Il Corpo delle Capitanerie di porto è l'espressione di quelle Magistrature speciali marittime alle quali, fin da epoche remote, era affidata la disciplina della navigazione, la tutela dei naviganti, l'amministrazione e la cura dei porti. L'origine delle moderne Capitanerie si può individuare nel XI secolo. Passato l'anno Mille con i suoi incubi e le sue tristezze, rifioriscono nuove speranze e nuovi ideali, per cui non tarda a ridestarsi nella nostra gente la passione del navigare. All'avanguardia di questo rigoglio di vita sono, naturalmente, le città marinare, le cui navi si spingono verso lidi sempre più lontani, mentre in Patria si creano nuove leggi del mare e si istituiscono i magistrati che debbono applicarle. Il diritto del mare, a poco a poco, si adegua alle conquiste del veicolo "nave", uno dei principali strumenti di ricchezza, di potenza e di vittoria. Le varie consuetudini vengono raccolte in un unico corpo di dottrine; il diritto assume in tal modo consistenza, si afferma e varca il confine dello Stato per seguire la nave. Sotto nomi diversi sorgono così, nelle Repubbliche marinare, speciali Magistrature che presto si affermano e si consolidano.​​​​

ORDINAMENTI MARITTIMI DEGLI STATI ITALIANI​

repubblichemarinare.jpgGli ordinamenti marittimi delle nostre Repubbliche marinare, adeguandosi ai tempi, furono così acquisiti dagli antichi Stati Italiani. Nel Granducato di Toscana era il Capitano del Porto di Livorno che dirigeva gli affari della marina mercantile ed aveva la sorveglianza sui porti. Nel Regno delle Due Sicilie la vigilanza sulla navigazione, la polizia ed i porti erano di competenza ​del Ministro della Marina; nei più importanti porti furono istituite Commissioni marittime composte dal Capitano di Porto e dal Controllore dei dazi. Negli Stati Sardi l'Amministrazione della Marina Mercantile era affidata a Consoli e Vice Consoli; il servizio dei porti a Capitani e Ufficiali di Porto. Consoli e Vice Consoli, eredi delle più antiche tradizioni delle Repubbliche marinare, erano funzionari civili e si dovevano occupare, oltre che dei servizi periferici della marina mercantile, della sanità marittima. Capitani e Ufficiali di Porto erano, invece, militari; appartenevano al Corpo di Stato Maggiore dei Porti, con ordinamento e gerarchia eguali a quelli dello Stato Maggiore della Regia Marina ed avevano il comando e la direzione dei servizi tecnici e della polizia dei porti.​​​​​

DALLA FONDAZIONE ALLA PRIMA GUERRA MONDIALE

Il 20 luglio 1865, con l'emanazione del Regio Decreto 2438, a firma del re Vittorio Emanuele, iniziò ufficialmente la storia del Corpo delle Capitanerie di Porto. Con l'unificazione e la proclamazione del Regno d'Italia, fu necessario riorganizzare l'amministrazione marittima piemontese: il giovane Corpo assommava le attribuzioni amministrative proprie dei Consoli di Marina, funzionari civili eredi delle più antiche tradizioni delle Repubbliche marinare e quelle d'ordine militare del Corpo di Stato Maggiore dei Porti, cui spettava la direzione dei servizi tecnici e di polizia. Nel 1866 fu annesso il Veneto, con la conseguente istituzione del Compartimento Marittimo di Venezia, mentre nel 1870, dopo l'annessione di Roma e del Lazio fu istituito il Compartimento Marittimo di Civitavecchia. Il Corpo era composto da funzionari civili che indossavano la divisa del Commissariato di Marina con alcune varianti. La formazione avveniva sul campo, con un periodo di prova presso le Capitanerie di Genova, Napoli, Palermo o Venezia. Nel 1910, con il Regio Decreto n. 857 dell'otto dicembre, fu istituito l'Ispettorato del Corpo delle Capitanerie di Porto, con sede a Roma, presso la Direzione Generale della Marina mercantile di piazza della Minerva, dando una spiccata autonomia e personalità all'ufficio del Capitano Ispettore, l'organo centrale di coordinamento dell'organizzazione.

