DEFINITIVA.jpg

Un calendario speciale in versione "maschera e pinne" che racconti la Guardia Costiera attraverso il suo valore aggiunto, l'elemento umano, descritto quest'anno nelle tre figure operative specialistiche dell'aerosoccorritore, del soccorritore marittimo e del subacqueo.

Un calendario che, nel segno della tradizione, porti la Guardia Costiera nelle case, negli Uffici e nella quotidianità degli italiani, accompagnandoli nel corso di un intero anno che, ci si augura, riservi loro momenti significativi come quelli che il 2017 ha riservato al Corpo.

Un "anno speciale", infatti, quello appena trascorso, segnato da eventi "storici": su tutti, la visita al Comando Generale, per la prima volta, della massima carica istituzionale del Paese lo scorso 19 luglio, circostanza in cui il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha manifestato il proprio apprezzamento per l'impegno della Guardia Costiera lungo gli 8.000 km di coste e nei principali laghi italiani rimarcando poi, nel rivolgersi a tutto il personale, il significato del motto del Corpo "omnia vincit animus": quell'animo che, ben oltre la traduzione letterale, "raccoglie diversi significati, l'intelligenza, la passione e il coraggio messi in campo quotidianamente dalla Guardia Costiera".

L'ulteriore conferma di un 2017 speciale è arrivata lo scorso 20 luglio, data in cui è ricorso il 152° anniversario della nascita del Corpo, festeggiato per la prima volta nella sede del Comando Generale di Roma e culminato con l'esecuzione dell'inno della Guardia Costiera "Angeli del mare", il cui spartito è conservato all'interno di questo calendario. Un inno che intende unire il passato e il presente del Corpo: un passato di valori, tradizioni e solide radici che ancora oggi continuano a sostenere lo spirito e l'azione degli uomini e donne delle Capitanerie di porto.

 Un calendario, quello del 2018, che permetta ai cittadini di vivere un altro anno al fianco della Guardia Costiera, e che racconti come la Guardia Costiera continuerà ad operare al loro fianco: un rapporto biunivoco che consenta di guardare al futuro con sereno e rinnovato ottimismo.