​Nella giornata di oggi, mercoledì 6 dicembre, presso la Sala Crisi del Comando Generale del Corpo delle Capitanerie di porto – Guardia Costiera, si è tenuta la 14^ riunione del Mediterranean Expert Working Group, un gruppo di lavoro che opera nell'ambito del Sistema regionale per lo scambio di informazioni AIS nel Mediterraneo (MAREΣ, Mediterranean Ais Regional Exchange System).

Il MAREΣ è il server regionale che, sin dal 2009, viene gestito dalla Guardia Costiera Italiana per assicurare lo scambio dei dati AIS (Automatic Identification System) tra gli Stati Membri del bacino Mediterraneo e la rete europea SAFESEANET.

I lavori sono stati aperti dal Contrammiraglio Pietro Pellizzari, Capo del VII Reparto - Informatica, sistemi di monitoraggio del traffico e comunicazioni, e agli stessi hanno preso parte i rappresentanti di tutti gli Stati partecipanti in MAREΣ unitamente all'EMSA, per discutere sui risultati conseguiti dalla piattaforma europea e condividere gli eventuali miglioramenti da apportare alla stessa.

Presenti inoltre, in qualità di osservatori, rappresentanti della Norvegian Coastal Administration, che gestisce i sistemi regionali AIS del Nord Europa, nonché alcuni rappresentanti degli Stati appartenenti ai progetti comunitari SAFEMED IV (sponda sud del Mediterraneo) e Black and Caspian Sea Project (Mar Nero e Mar Caspio), che prevedono, tra l'altro, anche lo scambio di informazioni AIS da effettuarsi in una prima fase fra i Paesi beneficiari dei progetti e, successivamente, fra i Paesi beneficiari e i Paesi dell'Unione Europea attraverso la stessa piattaforma MAREΣ.


06/12/2017 Roma Attività Eventi

​Nella giornata di oggi, mercoledì 6 dicembre, presso la Sala Crisi del Comando Generale del Corpo delle Capitanerie di porto – Guardia Costiera, si è tenuta la 14^ riunione del Mediterranean Expert Working Group, un gruppo di lavoro che opera nell'ambito del Sistema regionale per lo scambio di informazioni AIS nel Mediterraneo (MAREΣ, Mediterranean Ais Regional Exchange System).

Il MAREΣ è il server regionale che, sin dal 2009, viene gestito dalla Guardia Costiera Italiana per assicurare lo scambio dei dati AIS (Automatic Identification System) tra gli Stati Membri del bacino Mediterraneo e la rete europea SAFESEANET.

I lavori sono stati aperti dal Contrammiraglio Pietro Pellizzari, Capo del VII Reparto - Informatica, sistemi di monitoraggio del traffico e comunicazioni, e agli stessi hanno preso parte i rappresentanti di tutti gli Stati partecipanti in MAREΣ unitamente all'EMSA, per discutere sui risultati conseguiti dalla piattaforma europea e condividere gli eventuali miglioramenti da apportare alla stessa.

Presenti inoltre, in qualità di osservatori, rappresentanti della Norvegian Coastal Administration, che gestisce i sistemi regionali AIS del Nord Europa, nonché alcuni rappresentanti degli Stati appartenenti ai progetti comunitari SAFEMED IV (sponda sud del Mediterraneo) e Black and Caspian Sea Project (Mar Nero e Mar Caspio), che prevedono, tra l'altro, anche lo scambio di informazioni AIS da effettuarsi in una prima fase fra i Paesi beneficiari dei progetti e, successivamente, fra i Paesi beneficiari e i Paesi dell'Unione Europea attraverso la stessa piattaforma MAREΣ.


Eventi

Immagine segnaposto

“Filmare il mare”: al Comando Generale, il secondo corso di formazione professionale per giornalisti

Immagine segnaposto

La Guardia Costiera partecipa alla UfM Stakeholder Conference on Blue Economy

Immagine segnaposto

La Guardia Costiera al Photolux Festival 2017

Roma

Immagine segnaposto

“Filmare il mare”: al Comando Generale, il secondo corso di formazione professionale per giornalisti

Immagine segnaposto

I delegati dell’ambasciata tedesca e di quella danese visitano il Comando Generale

Immagine segnaposto

“La Guardia Costiera, un Corpo al servizio del mare”: al Comando Generale un corso di formazione per giornalisti