​​​Si intensifica, nel periodo estivo, lo sforzo operativo della Guardia Costiera teso ad assicurare la corretta fruizione del mare e l'ordinato svolgimento delle attività ludiche e produttive a esso collegate. Sicurezza e legalità, ma anche serenità e divertimento, sono i concetti chiave di "Mare Sicuro 2016", l'operazione che è stata presentata oggi, 15 giugno, presso la Base Navale della Guardia Costiera di Fiumicino, dai Ministri delle Infrastrutture e trasporti, delle Politiche agricole alimentari e forestali, e dell'Ambiente e della tutela del territorio e del mare. Fino al 18 settembre le Capitanerie di porto metteranno in campo circa 3.000 uomini e donne e 300 mezzi navali – risorse dispiegate capillarmente lungo tutti gli 8.000 chilometri di coste del Paese, ma anche sul Lago di Garda e sul Lago Maggiore. Dopo i saluti del Comandante Generale, Ammiraglio Vincenzo Melone, i tre Ministri hanno illustrato gli obiettivi perseguiti dalla storica operazione estiva, attuata ogni anno – fin dal 1991 – dalla Guardia Costiera, interfaccia periferica, operativa e amministrativa dei Dicasteri intervenuti.

 

Un'operazione che "è la sintesi – ha affermato il Ministro Delrio – del lavoro e dello sforzo che il Corpo compie nell'ambito di funzioni e compiti legati agli usi civili e produttivi del mare, svolgendo trasversalmente tutto quanto necessario a tutelarlo". Funzioni e compiti che spaziano dalla salvaguardia della vita umana alla sicurezza della navigazione, dalla tutela dell'ambiente marino e costiero ai controlli sulla pesca e sulla filiera ittica.

 

"L'esodo estivo – ha continuato Delrio – porta milioni di italiani e turisti stranieri sulle nostre coste. se si confermano i dati dello scorso anno ci sono 37 milioni di passeggeri sui trasporti marittimi. La Guardia costiera affronta con Mare Sicuro un ruolo decisivo per la sicurezza della navigazione, il soccorso e salvataggio di bagnanti e diportisti e nella prevenzione di comportamenti dannosi per sé e per gli altri".

 

Il Ministro dell'Ambiente Gian Luca Galletti, che ha preso successivamente la parola, ha affermato che "il governo è al fianco delle donne e degli uomini della Guardia Costiera, infaticabili sentinelle della qualità ambientale dei nostri mari e delle nostre coste. L'operazione 'Mare Sicuro' è strategica perché interviene in un periodo dell'anno che, per l'afflusso turistico, richiede un'attenzione ancora maggiore verso l'ecosistema. Oggi – ha spiegato sempre  il Ministro - abbiamo gli strumenti giusti per fermare e colpire con la massima durezza chi pensa che una vacanza estiva possa essere una vacanza dal rispetto dell'ambiente: ci sono gli ecoreati – ha ricordato Galletti - per punire con efficacia chi fa scempio dell'ambiente, ci sono le norme del Collegato ambientale contro l'inciviltà quotidiana, c'è l'impegno continuo del nostro Corpo delle Capitanerie di Porto-Guardia Costiera anche in settori critici come quelli degli scarichi a mare e della depurazione. A chi pensa di rovinare il nostro mare e le nostre coste, noi rovineremo le ferie. Il mare – ha concluso Galletti - è un bene ambientale essenziale per un paese che ha ottomila chilometri di coste: per questo dobbiamo anche ragionare su un'alleanza Mediterranea a tutela del nostro mare comune, quel 'Mare Nostrum' tanto fragile e straordinario per biodiversità".

 

«L'intensificazione dei controlli su tutta la filiera ittica - spesso soggetta a frodi e contraffazioni - è una delle caratteristiche più importanti dell'operazione "mare sicuro"» ha dichiarato il Ministro alle Politiche agricole e forestali Maurizio Martina.

«Il prodotto ittico italiano di qualità è tale anche grazie al lavoro che viene svolto a monte dalle donne e dagli uomini della Guardia Costiera che, da 150 anni, rappresentano un presidio fondamentale nella salvaguardia del nostro mare. Obiettivo di questo governo è infatti la gestione sostenibile della risorsa ittica, la lotta alle pratiche illegali di pesca e il controllo su tutta la filiera fino alla commercializzazione del pescato a tutela dei consumatori. Nei prossimi mesi – ha affermato sempre il Ministro – lavoreremo inoltre per tutelare il reddito dei pescatori, continuando nel percorso che abbiamo intrapreso in questi due anni per rilanciare tutta la filiera ittica nazionale puntando in particolare su sostenibilità e innovazione».

 

L'impegno rafforzato della Guardia Costiera, in un periodo in cui sulle coste e nei mari italiani si riversano milioni di cittadini e di turisti, mirerà ad assicurare rapidi interventi di soccorso in favore di bagnanti, diportisti e subacquei; la stessa azione, costante e puntuale, sarà volta anche a garantire controlli sempre più intensi su tutte le attività svolte in mare, sulle imbarcazioni e sulle infrastrutture marittime, per evitare, prevenire e reprimere le condotte illecite, che impediscono la legittima e corretta fruizione del mare e delle spiagge, e ogni comportamento potenzialmente pericoloso per le persone, per il patrimonio ambientale, per l'ecosistema marino e per le risorse ittiche.​