 

IL PRIMO CONFLITTO MONDIALE, LA MILITARIZZAZIONE E IL DOPOGUERRA

In molte occasioni il personale del Corpo aveva fornito un indispensabile supporto, per l'organizzazione dei porti e degli sbarchi, alla Regia Marina, come nel caso delle operazioni belliche durante la guerra di Libia nel 1911-1912. Il processo di militarizzazione del Corpo fu accelerato dall'entrata in guerra dell'Italia nella Prima guerra mondiale. Nel 1915, infatti, il Corpo fu provvisoriamente militarizzato. Nell'ultimo anno di guerra il Decreto Luogotenenziale n. 161 del 3 febbraio 1918 prolungò tale status fino a sei mesi dopo la fine del conflitto ma nel 1919 intervenne la definitiva militarizzazione, con il Regio Decreto Legge 2349. La militarizzazione si dimostrò un provvedimento più che opportuno durante il conflitto, poiché il Corpo fu impegnato in molteplici attività a supporto della guerra, come la vigilanza sull'applicazione delle rigide norme di limitazione alla navigazione in tutto l'Adriatico e nello Jonio. Alcuni Ufficiali delle Capitanerie di Porto, integrati nel reggimento Marina, operarono sul fronte lagunare di Grado e dopo la rotta di Caporetto, nel basso Piave. Altro personale del Corpo fu impiegato in Albania e in Dalmazia durante il regime d'occupazione.

Alla fine della guerra, con l'annessione della Venezia Giulia, si assorbirono nell'amministrazione delle Capitanerie di porto le istituzioni asburgiche dei Governi Marittimi, una sorta di doppio Ministero della Marina Mercantile, con sede a Trieste e a Fiume, rispettivamente competenti per la parte austriaca e ungherese dell'Impero. Esse disponevano di numeroso personale civile locale, in parte assorbito nell'amministrazione delle Capitanerie di Porto, come impiegati civili in un ruolo a esaurimento: per molti decenni le Capitanerie della Venezia Giulia ebbero una rilevante presenza di personale civile.

Con il Regio Decreto 3235 del 1923, vennero istituite le Direzioni marittime, alle quali fu demandato un certo numero di competenze, in precedenza riservate al Ministero. Con lo stesso provvedimento, cessato il periodo transitorio seguito alla fine della guerra, il litorale giuliano- istriano- dalmata fu incorporato a tutti gli effetti nell'amministrazione marittima italiana, in seno alla nuova Direzione Marittima di Trieste, con le dipendenti Capitanerie di Trieste, Pola e Zara. Pochi mesi dopo, con Regio Decreto del 16 luglio 1924, fu istituita anche la Direzione marittima del Carnaro, con sede a Fiume, in seguito all'annessione della città all'Italia nel 1924. Fiume ebbe dal compartimento di Pola alcuni porti come Laurana ed Abbazia. Il compartimento marittimo di Zara invece passò alla Direzione marittima di Ancona.

Mantenuta la militarizzazione, il Corpo delle Capitanerie di Porto - i cui ufficiali nel frattempo avevano assunto le stesse denominazioni di grado comuni ai corpi tecnici ed amministrativi della Marina - fu definitivamente inserito nella Regia Marina. Per quanto concerne gli aspetti stipendiali, è interessante notare come nei salari fossero previste delle indennità per alcune sedi disagiate, che all'epoca erano molte, a causa dell'imperversare della malaria. Le sedi interessate erano situate in ben sette regioni, compresi centri urbani importanti, come Taranto, Brindisi, Porto Torres, Lampedusa ecc. Il personale destinato nelle colonie godeva di un'indennità particolare e di un'indennità di missione.

