​Sono complessivamente 752 i migranti tratti in salvo nella giornata di oggi, nel Canale di Sicilia, nel corso di 6 distinte operazioni di soccorso coordinate dalla Centrale Operativa della Guardia Costiera di Roma del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti.

In particolare, Nave Diciotti CP941 della Guardia Costiera ha soccorso due gommoni, portando in salvo 246 migranti. La nave rumena MAI, inserita nel dispositivo Triton di Frontex, ha salvato 252 persone a bordo di due gommoni. Sui restanti due gommoni sono intervenute la nave inglese Enterprise, inserita nel dispositivo EunavforMed, che ha salvato 129 persone, e la nave Aquarius, dell'ong Sos Méditerranée, che ne ha salvate 125. Alle operazioni ha preso parte Nave Aliseo, della Marina Militare italiana, inserita nel dispositivo Mare Sicuro.


28/03/2016 Roma

​Sono complessivamente 752 i migranti tratti in salvo nella giornata di oggi, nel Canale di Sicilia, nel corso di 6 distinte operazioni di soccorso coordinate dalla Centrale Operativa della Guardia Costiera di Roma del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti.

In particolare, Nave Diciotti CP941 della Guardia Costiera ha soccorso due gommoni, portando in salvo 246 migranti. La nave rumena MAI, inserita nel dispositivo Triton di Frontex, ha salvato 252 persone a bordo di due gommoni. Sui restanti due gommoni sono intervenute la nave inglese Enterprise, inserita nel dispositivo EunavforMed, che ha salvato 129 persone, e la nave Aquarius, dell'ong Sos Méditerranée, che ne ha salvate 125. Alle operazioni ha preso parte Nave Aliseo, della Marina Militare italiana, inserita nel dispositivo Mare Sicuro.


Roma

Immagine segnaposto

Al Comando Generale il meeting annuale con l’armamento nazionale

Immagine segnaposto

2° Workshop del Forum Europeo delle Funzioni di Guardia Costiera “Maritime Security in the framework of Coast Guard Functions (Sicurezza Marittima nell’ambito delle funzioni di Guardia Costiera)”

Immagine segnaposto

Primo incontro sul tema: policy di sviluppo della componente ambientale del Corpo

Immagine segnaposto

Comunicato stampa del 2 aprile 2019