15/06/2016 Roma

​​​Si intensifica, nel periodo estivo, lo sforzo operativo della Guardia Costiera teso ad assicurare la corretta fruizione del mare e l'ordinato svolgimento delle attività ludiche e produttive a esso collegate. Sicurezza e legalità, ma anche serenità e divertimento, sono i concetti chiave di "Mare Sicuro 2016", l'operazione che è stata presentata oggi, 15 giugno, presso la Base Navale della Guardia Costiera di Fiumicino, dai Ministri delle Infrastrutture e trasporti, delle Politiche agricole alimentari e forestali, e dell'Ambiente e della tutela del territorio e del mare. Fino al 18 settembre le Capitanerie di porto metteranno in campo circa 3.000 uomini e donne e 300 mezzi navali – risorse dispiegate capillarmente lungo tutti gli 8.000 chilometri di coste del Paese, ma anche sul Lago di Garda e sul Lago Maggiore. Dopo i saluti del Comandante Generale, Ammiraglio Vincenzo Melone, i tre Ministri hanno illustrato gli obiettivi perseguiti dalla storica operazione estiva, attuata ogni anno – fin dal 1991 – dalla Guardia Costiera, interfaccia periferica, operativa e amministrativa dei Dicasteri intervenuti.

 

Un'operazione che "è la sintesi – ha affermato il Ministro Delrio – del lavoro e dello sforzo che il Corpo compie nell'ambito di funzioni e compiti legati agli usi civili e produttivi del mare, svolgendo trasversalmente tutto quanto necessario a tutelarlo". Funzioni e compiti che spaziano dalla salvaguardia della vita umana alla sicurezza della navigazione, dalla tutela dell'ambiente marino e costiero ai controlli sulla pesca e sulla filiera ittica.

 

"L'esodo estivo – ha continuato Delrio – porta milioni di italiani e turisti stranieri sulle nostre coste. se si confermano i dati dello scorso anno ci sono 37 milioni di passeggeri sui trasporti marittimi. La Guardia costiera affronta con Mare Sicuro un ruolo decisivo per la sicurezza della navigazione, il soccorso e salvataggio di bagnanti e diportisti e nella prevenzione di comportamenti dannosi per sé e per gli altri".

 

Il Ministro dell'Ambiente Gian Luca Galletti, che ha preso successivamente la parola, ha affermato che "il governo è al fianco delle donne e degli uomini della Guardia Costiera, infaticabili sentinelle della qualità ambientale dei nostri mari e delle nostre coste. L'operazione 'Mare Sicuro' è strategica perché interviene in un periodo dell'anno che, per l'afflusso turistico, richiede un'attenzione ancora maggiore verso l'ecosistema. Oggi – ha spiegato sempre  il Ministro - abbiamo gli strumenti giusti per fermare e colpire con la massima durezza chi pensa che una vacanza estiva possa essere una vacanza dal rispetto dell'ambiente: ci sono gli ecoreati – ha ricordato Galletti - per punire con efficacia chi fa scempio dell'ambiente, ci sono le norme del Collegato ambientale contro l'inciviltà quotidiana, c'è l'impegno continuo del nostro Corpo delle Capitanerie di Porto-Guardia Costiera anche in settori critici come quelli degli scarichi a mare e della depurazione. A chi pensa di rovinare il nostro mare e le nostre coste, noi rovineremo le ferie. Il mare – ha concluso Galletti - è un bene ambientale essenziale per un paese che ha ottomila chilometri di coste: per questo dobbiamo anche ragionare su un'alleanza Mediterranea a tutela del nostro mare comune, quel 'Mare Nostrum' tanto fragile e straordinario per biodiversità".

 

«L'intensificazione dei controlli su tutta la filiera ittica - spesso soggetta a frodi e contraffazioni - è una delle caratteristiche più importanti dell'operazione "mare sicuro"» ha dichiarato il Ministro alle Politiche agricole e forestali Maurizio Martina.

«Il prodotto ittico italiano di qualità è tale anche grazie al lavoro che viene svolto a monte dalle donne e dagli uomini della Guardia Costiera che, da 150 anni, rappresentano un presidio fondamentale nella salvaguardia del nostro mare. Obiettivo di questo governo è infatti la gestione sostenibile della risorsa ittica, la lotta alle pratiche illegali di pesca e il controllo su tutta la filiera fino alla commercializzazione del pescato a tutela dei consumatori. Nei prossimi mesi – ha affermato sempre il Ministro – lavoreremo inoltre per tutelare il reddito dei pescatori, continuando nel percorso che abbiamo intrapreso in questi due anni per rilanciare tutta la filiera ittica nazionale puntando in particolare su sostenibilità e innovazione».

 

L'impegno rafforzato della Guardia Costiera, in un periodo in cui sulle coste e nei mari italiani si riversano milioni di cittadini e di turisti, mirerà ad assicurare rapidi interventi di soccorso in favore di bagnanti, diportisti e subacquei; la stessa azione, costante e puntuale, sarà volta anche a garantire controlli sempre più intensi su tutte le attività svolte in mare, sulle imbarcazioni e sulle infrastrutture marittime, per evitare, prevenire e reprimere le condotte illecite, che impediscono la legittima e corretta fruizione del mare e delle spiagge, e ogni comportamento potenzialmente pericoloso per le persone, per il patrimonio ambientale, per l'ecosistema marino e per le risorse ittiche.​

Roma

Immagine segnaposto

Al Comando Generale il meeting annuale con l’armamento nazionale

Immagine segnaposto

2° Workshop del Forum Europeo delle Funzioni di Guardia Costiera “Maritime Security in the framework of Coast Guard Functions (Sicurezza Marittima nell’ambito delle funzioni di Guardia Costiera)”

Immagine segnaposto

Primo incontro sul tema: policy di sviluppo della componente ambientale del Corpo

Immagine segnaposto

Comunicato stampa del 2 aprile 2019