 

LE CAPITANERIE COLONIALI

massaua.jpgPrescindendo dall'Etiopia, priva di sbocco al mare e dalla concessione di Tientsin in Cina, affacciata sul fiume Pei-ho, tutte le altre colonie italiane erano dotate di litorale marittimo. Fin dal 23 marzo 1884 fu istituito un Ufficio di porto ad Assab, primo nucleo della colonia Eritrea, presenziato da personale dell'amministrazione finanziaria, così come lo fu, poco tempo dopo, la Capitaneria di Massaua. Le Capitanerie della Libia e dell'Africa Orientale erano alle dipendenze del Ministero delle Colonie, poi Ministero dell'Africa Italiana, con alcune attribuzioni demandate ai Governatori locali, mentre il compartimento marittimo di Rodi, in considerazione del particolare status delle isole del Dodecaneso, fu posto alle dipendenze del Ministero degli Esteri. Durante la guerra italo-turca - come vent'anni dopo durante le operazioni in Africa Orientale - le Capitanerie coloniali furono chiamate ad un intenso lavoro d'organizzazione dei convogli di navi mercantili in partenza per le zone di operazioni e a dare una nuova struttura ai servizi portuali.

Per la Tripolitania e la Cirenaica, dove l'attività marittima era molto sviluppata, fu opportuna la promulgazione di un apposito Codice della marina mercantile coloniale, adeguando la normativa nazionale - pur senza eccessive indulgenze - alle esigenze ed alle consuetudini dei traffici locali; nel 1928 esso fu esteso all'Egeo e nel 1933 anche all'Eritrea ed alla Somalia. In Somalia e in Eritrea non erano state costituite Direzioni Marittime, ma solo Capitanerie. Massaua era definita "autonoma" e il suo comandante, a norma del Decreto Governatoriale n.5149 del 26 novembre 1930, aveva il titolo di "Capo dei servizi marittimi e portuali della Colonia Eritrea", mentre quello di Mogadiscio (D. G. n. 8141 del 9 giugno 1930) era "Direttore dei servizi marittimi della Somalia". Con la Seconda guerra mondiale, l'impero coloniale si sgretolò: nel 1941 fu persa l'Africa Orientale, fra il 1942 e i primi mesi del 1943 la Libia e nell'autunno del 1943 le isole dell'Egeo. Il personale delle Capitanerie non rimpatriato, divenne prigioniero di guerra. Per le esigenze belliche, i porti della Libia ebbero un intenso traffico navale nel corso del conflitto, accompagnato da un importante impegno organizzativo delle Capitanerie di Porto.

 

CAPITANERIE ED EMIGRANTI

Già il Regolamento d'esecuzione al Codice della Marina Mercantile ottocentesco prevedeva un'apposita Commissione, composta da un medico di porto e da un ufficiale di porto, che doveva visitare le navi destinate ai viaggi transoceanici per il trasporto degli emigranti. Questa commissione aveva la facoltà di impedire la partenza di navi non idonee. Solo con la legge n. 23 del 31 gennaio 1901 furono istituiti gli Ispettori viaggianti, accompagnatori degli emigranti nel viaggio stesso. Il flusso migratorio verso territori non italiani si arrestò nel ventennio fascista ma dopo la Seconda guerra, il problema fu riesaminato, in previsione di una ripresa del flusso verso l'America; di conseguenza fu istituita nuovamente la figura del Commissario Governativo, un Ufficiale delle Capitanerie di porto, incaricato di accompagnare gli emigranti durante il viaggio, vigilando sull'osservanza di tutte le disposizioni a loro tutela e benessere. I viaggi per mare a scopo emigratorio si ridussero sempre di più nei decenni seguenti, fino a scomparire definitivamente con l'avvento del mezzo aereo alla fine degli anni settanta.

 

LA SECONDA GUERRA MONDIALE

ammiraglio vignani tripoli.jpgNella prima parte della guerra il Corpo diede un concorso fondamentale nell'organizzazione dei porti per il fabbisogno di guerra e si estese anche nei territori via via occupati (Francia, Jugoslavia, Grecia, Tunisia), con la creazione di nuovi uffici di porto. Dopo l'otto settembre 1943, il Re e il Governo lasciarono Roma, con la conseguente occupazione tedesca dell'Italia centro settentrionale e di Roma stessa. Nelle vicissitudini della fondazione della Repubblica Sociale Italiana, il Corpo sì trovò diviso in due amministrazioni, come l'Italia, con la costituzione a Verona, presso il colà trasferito Ministero delle Comunicazioni, del Comando generale del Corpo della Repubblica Sociale Italiana e a Taranto del suo omologo al sud, presso il governo regio.

