanno preso parte ai soccorsi, unità della Guardia Costiera, della Marina Militare, di Eunavformed, di Frontex, e delle ONG MSF e Sea Watch. A termine delle operazioni di soccorso, tutti i migranti sono stati presi a bordo di due unità della Marina Militare operanti nel dispositivo Mare Sicuro, dell’unità spagnola Rio Segura operante nel dispositivo Eunavformed, dell'unità spagnola Reina Sofia operante nel dispositivo Frontex e delle unità Dignity I e Burbon Argos di MSF.

Roma 26 giugno 2016

 

26/06/2016 Roma

Sono circa 3.324 i migranti tratti in salvo nella giornata di oggi, nel corso di 26 distinte operazioni di soccorso coordinate dalla Centrale operativa della Guardia costiera a Roma del Ministero delle Infrastrutture e dei trasporti. I migranti si trovavano a bordo di 25 gommoni e 1 barcone, nello specchio acqueo 35 miglia a nord dalle coste della Libia, sulla direttrice di Sabratha. Hanno preso parte ai soccorsi, unità della Guardia Costiera, della Marina Militare, di Eunavformed, di Frontex, e delle ONG MSF e Sea Watch. A termine delle operazioni di soccorso, tutti i migranti sono stati presi a bordo di due unità della Marina Militare operanti nel dispositivo Mare Sicuro, dell’unità spagnola Rio Segura operante nel dispositivo Eunavformed, dell'unità spagnola Reina Sofia operante nel dispositivo Frontex e delle unità Dignity I e Burbon Argos di MSF.

Roma 26 giugno 2016

 

Roma

Immagine segnaposto

Al Comando Generale il meeting annuale con l’armamento nazionale

Immagine segnaposto

2° Workshop del Forum Europeo delle Funzioni di Guardia Costiera “Maritime Security in the framework of Coast Guard Functions (Sicurezza Marittima nell’ambito delle funzioni di Guardia Costiera)”

Immagine segnaposto

Primo incontro sul tema: policy di sviluppo della componente ambientale del Corpo

Immagine segnaposto

Comunicato stampa del 2 aprile 2019