​Non solo prodotti ittici illegali ma anche la repressione di furti all' interno del porto hanno impegnato gli uomini della Guardia Costiera di Marsala diretta dal Comandante Raffaele Giardina. Il Circomare ha effettuato una serie di controlli nell' ultimo mese, con l' intento di verificare comportamenti che possano ledere, in ambito della pesca, la regolarità della commercializzazione dei prodotti ittici. In tale contesto l' Autorità Marittima di Marsala ha condotto l' attività di verifica intensificando i controlli routinari in materia al fine di tutelare i consumatori finali soprattutto nel periodo delle Festività Natalizie nel quale, più di sovente, si assiste alla recrudescenza di fenomeni legati all' abusivismo nella vendita di prodotti ittici che vengono commercializzati da soggetti non titolati perché pescatori diportisti privi di ogni legittimazione nonché adusi alla vendita di prodotto non sottoposto ai previsti controlli sanitari con potenziali pericoli per i consumatori finali. Proprio per garantire la tutela del consumatore alla salubrità del prodotto ittico acquistato, i controlli sono stati mirati per la ricerca degli abusivi ed hanno condotto all' elevazione di tre verbali amministrativi per mancanza di documentazione e tracciabilità per un totale di euro 3.500,00 ed al relativo sequestro amministrativo del prodotto ittico. Inoltre, nell' ambito dei controlli portuali, si è resa necessaria una intensificazione degli stessi con ronde aperiodiche anche notturne effettuate ad opera dei militari appartenenti al Circomare al fine di creare un decremento al fenomeno di piccoli furti in danno delle attrezzature marinaresche e della strumentazione di bordo dei motopesca ormeggiati facilitati dalla scarsa illuminazione delle banchine portuali. Ad attivare la peculiare attività sono state alcune segnalazioni ricevute al riguardo ed una denuncia che è stata trasmessa all' Autorità Giudiziaria competente attraverso la redazione della prevista Notizia di reato anche se contro ignoti, atteso che non si è potuto, ancora, risalire agli autori del furto. Quest' ultima attività ha comportato una adeguata riprogrammazione dei servizi espletati dal personale dipendente al fine di poter essere maggiormente garantisti assicurando una presenza ancora più significativa di quella già normalmente disposta e tale da ridurre al minimo i rischi connessi ai comportamenti "contra legem" in tale contesto.

MARSALA - 16/01/2015

REDAZIONE: MARSALA.IT