Alcuni ufficiali del Corpo si distinsero nella lotta contro l'occupante nazista. Il capitano di porto Dante Novaro condusse operazioni di spionaggio al Nord per conto del Governo del Sud; il colonello Giuseppe Massimo, comandante di Portoferraio, si rifiutò di aderire alla R.S.I. Entrambi, catturati, finirono i loro giorni nel campo di concentramento di Mathausen.

L'organizzazione delle Capitanerie del Sud, nel territorio sotto il controllo alleato, fu retta dall'ammiraglio Aldo Ascoli dal gennaio del 1944 al 1946. Ascoli era stato uno degli alti Ufficiali della Marina colpito nel 1938 dalle leggi razziali perché ebreo e posto in congedo assoluto. Fuggì da Pescara a metà novembre del 1943, con la famiglia, a bordo di un motopeschereccio e dopo varie peripezie arrivò a Bari, presentandosi al Governo. Ripreso il servizio nella base navale di Taranto, fu nominato Comandante Generale del Corpo delle Capitanerie di Porto dell'Italia liberata.

Intanto il personale ministeriale della R.S.I. destinato al ministero delle Comunicazioni di Verona, negli ultimi tempi dell'effimera repubblica, seguì le sorti dello spostamento nel capoluogo lombardo del governo di Mussolini. Alla data della Liberazione, 25 aprile 1945, gli uffici della Direzione Generale della Marina Mercantile di Milano, nei quali era compreso il Comando Generale del Corpo, non scomparvero ma confluirono, almeno per la parte strettamente amministrativa, nel Commissariato Civile per la Marina Mercantile dell'Alta Italia, incaricato di gestire l'amministrazione marittima di una parte d'Italia che per quasi due anni aveva avuto strutture separate dall'altra parte. Nei mesi successivi alla fine della guerra detto Commissariato Civile fu sciolto ed assorbito nella Direzione Generale di Roma, ritornata nella storica sede demaniale del Ministero di piazza della Minerva, oggi biblioteca del Senato.

 

DALLA SECONDA GUERRA MONDIALE A OGGI

Gli esiti della guerra determinarono la chiusura di tutti gli Uffici coloniali e di occupazione, spostati, man mano che i territori andavano perduti, a Roma presso la sede del Comando Generale e poi definitivamente cancellati dall'organico nel 1947, con la firma del Trattato di pace. In seguito alla cessione di parte del territorio nazionale alla Iugoslavia, la Direzione marittima di Trieste (tornata all'Italia solo nel 1954) perse il Compartimento di Pola ed altri Uffici minori, quella di Ancona, il Compartimento di Zara. La Direzione marittima del Carnaro (di Fiume) passò integralmente allo stato balcanico. Dopo la guerra la Capitaneria di porto di Trieste, con competenze ridotte e sotto occupazione angloamericana, fu retta da un funzionario civile delle Capitanerie di Porto, il dott. Paolo Klodic. Nel 1954 al ritorno dell'amministrazione italiana, si ripristinò la piena gestione delle Capitanerie. Rinacque la Direzione marittima di Trieste, comprendente anche il compartimento di Monfalcone, dal 1945 al 1954 aggregato alla Direzione marittima di Venezia.

Nel novembre del 1951 l'alluvione del Polesine vide gli uomini delle Capitanerie di porto prodigarsi nell'opera di salvataggio della popolazione. Fu un momento particolare nella storia del Corpo, poiché per la prima volta esso venne chiamato a fornire assistenza marittima in zone dove il mare normalmente non c'è. Con mezzi nautici a remi si percorsero le zone alluvionate, salvando le persone nel frattempo rifugiatesi in luoghi elevati o sui tetti delle case.

Fino all'inizio degli anni sessanta le Capitanerie di porto non disponevano né di mezzi navali sofisticati né di reti di avvistamento e telecomunicazioni dedicate al soccorso in mare. In quegli anni il Corpo operava avvalendosi della rete radiotelefonica e radiotelegrafica dell'amministrazione delle Poste. Per le attività in mare, secondo le circostanze, si utilizzavano i mezzi portuali a disposizione; in altri casi si ricorreva a navi o unità dipartimentali della Marina Militare o della Guardia di Finanza. Una svolta in tal senso è rappresentata dalla ratifica nel 1962, da parte dell'Italia, della Convenzione internazionale Solas 60 (Safety of Life at Sea), che impegnava i Paesi contraenti a svolgere il servizio di ricerca e soccorso in mare attraverso un'organizzazione dedicata. Questo delicato compito fu affidato alle Capitanerie di porto, che iniziarono pertanto a dotarsi di personale formato e dei mezzi necessari. Nacque così la categoria dei Nocchieri di porto - in sostituzione di quella dei Servizi Portuali - aperta anche al personale di leva. L'esigua flottiglia risalente agli anni cinquanta, costituita dalle motovedette "Caterina" (CP 202 – 225) e dalla CP 201, ex unità inglese impiegata nel secondo dopoguerra nel recupero siluri, fu ben presto integrata – per volontà del Tenente Generale Michele Carnino (Ispettore dal 1961 al 1965) – con l'acquisizione dei primi mezzi moderni, come le motovedette veloci "Super Speranza", grazie alle buone qualità nautiche replicate in una trentina di esemplari, le "Barnett" di produzione britannica, i battelli pneumatici "Zodiac" ed altri tipi. Nel 1968 fu demandata direttamente al Corpo la gestione dei mezzi navali destinati ai compiti istituzionali.

Un grave naufragio fu gestito da questa rinnovata organizzazione: la mattina del 9 aprile del 1970 la "London Valour", motonave battente bandiera inglese alla fonda presso l'imboccatura del porto di Genova, in seguito a una burrasca, fu sbattuta violentemente contro gli scogli della diga foranea. Dopo molti tentativi per salvare l'equipaggio, solo la motovedetta CP 233 della Capitaneria di Genova poté, non senza rischio, tra i mezzi di soccorso intervenuti, raggiungere lo scafo, riuscendo a portare in salvo 26 persone: si trattò di una delle operazioni di soccorso più difficili mai condotte dalle Capitanerie di Porto. Il tenente di vascello Giuseppe Telmon e i suoi sette uomini furono poi insigniti, per il loro gesto eroico, con la Medaglia al valore di Marina, d'oro per il comandante, d'argento per l'equipaggio.

La legge n. 979 del 31 dicembre 1982 "Disposizioni per la difesa del mare" determinò lo sviluppo di un servizio di protezione dell'ambiente marino, finalizzato soprattutto al contrasto degli inquinamenti in mare, non solo attraverso attività di controllo a terra e in mare ma anche con il telerilevamento aereo. Tale provvedimento sancì di fatto la nascita della componente aerea del Corpo: nel 1988 furono, infatti, acquisiti i primi quattro velivoli della linea della linea Piaggio P166 – DL in versione SEM (Sorveglianza Ecologica Marittima). Vennero introdotte all'interno del Corpo nuove figure professionali - quali piloti, specialisti aeronautici e operatori di volo - e venne istituito il 1° Nucleo Aereo di Guidonia (trasferito poi a Sarzana), seguito dai Reparti Volo di Catania (1990) e Pescara (1991).

 

L'ISTITUZIONE DELLA GUARDIA COSTIERA

Sul finire degli anni ottanta il Corpo delle Capitanerie di porto si presentava già come un'organizzazione in piena crescita, avanzata dal punto di vista tecnologico, professionale e operativo.

Con il Decreto interministeriale dell'otto giugno del 1989, fu istituita la Guardia Costiera, l'articolazione operativa delle Capitanerie di porto costituita dall'inglobamento dei reparti aeronavali preesistenti. A partire da allora, a similitudine di altre nazioni, le unità navali ed aeree del Corpo recano la scritta "Guardia Costiera" e vestono la livrea bianca con il logo, che, in omaggio alla bandiera italiana e all'appartenenza del Corpo delle Capitanerie di porto alla Marina Militare, raffigura un parallelepipedo tricolore, con la banda rossa più estesa per accogliere al centro l'ancora nera della Marina su campo circolare bianco. Sono cronaca recente le multiformi funzioni del Corpo, molto accresciutosi nelle competenze e nella professionalità.

Per appunti e osservazioni: Ufficio Relazioni Esterne, 06 59083108


copertina articolo vignani.jpg

Per saperne di più sulla storia del Corpo delle Capitanerie di Porto consulta l'articolo di approfondimento cliccando qui.